Film d'autore online e nuovo canale per il Centro Audiovisivi

Risorse audiovisive gratuitamente consultabili online e un nuovo canale per il Centro Audiovisivi della Ripartizione Cultura italiana. Vettorato: "Occasione per conoscere il territorio da casa".

Un buon film rappresenta un ottimo strumento per accrescere la propria cultura. (Foto: Pexels)

La Ripartizione Cultura italiana propone a tutti gli utenti una serie di iniziative in tempo di nuovo coronavirus. Nuovo canale Youtube, documentari e oltre 1.000 film d'autore, grazie al programma Open Culture. Per l'assessore alla cultura italiana Giuliano Vettorato è "un'occasione per conoscere e apprezzare il nostro territorio anche da casa". Ogni crisi porta con sé anche nuove opportunità. In questo periodo una delle risorse più preziose è il tempo, che permette di approfondire la conoscenza del territorio locale, la sua storia e la sua cultura. Un'opportunità che il Centro Audiovisivi della Ripartizione Cultura italiana vuole dare a tutti gli utenti attraverso un nuovo canale YouTube Centro Audiovisivi creato per offrire proposte culturali anche in tempo di coronavirus: perché la cultura non si ferma, anzi, aiuta a rimanere attivi e sereni. "Dobbiamo trascorrere tanto tempo a casa – spiega l'assessore Vettorato – dobbiamo e possiamo sfruttarlo al meglio anche per conoscere e apprezzare il territorio in cui viviamo, direttamente sul nostro divano di casa o sul nostro computer".

Documentari e film d'autore

Le iniziative a distanza promosse dalla cultura italiana offrono agli utenti da casa altre due proposte.  La collana di documentari Tempi Moderni. "Monumenti della tecnica lungo le piste ciclabili" è la prima parte di una serie di filmati che saranno pubblicati sul web ogni mercoledì. Rappresenta una sorta di viaggio virtuale attraverso luoghi che ripercorrono la storia della tecnica in Alto Adige. Si possono scoprire aspetti inediti della nostra terra, gettare sguardi nuovi su siti che si pensava di conoscere, avere risposte a curiosità che erano sempre rimaste tali. La novità di oggi (8 aprile) è il documentario di Luciano Stoffella dal titolo "Claudia de' Medici. Arciduchessa del Tirolo" (2006). E per gli appassionati di cinema, in attesa del riavvio delle attività di prestito gratuito e proiezioni di film d’autore, su OPEN CULTURE The Best Free Cultural & Educational Media on the Web (http://www.openculture.com) si possono vedere gratuitamente 1.150 film, dai grandi classici, ai noir.

ASP/tl

Galleria fotografica