Personale sanità: secondo accordo stralcio su carriera e part time

Elementi fondamentali del secondo accordo stralcio dei dirigenti sanitari, approvato oggi dalla Giunta, sono il riconoscimento delle esperienze professionali e più flessibilità per il part time.

Elementi fondamentali del secondo accordo stralcio dei dirigenti sanitari, approvato oggi dalla Giunta, sono il riconoscimento delle esperienze professionali e più flessibilità per il part time (Foto: ASP/Ivo Corrà)

È stato approvato oggi (21 gennaio) dall’esecutivo, su proposta del presidente della Giunta, Arno Kompatscher, il secondo accordo stralcio relativo al personale dirigente della sanità che riguarda complessivamente circa 1200 medici e veterinari e 300 dirigenti di altre figure professionali come farmacisti, biologi, chimici, fisici e psicologia nonché dirigenti delle professioni sanitarie. Per la prima volta l’accordo è stato sottoscritto da tutte le sigle sindacali coinvolte nelle trattative.

Elementi innovativi dell’accordo sono il riconoscimento di particolari esperienze professionali e norme più flessibili per il part time. Per quanto riguarda la carriera professionale l’accordo introduce la possibilità, per i collaboratori, di ampliare le proprie competenze nei vari ambiti e di trasmetterle agli altri dipendenti. Chi possiede specifiche conoscenze potrà inoltre essere incaricato di realizzare progetti rilevanti o considerati strategici. In questo modo viene introdotta un’ulteriore possibilità di carriera oltre alla forma sinora prevista, la carriera dirigenziale, e quindi l’acquisizione di un’elevata esperienza professionale.

“In questo modo vogliamo motivare il nostro personale ad acquisire costantemente nuove capacità e conoscenze professionali o ad ampliare particolari competenze. Questo aspetto grazie al nuovo contratto potrà trovare un adeguato riconoscimento anche sotto il profilo economico. Ciò potrà contribuire a far sì che l’Alto Adige divenga una sede di lavoro sempre più interessante sotto il profilo professionale per il personale medico”, sottolinea l’assessore alla salute, Thomas Widmann.

Un ulteriore aspetto innovativo è rappresentato dalla parte del contratto che regola i “rapporti di lavoro con impegno orario ridotto” (part time). Sinora questi rapporti di lavoro non potevano riguardare un rapporto di lavoro part time al di sotto del 50% del tempo pieno. In futuro sarà prevista una riduzione dell’orario di lavoro sino al 30% del tempo pieno. Oltre a ciò l’accordo rende possibile un’organizzazione più flessibile dei rapporti di lavoro a tempo parziale. “Grazie a questo nuovo accordo vengono ampliate le possibilità per andare incontro alle esigenze familiari o individuali del personale”, afferma Widmann.

Dopo la firma del secondo accordo stralcio per il rinnovo del contratto collettivo del personale dirigente della sanità avranno inizio le trattative del nuovo contratto per il personale di cura e delle altre professionali sanitarie, così come per l’ambito amministrativo e tecnico.

 

ASP/fg

Galleria fotografica