Nuova ordinanza del presidente: da subito più libertà di movimento

Il presidente Kompatscher oggi (19 maggio) ha firmato una nuova ordinanza. Le misure in essa contenute sono in vigore da oggi. Appello alla responsabilità e alla prudenza individuali.

L'ultima ordinanza del presidente Kompatscher recepisce le nuove direttive del decreto 18 maggio del Governo. (Foto: ASP/Ivo Corrà)

Il presidente della Provincia Arno Kompatscher ha firmato oggi una nuova ordinanza, la numero 26. A prescindere da quanto stabilito a livello nazionale, sul territorio provinciale valgono le misure stabilite dalla legge provinciale 4/20 dell'8 maggio scorso, soprattutto per quanto riguarda le regole di prevenzione come quella di 1/10 (una persona ogni 10 mq negli ambienti) e quella della distanza di sicurezza di 2 metri quando ci si trova all'aperto. Secondo il presidente della Provincia Kompatscher "ora è importante procedere con cautela. Il pericolo di una seconda ondata è grande. Per questo stabiliremo le nuove regole in modo attento per evitare nuovi contagi". Allentamenti delle restrizioni alla circolazione sono invece già esecutivi sin d'ora. L'ordinanza urgente Nr. 26 recepisce infatti il cosiddetto "Decreto 18 maggio" del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte in vigore appunto da ieri su tutto il territorio nazionale: da subito i cittadini possono muoversi in tutta la regione senza autodichiarazione.

Allentate le norme sulla quarantena per chi arriva in Italia

Alleggerite anche le norme sul rispetto della quarantena per chi entra in Italia: sin da subito non sono più tenuti a osservarla gli studenti fuori sede di università europee ed apprendisti che stanno concludendo il proprio corso di studi, equipaggio e personale viaggiante dei mezzi di trasporto, lavoratori transfrontalieri, ma anche chi fa ingresso in Italia per lavoro se cittadino e residente in uno dei Paesi UE, in Stati parte dell'accordo Schengen, nel Regno Unito e in Irlanda del Nord, Andorra, Principato di Monaco, San Marino e Città del Vaticano, oltre che il personale sanitario in ingresso in Italia per lavoro. Le stesse categorie sono dispensate fino al 2 giugno dalla quarantena in caso di transito o soggiorno in Italia di breve durata.

Regole precise per i lavoratori stagionali

Regole più stringenti sono previste per i lavoratori extra UE o di Paesi non inclusi in questo elenco. Questi sono autorizzati a raggiungere l'Italia e a svolgere il periodo di quarantena iniziando sin da subito a prestare servizio presso l'azienda agricola o forestale di destinazione, ma solo nel caso in cui quest’ultima sia in grado di "attrezzare le strutture per l'accoglienza dei lavoratori in modo da garantire che il prescritto periodo di isolamento fiduciario sia ivi svolto". Le linee guida rispetto alle modalità di tale "quarantena attiva" saranno licenziate a breve.

Dal 3 giugno libertà di movimento oltre la Regione

Dal 3 giugno vige libertà di movimento non solo fra le regioni italiane ma anche fra gli Stati UE, quelli parte dell'accordo Schengen, il Regno Unito e Irlanda del Nord, Andorra, Principato di Monaco, San Marino e Città del Vaticano. In questi casi non è più obbligatorio rispettare la quarantena una volta entrati in Italia.

Autorizzate le attività sportive di gruppo all'aperto con istruttore, ma a distanza. Vietati gli sport di squadra

Sul fronte delle attività sportive la nuova ordinanza inserisce fra le attività sportive all'aperto consentite quelle esercitate da più persone coordinate da un istruttore che vigila sul rispetto delle distanze interpersonali stabilite dalla legge 4/20 vale a dire 3 metri di distanza fra le persone quando ci si trova all'aperto per praticare attività sportiva. Restano invece in ogni caso vietati gli sport e i giochi di squadra. Possono invece riprendere le attività addestrative nonché i corsi di formazione dei vigili del fuoco, sia volontari che permanenti, e delle organizzazioni volontariato facenti parte delle strutture operative della protezione civile.

Palestre e manifestazioni pubbliche, necessari ulteriori provvedimenti

Nella sua seduta odierna la Giunta ha anche deciso che, indipendentemente dall'ordinanza firmata oggi e a integrazione della legge provinciale 4/20, sarà a breve pubblicato un ulteriore regolamento per manifestazioni pubbliche, iniziative con presenza di pubblico e palestre. Rimangono invece sospese le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e simili, oltre che di terme e centri benessere, fiere e congressi. Si prevede che le palestre possano aprire il 25 maggio o nei giorni immediatamente successivi.

La Giunta ha anche deciso di svolgere un'analisi tecnica per verificare le norme in vigore in Alto Adige che in parte sono più servere che nel resto d'Italia, per valutare eventuali allentamenti delle misure di sicurezza da inserire in una prossima ordinanza. "Con tutta la dovuta comprensione per la voglia di distensione, dobbiamo essere e rimanere cauti, perché il virus corona non è ancora stato sconfitto" ha rimarcato Kompatscher nel suo appello alla cautela generale.

ASP/gst/sf

Galleria fotografica