Servizi digitali impegnati per Coronavirus, prolungato il bando FESR

La call è destinata a enti pubblici per sviluppare servizi di eGovernment. Obiettivo: snellire e semplificare adempimenti burocratici e procedure a vantaggio dei cittadini.

I servizi delle pubbliche amministrazioni sono impegnati a istituire servizi digitali per i cittadini: prolungato il bando FESR. (Foto: pixabay.com)

C'è tempo ancora fino al prossimo 3 aprile 2020 per presentare proposte progettuali nell'ambito del bando FESR relativo alla promozione dei servizi digitali al cittadino. La scadenza originaria era fissata al 20 marzo 2020. L'attuale situazione di emergenza legata al nuovo Coronavirus che impone di limitare gli spostamenti e impostare le attività con lo strumento del telelavoro, ha procurato un surplus di impegno proprio a quei soggetti che potrebbero candidarsi, ossia gli enti pubblici che si occupano di servizi informatici per realizzare servizi di e-Government. Per questo motivo la Giunta ha approvato la proroga della scadenza al 3 aprile 2020.

Il bando intende realizzare gli obiettivi del documento strategico "Alto Adige Digitale 2020", rafforzando le applicazioni informatiche e della comunica­zione nei settori di competenza della pubblica amministrazione. A disposizione ci sono 2.515.000 euro per progetti che vanno dallo sviluppo di app "mobile first", servizi condivisi fra diverse amministrazioni (archiviazione, gestione documentale) e digitalizzazione di servizi eGovernment per cittadini e imprese per mezzo di procedure abbreviate, semplificate, completamente dematerializzate.

ASP/sf/LPA

Galleria fotografica