News

Giornata internazionale della migrazione dei pesci

Il 21 aprile, in occasione della giornata internazionale della migrazione dei pesci, viene posta l’attenzione sull’importanza di preservare i corsi d’acqua quali ambienti di vita il più possibile intatti, in modo da garantire una migrazione libera dei pesci. Anche l’Alto Adige partecipa. Con un contributo video e un quiz online, esperti dell’Agenzia provinciale per l’ambiente, dell’Agenzia per la Protezione civile e dell’Ufficio Caccia e pesca informano su ambienti acquatici, bacini montani e tutela delle acque.

Immagine del gioco ProNatura

Quasi tutti i pesci che vivono nei corsi d’acqua altoatesini sono migratori. Soprattutto durante il periodo della riproduzione risalgono lunghi tratti di fiume per raggiungere il luogo più adatto in cui deporre le uova. La loro migrazione assomiglia molto ad un percorso ad ostacoli: al di là degli impedimenti naturali si ritrovano ad affrontare sbarramenti come dighe, briglie e argini che d’altra parte sono indispensabili per evitare inondazioni e garantire l’incolumità delle terre coltivate e degli insediamenti produttivi. Per non parlare degli invasi o degli impianti idroelettrici che vengono costruiti lungo i corsi d’acqua per produrre energia e per l’utilizzo idrico.

Solamente i migliori nuotatori, che in Alto Adige sono le trote, sono in grado di superare ostacoli fino ad un’altezza massima di un metro. Per gli esemplari più giovani e le specie che non sanno nuotare così bene (ad esempio lo scazzone), anche un semplice scalino può diventare un problema. Da circa vent’anni, in Provincia di Bolzano, L’Agenzia per la Protezione civile pone un'attenzione particolare alle problematiche riferite all’habitat dei pesci anche nell’ambito dei lavori di sistemazione dei corsi d’acqua, modificando le opere in modo da renderle accessibili ai pesci. Come previsto dal Piano Generale di Utilizzazione delle Acque Pubbliche anche presso le centrali idroelettriche, che rappresentano un ostacolo alla migrazione, devono essere previste le cosiddette scale pesci per permettere alla fauna ittica di superare gli ostacoli e risalire la corrente. Di conseguenza, l'habitat acquatico viene significativamente migliorato, come dimostrato dall'evoluzione della numerosità delle specie ittiche.

Con un contributo video e un quiz online dell’Agenzia provinciale per l’ambiente - Ufficio Tutela acque, dell’Agenzia per la Protezione civile - Bacini montani e dell’Ufficio Caccia e pesca, anche l’Alto Adige partecipa attivamente alla giornata internazionale della migrazione dei pesci.

GIOCO:

aiuta il pesce a raggiungere i suoi luoghi di deposizione delle uova col gioco di simulazione ProNatura  

HyMoCARES

L’ Agenzia per la Protezione civile è Lead partner del progetto Interreg Alpine Space HyMoCARES, per la valutazione dei benefici degli interventi di riqualificazione fluviale.

LM

Galleria fotografica