Informatica per ciechi e ipovedenti, progetto sostenuto dalla Regione

Grazie al progetto "Assistenza informatica per disabili visivi", realizzato in Trentino, viene favorita l’integrazione sociale di ciechi e ipovedenti. Sostegno della Regione all'iniziativa.

La Giunta regionale ha approvato un progetto per l'assistenza informatica a ciechi e ipovedenti (Foto: ASP/Franco Grigoletto)

La Giunta regionale ha approvato questa mattina (17 ottobre), la delibera presentata dall’assessore Giorgio Leonardi relativa al finanziamento del progetto "Assistenza informatica per disabili visivi" realizzato dalla Provincia di Trento su proposta della locale Sezione dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti. L'associazione ha avviato già dal 2016 il progetto, che si prefigge l’obiettivo di fornire l’istruzione informatica ad un’ampia cerchia di utenti soprattutto quelli difficilmente raggiungibili perché dislocati nelle valli più lontane e quindi maggiormente bisognosi. L’obiettivo è quello di favorire la loro autonomia e l’integrazione sociale che passa anche attraverso l’apprendimento di tecnologie informatiche sempre più diffuse all’interno dei contesti personali, familiari e professionali.

Il progetto si rivolge alle persone con disabilità visiva di varia intensità, riconducibili alle categorie dei ciechi totali, dei ciechi parziali e degli ipovedenti gravi, nonchè a soggetti che hanno perso la vista in età avanzata e che hanno dunque un'ulteriore e grave difficoltà di approccio all'informatica e alle tecnologie digitali. La Sezione provinciale di Trento dell’Unione ciechi e ipovedenti, ha attivato, attraverso il progetto assistenza informatica per disabili visivi un servizio a domicilio con un operatore che permette ai propri associati di conseguire più velocemente un adeguato standard qualitativo di apprendimento informatico. Il finanziamento approvato  dalla Giunta regionale ammonta complessivamente a 29.600 euro.

ASP/fg

Galleria fotografica