OKkio-Risultati

  • Descrizione della popolazione in studio (anno 2012)

    Nel 2012 nella Provincia Autonoma di Bolzano hanno partecipato all’indagine il 100% delle scuole ed 100% delle classi sulle 57 scuole e sulle 60 classi rispettivamente campionate. La proporzione di maschi e di femmine nel nostro campione è simile. La maggior parte delle madri ha una licenza elementare o media (43%) o un diploma (42%). Il 56% delle madri lavora part time.

     
  • Le abitudini alimentari dei bambini (anno 2012)

    Nella nostra Provincia il 65% dei bambini fa una colazione qualitativamente adeguata. Nel 26% delle classi è stata distribuita una merenda di metà mattina. I genitori riferiscono che solo il 26% dei bambini consuma la frutta 2-3 al giorno; il 37% una sola porzione al giorno. Il 18% dei bambini assume bevande zuccherate una volta e il 25% più volte al giorno.

     
  • L’ambiente scolastico e il suo ruolo nella promozione di una sana alimentazione e dell’attività fisica (anno 2012)

    Nella nostra Provincia l’84% delle scuole campionate, ha una mensa scolastica funzionante. Le scuole che distribuiscono ai bambini frutta o latte o yogurt, nel corso della giornata, sono il 47%. Circa il 40% delle scuole dichiara che tutte le classi svolgono normalmente le 2 ore di attività motoria. L’attività curriculare nutrizionale è prevista dal 95% delle scuole campionate.

     
  • L’uso del tempo dei bambini: le attività sedentarie (anno 2012)

    Nella nostra Provincia, i genitori riferiscono che l’86% dei bambini guarda la TV o usa videogiochi da 0 a due 2 ore al giorno, mentre il 12% è esposto quotidianamente alla TV o ai videogiochi per 3 a 4 ore e il 2% per almeno 5 ore. Complessivamente il 10% dei bambini ha un televisore nella propria camera.

     
  • L’uso del tempo dei bambini: l’attività fisica (anno 2012)

    Nel nostro studio il 5% dei bambini risulta non attivo il giorno antecedente all’indagine. La percentuale maggiore di bambini non attivi vive in aree geografiche con più di 50.000 abitanti (12%). I maschi fanno sport più delle femmine. Secondo i loro genitori, nella nostra Provincia, il 16% dei bambini fa un’ora di attività fisica per 2 giorni la settimana, il 2% neanche un giorno ed il 45% da 5 a 7 giorni.

     
  • Percezione delle madri sulla situazione nutrizionale e sull’attività fisica dei bambini (anno 2012)

    Nella nostra Provincia ben il 46% delle madri di bambini sovrappeso e il 10% delle madri di bambini obesi ritiene che il proprio bambino sia normopeso o sottopeso. Solo il 24% delle madri di bambini sovrappeso e il 37% di bambini obesi ritiene che il proprio bambino mangi troppo. All’interno del gruppo di bambini non attivi, il 67% delle madri ritiene che il proprio figlio svolga sufficiente attività fisica e il 17% molta attività fisica.

     
  • Stato ponderale (anno 2012)

    In Provincia complessivamente il 16% dei bambini presenta un eccesso ponderale che comprende sia sovrappeso che obesità. Le prevalenze di obesità e di sovrappeso sono simili tra i bambini di 8 e 9 anni e tra maschi e femmine. Quando almeno uno dei due genitori è in sovrappeso il 17% dei bambini risulta in sovrappeso e il 4% obeso.

     
  • Abitudini alimentari (anno 2010)

    Nella nostra Provincia il 71,5% dei bambini fa una colazione qualitativamente adeguata. I genitori riferiscono che il 23,1% dei bambini consuma la frutta 2-3 volte al giorno. Poco più della metà dei bambini consuma meno di una volta al giorno o mai delle bevande zuccherate.

     
  • Ambiente scolastico (anno 2010)

    Nella nostra Provincia il 77,5% delle scuole, ha una mensa scolastica funzionante. Le scuole che distribuiscono ai bambini frutta, latte o yogurt nel corso della giornata sono il 52,1%. Poco più di un terzo delle scuole dichiara che tutte le classi svolgono normalmente le 2 ore di attività motoria e il 45,7% riferisce che circa la metà o poche classi fanno le 2 ore raccomandate.

     
  • Attività fisica (anno 2010)

    Nel nostro studio il 93,6% dei bambini risulta attivo il giorno antecedente all’indagine. L’88,8% dei bambini ha giocato all’aperto il pomeriggio antecedente all’indagine. Più della metà dei bambini, nella mattina dell’indagine, ha riferito di essersi recato a scuola a piedi o in bici.