L'Alto Adige vaccina - INSIEME CONTRO IL CORONAVIRUS

L'Alto Adige vaccina

Il 27 dicembre 2020 è partita la vaccinazione contro il virus Sars-CoV-2 nella maggior parte dei Paesi europei, compreso l'Alto Adige. La somministrazione dei vaccini sta proseguendo. Il Piano vaccinale nazionale prevede inizialmente la vaccinazione del personale sanitario delle istituzioni pubbliche e private, dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta, del personale e dei residenti delle Case di Riposo e di Cura nonché dei collaboratori e delle collaboratrici delle organizzazioni di soccorso. Anche il personale degli enti per l’assistenza sociale e gli ultraottantenni che vivono presso la propria abitazione, quindi non in una Casa di Riposo, saranno tra le prime categorie ad essere vaccinate. L'Alto Adige sta intensificando gli sforzi e le risorse per vaccinare in breve tempo il maggior numero possibile di persone.

Il vaccino attualmente in uso è stato sviluppato dalle aziende BioNTech e Pfizer. Si tratta di un vaccino che funziona grazie ad un cosiddetto RNA messaggero, chiamato anche mRNA: una molecola che è in grado di produrre la proteina “spike” che il virus utilizza per infettare l'uomo. Questo permette al sistema immunitario di creare anticorpi contro tale proteina. Così, quando una persona vaccinata entra in contatto con il virus SARS-CoV-2, gli anticorpi bloccano la proteina “spike” impedendole di entrare nelle cellule. Il secondo vaccino, che è stato approvato, proviene dalla ditta Moderna e agisce secondo lo stesso principio.

Un confronto tra i vaccini BioNTech Pfizer e Moderna:

DomandaPfizer BioNTechModerna
Di che tipo di vaccino si tratta? mRNA: viene iniettato un RNA messaggero che permette la formazione di proteine che, a loro volta, stimolano la produzione di anticorpi. mRNA: viene iniettato un RNA messaggero che permette la formazione di proteine che, a loro volta, stimolano la produzione di anticorpi.
Con quale intervallo vengono somministrate le due dosi? 21 giorni 28 giorni
Quando si ottiene l'immunizzazione completa? all'incirca una settimana dopo la seconda dose all'incirca due settimane dopo la seconda dose
A quale temperatura deve essere conservato il vaccino? a circa -75 gradi. Dopo lo scongelamento, il vaccino deve essere utilizzato entro 5 giorni. Dai -15 ai -25 gradi circa. Tuttavia, se non viene aperto, rimane stabile a 2-8 gradi per 30 giorni.
Il vaccino deve essere diluito? Sì. Una fiala contiene sei dosi di vaccino. No. Il vaccino viene somministrato senza essere diluito.
Quanto è elevata l'efficacia? 95 percento 95 percento
A partire da quale età si vaccina? 16 anni 18 anni

Non appena l’Alto Adige ha ottenuto il via libera da parte dello Stato, sono partite le vaccinazioni per le persone di età superiore agli 80 anni. La somministrazione del vaccino a questi circa 33.000 cittadini e cittadine è dunque già iniziata e continuerà nelle prossime settimane. La pianificazione delle date di vaccinazione dipende anche dalle consegne delle dosi di vaccino. Attualmente la vaccinazione avviene prevalentemente nei Centri vaccinali ospedalieri.

La vaccinazione delle persone di età superiore agli 80 anni è organizzata dai singoli Comprensori sanitari. Chi non ottiene subito un appuntamento per la vaccinazione sarà messo in lista d'attesa.

Si prega di essere pazienti: tutte le persone interessate riceveranno la vaccinazione!

Gli appuntamenti per le vaccinazioni possono essere prenotati ai seguenti numeri di telefono:

Bolzano:

0471 457 457 (lunedì-venerdì, ore 8.00-16.00)

0471 100 999 (lunedì-venerdì, ore 8.00-18.00, sabato ore 8.00-16.00)

Merano:

0473 264 000 (lunedì-venerdì, ore 8.00-18.00)

Silandro:

0473 735 160 (lunedì-venerdì, ore 8.00-16.00)

Bressanone:

0472 250 400 (lunedì-venerdì, ore 8.00-16.00)

Brunico:

0474 581 040 (lunedì-venerdì, ore 8.00-16.00)

0474 581 014 (lunedì-venerdì, ore 8.00-16.00)

0474 581 044 (lunedì-venerdì, ore 8.00-16.00)

Centro Unico di Prenotazioni per la Prevenzione:

0472 973 850 (lunedì-sabato, ore 8.00-16.00)

Domande frequenti

Quali vaccini sono disponibili?       

Attualmente, in Italia, è disponibile il vaccino Pfizer BioNTech. Anche il vaccino della ditta Moderna è stato approvato, ma non è ancora stato consegnato.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 12.01.2021

Quale vaccino viene somministrato adesso?

Il vaccino si chiama Covid-19 mRNA BNT162b2 (Comirnaty). E' stato svipuppato dalle ditte Pfizer e BioNTech. Qui trovate il foglio illustrativo.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Come agisce questo vaccino?

