Trasporto pubblico solo per chi deve garantire servizi essenziali

Il trasporto pubblico va utilizzato solo da coloro che devono fare viaggi per garantire servizi essenziali. "Bambini e anziani non dovrebbero usare i mezzi pubblici", sottolinea l'assessore Alfreider

L'assessore Alfreider chiede ai cittadini di non usare i trasporti per il tempo libero (Foto ASP/Ingo Dejaco)

Come previsto dal recente decreto del presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, le linee di trasporto pubblico sono attualmente garantite su tutto il territorio. "Per garantire i servizi di base nei settori della sanità e della protezione civile, nonché l'approvvigionamento di generi alimentari e medicinali, è importante garantire alle persone che lavorano in questi settori un mezzo di trasporto per andare al lavoro e tornare a casa", afferma l'assessore provinciale alla mobilità Daniel Alfreider. L’assessore sottolinea che in questi giorni i trasporti pubblici non dovrebbero in nessun caso essere utilizzati per il tempo libero. Specialmente gli anziani e i bambini non dovrebbero utilizzare i mezzi pubblici.

Se diverse persone continuano a non rispettare le norme di tutela della salute, il Dipartimento della mobilità annuncia anche di prendere in considerazione la possibilità di interrompere completamente i servizi. "Proteggiamo noi stessi e gli altri e sosteniamo coloro che aiutano a salvare vite umane e a mantenere i servizi essenziali", sottolinea Alfreider. Il Dipartimento della mobilità ha già fermato alcune linee, ad esempio nelle aree turistiche, e ha riorganizzato gli orari per meglio soddisfare le esigenze attuali. I cambiamenti a breve termine nel trasporto pubblico si possono trovare sul portale www.sii.bz.it

ASP/san/rc

Galleria fotografica