Riavvio in autunno delle conferenze "donne informate"

Riprendono le conferenze organizzate dalla commisisone provinciale per le pari opportunità delle donne insieme al servizio donne. Prenotazioni possibili fino all'11 settembre.

Logo accademia delle donne

La commissione provinciale per le pari opportunità per le donne e il servizio donne offrono da anni, in collaborazione con diverse organizzazioni ed associaizoni delle donne della comunità altoatesina, le conferenze “donne informate”.

A causa dello stato di emergenza del coronavirus le conferenze della primavera 2020 sono state sospese. “Abbiamo ben utilizzato il tempo e contattato le nostre consolidate referenti, per attualizzare insieme a loro le priorità tematiche. A riguardo sono stati aggiunti nuovi temi per le conferenze e nuove referenti, grazie a cui è stato possibile ideare un ottimo programma generale per l’autunno 2020”, si rallegra la presidente del comitato provinciale Ulrike Oberhammer. I temi delle conferenze spaziano dalle questioni giuridiche alla salute delle donne, dal rafforzamento dell’autostima, della motivazione e dello spirito fino alla rappresentazione nei social media e molto altro.

Prenotazione per le conferenze fino all’11 settembre 2020

Le conferenze in lingua italiana e in lingua tedesca possono essere pianificate nello spazio di tempo dal 1 ottobre al 15 dicembre 2020, rivolgendosi al servizio donne.

Le conferenze in lingua italiana e in lingua tedesa possono essere pianificate tra il 1 ottobre e il 15 dicembre, prenotandosi in anticipo. Le organizzazioni per donne interessate possono rivolgersi entro venerdì 11 settembre 2020 al servizio donne della provincia (Tel. 0471 416971 – serviziodonne@provincia.bz.it). possono scegliere dal programma un tema che desiderano, proporre data ed orario e selezionare un’adeguata aula per conferenze nel proprio comune. È necessario rispettare le misure di sicurezza per il Covid-19 riguardanti fli eventi pubblici. Per le organizzazioni per donne la conferenza è gratuita, il budget è predisposto dalla commissione provinciale per le pari opportunità per le donne.

ASP/mpi/Ma

Galleria fotografica