I virus SARS-CoV-2 infettano le persone utilizzando una proteina di superficie, denominata Spike, che agisce come una chiave permettendo l’accesso dei virus nelle cellule, in cui poi si possono riprodurre. Il vaccino è fatto con molecole di acido ribonucleico messaggero (mRNA) che contengono le istruzioni affinché le cellule della persona sintetizzino le proteine Spike. Le proteine prodotte stimolano il sistema immunitario a produrre anticorpi specifici. Se una persona vaccinata viene esposta al contagio virale, gli anticorpi così prodotti bloccano le proteine Spike e ne impediscono l’ingresso nelle cellule.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Perché è consigliato farsi vaccinare?

Il Covid-19 è una malattia che potrebbe comportare gravi complicazioni. Con la vaccinazione ci si protegge da un'eventuale infezione e si contribuisce a proteggere la salute degli altri. Il sistema immunitario viene rafforzato in modo da riuscire a contrastare l'infezione.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Il vaccino potrebbe provocare la malattia COVID-19?

No, perché questo vaccino non utilizza virus attivi. Con la vaccinazione l’organismo riceve l’informazione che lo aiuta a combattere il virus. L’mRNA del vaccino si degrada naturalmente dopo pochi giorni nella persona che lo riceve. Il vaccino quindi non contiene il virus, ma solo una sua piccola parte.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Il vaccino può alterare il DNA?

Oltre a non avere le ‘istruzioni’ per modificare il Dna, l’Rna messaggero non entra mai nel nucleo della cellula, che è la parte che contiene il genoma, e non può quindi alterarlo in nessun modo. Inoltre l’Rna messaggero si degrada dopo pochi giorni, una volta eseguito il suo ‘compito’.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 11.01.2021

Come viene somministrato il vaccino?

Dopo essere stato diluito, il vaccino viene somministrato tramite un'iniezione nel muscolo della parte superiore del braccio.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Chi eseguirà la vaccinazione?

La vaccinazione sarà effettuata esclusivamente da operatori sanitari esperti nelle tecniche di vaccinazione. Il vaccino viene diluito in modo tale che con un flaconcino si ottengano sei dosi di vaccino.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Quante volte si viene vaccinati?

Questo vaccino viene somministrato due volte, a distanza di almeno 21 giorni l’una dall’altra. La massima efficacia è stata dimostrata dopo una settimana dalla seconda dose. I vaccini degli altri produttori potrebbero seguire protocolli diversi.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Quanto dura la protezione indotta dal vaccino?

La durata della protezione non è ancora definita con certezza perché il periodo di osservazione è stato necessariamente di pochi mesi, ma le conoscenze sugli altri tipi di coronavirus indicano che la protezione dovrebbe essere di almeno 9-12 mesi.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

È obbligatorio effettuare la vaccinazione?

No, la vaccinazione è volontaria.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Quanto costa la vaccinazione?

La vaccinazione è gratuita per tutti.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Chi viene vaccinato per primo?

Avranno la precedenza gli operatori sanitari esposti, i Medici di Medicina Generale e i Pediatri di Libera Scelta, il personale delle Case di Riposo e delle strutture di lungodegenza, le persone ultraottantenni e i collaboratori/le collaboratrici che fanno parte dei servizi per le emergenze. Non tutti saranno vaccinati nello stesso momento, ma la vaccinazione andrà avanti per un lungo periodo di tempo.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Quali persone non verranno vaccinate?

Questo vaccino non è al momento raccomandato nei bambini e nei giovani di età inferiore a 16 anni e nelle persone affette di patologie pregresse non stabili. Persone ammalate e donne in gravidanza, prima della vaccinazione, dovrebbero in ogni caso consultare un medico.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Le donne che allattano possono farsi vaccinare?

No, il vaccino non viene somministrato alle donne in fase di allattamento.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 12.01.2021

Devo fare un test degli anticorpi prima della vaccinazione per decidere se farmi vaccinare o meno?

No, non è previsto il test degli anticorpi prima della vaccinazione.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 12.01.2021

Le persone con malattie croniche, diabete, tumori, malattie cardiovascolari possono vaccinarsi?

Sono proprio queste le persone più a rischio di una evoluzione grave in caso di contagio da SARSCoV-2, proprio a loro, quindi, si darà priorità nell’invito alla vaccinazione.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Le persone con una documentata immunodeficienza o con malattie autoimmuni possono vaccinarsi?

Le persone con malattie autoimmuni che non abbiano controindicazioni possono farsi vaccinare. È consigliato in ogni caso consultare il proprio medico.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Le persone che soffrono di allergie possono vaccinarsi?

Come per ogni altra vaccinazione è necessario anche qui che le persone allergiche consultino il proprio medico prima di sottoporsi alla vaccinazione. Le persone che sanno già di essere allergiche a uno dei componenti del vaccino devono in ogni caso chiedere prima il parere del medico.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.01.2021

Il vaccino contro il Sars-CoV-2 è rischioso per i celiaci?

Non ci sono evidenze scientifiche che suggeriscano che le persone affette da celiachia abbiano un rischio superiore alla popolazione generale, di sviluppare effetti indesiderati in seguito alla somministrazione del vaccino contro il SARS-CoV-2. Pertanto, si raccomanda che le persone affette da celiachia seguano le indicazioni delle Autorità di Sanità Pubblica rivolte alla popolazione generale, riguardo alla vaccinazione contro il SARS-CoV-2.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 12.01.2021

Per favore, continuate a seguire queste raccomandazioni:

Coprire bocca e naso

Coprire bocca e naso

Mantenere le distanze

Mantenere le distanze

Lavarsi le mani

Lavarsi le mani