Giunta: nuovo piano provinciale per la rete riabilitativa

Novità per la rete riabilitativa altoatesina: semplificazione dei ricoveri riabilitativi e di lungodegenza. Nuova anche la prescrizione da parte di medici specialisti.

Un paziente durante una visita di riabilitazione. Il nuovo piano della rete riabilitativa comporta alcune novità. (Foto: Pixabay/lartaldato)

Oggi (30 giugno) la Giunta ha approvato il nuovo piano della rete riabilitativa per gli anni 2020-2025. Un gruppo di lavoro composto da rappresentanti della Ripartizione Salute, dell’Azienda sanitaria e di attori pubblici e privati attivi nel settore della riabilitazione ha definito i criteri d’accesso e le nuove scale di misurazione per i ricoveri riabilitativi e di lungodegenza. Il nuovo piano sostituisce il piano per il triennio 2019-2021.

Novità per la rete riabilitativa

Grazie al nuovo piano provinciale sono state uniformate e semplificate le procedure di dimissione dal ricovero acuto e il passaggio a quello post-acuto. Una delle novità principali è la possibilità di prescrizione del ricovero riabilitativo da parte di un medico specialista. Finora il ricovero poteva essere prescritto solo da un medico di riabilitazione.

Riabilitazione più efficiente

“Il nuovo piano rende il passaggio da un ricovero acuto alla riabilitazione più semplice e veloce”, fa presente l’assessore alla salute, Thomas Widmann. “Abbiamo inoltre ottimizzato l’utilizzo delle risorse – conclude Widmann – per rispondere meglio alle esigenze di ogni singolo paziente”. All’Azienda sanitaria è stato affidato il compito di formare i soggetti coinvolti. È prevista l’implementazione della delibera entro sei mesi. 

ASP/so/so

Galleria fotografica