Parchi naturali, rinviati gli eventi e le aperture previsti in aprile

Nei parchi naturali dell’Alto Adige l’apertura dei centri visite in aprile e le varie iniziative programmate sono rinviate per l’emergenza da Coronavirus. Possibili, invece, le visite virtuali.

Una panoramica dei 7 parchi naturali

L’avvio della stagione nei parchi naturali in Alto Adige e dei loro centri visite quest’anno, causa l’emergenza da Coronavirus, subisce delle modifiche. Per ora è rinviata l’apertura in aprile dei centri visite dei parchi naturali Monte Corno, a Trodena, e Gruppo di Tessa, a Naturno. Lo stesso vale per le iniziative qui programmate.

I centri visite dei sette parchi naturali altoatesini Monte Corno, Gruppo di Tessa, Tre Cime, Puez-Odle, Fanes-Senes-Braies, Vedrette di Ries-Aurina e Sciliar-Catinaccio, ogni anno propongono un’offerta variegata di iniziative ai visitatori. Accanto alle mostre permanenti, vi sono numerose mostre temporanee, nonché escursioni giornaliere e conferenze e proiezioni serali. L’obiettivo, fornire impressioni sull’affascinante mondo dei parchi naturali e sulle peculiarità dei loro paesaggi, dei monti e della natura nelle aree protette.

Centro visite Gruppo di Tessa 

L’apertura del centro visite del Gruppo di Tessa è rinviata. Per il suo rinvio viene a cadere anche la prevista l’inaugurazione della mostra sulla catena alimentare nel mondo animale. 

Centro visite Monte Corno 

Rinviata anche l’apertura del centro visite Monte Corno. Rinvio anche per la giornata dedicata alla cottura del pane secondo metodi tradizionali con Marianna Stuppner. 

Gli altri centri visite

Restano per ora uguali le date di paertura per i centri visite degli altri parchi naturali, ovvero il 5 maggio per i centri visite di Tre Cime, a Dobbiaco, Puez-Odle, a Santa Maddalena /Funes, Fanes-Senes-Braies, a San Vigilio, Vedrette di Ries-Aurina, a Campo Tures, e il 9 giugno per il centro visite Sciliar-Catinaccio, a Tires. Eventuali cambiamenti saranno resi noti.

Visite virtuali

Se slittano le aperture, sono comunque sempre possibili delle visite virtuali come, ad esempio, al parco delle Tre cime o nella zona Sciliar-Catinaccio.

Ulteriori informazioni sui parchi naturali e sui loro centri visite sono reperibili sul portale della Provincia dedicato ai parchi naturali e su Facebook.

 

ASP/ASP

Galleria fotografica