Contenuto principale

Cultura socialis

cultura socialis bild

Cultura Socialis: Dare esempio – dare risalto

Cultura socialis è un'iniziativa culturale del settore sociale creata per promuovere lo sviluppo di processi rivolti ad una "nuova cultura del sociale" e per accrescere, a tutti i livelli, l'impegno sociale. Committente dell'iniziativa è la Ripartizione famiglia e politiche sociali.

Cultura Socialis offre la possibilità di costruire reti e coltivare contatti per il settore sociale e dà impulso ad una nuova politica sociale. La presentazione di iniziative esemplari serve poi per mettere in risalto particolari progetti sociali.

L’iniziativa è composta:

  • dalla manifestazione “Cultura Socialis”, realizzata ogni anno all'inizio della primavera. In tale occasione vengono presentati e messi in risalto particolari progetti sociali
  • da un “tavolo di discussione permanente”, in cui persone di differenti settori (sociale, cultura, economia...) quattro volte l’anno discutono di tematiche sociali e danno nuovo impulso alla politica sociale.


Cultura Socialis : novità 2014

In un’ottica di innovazione per l’edizione del 2014 sono state sviluppate delle proposte di modifica dai/dalle componenti della giuria e da chi segue „Cultura Socialis“ con vivo interesse. Ecco cosa cambia: Negli ultimi anni la giuria ha scelto per ciascuna edizione 15 progetti suddivisi su cinque ambiti, assegnando un premio per ogni ambito e presentando, però, tutti i progetti in una brochure. Nel 2014 verranno scelti 10 progetti da presentare nella brochure. Cinque di questi verranno nominati per il “Premio Cultura Socialis” e presentati il giorno dedicato a “Cultura Socialis” attraverso un filmato. Per la prima volta la giuria assegnerà soltanto un premio. A questo si affianca il nuovo “Premio del pubblico”, affidato alle scelte dei presenti alla manifestazione del 21 marzo 2014.

 Si rinuncia ai cinque ambiti finora considerati, ma nella valutazione la giuria terrà conto comunque di realtà sociali differenziate: L’invito ai voi tutti è di tenere conto nella individuazione dei progetti del lavoro professionale nei settori del sociale, della formazione e della cultura nonché della sanità, di guardare all’attività di volontariato e di sviluppo del senso di appartenenza alle comunità locali, al ruolo dei media e della comunicazione nella valorizzazione dell’ impegno sociale, di considerare i contributi delle imprese, del lavoro e della politica a livello comunale.
continua

 

(Ultimo aggiornamento: 26/03/2014)