Attualità

Contributi per la mobilità sostenibile, richieste entro il 31 marzo

La Provincia sostiene con contributi enti pubblici e imprese che si impegnano per la mobilità sostenibile. Richieste possono essere presentate entro il 31 marzo.

La Giunta provinciale per promuovere in Alto Adige una cultura della mobilità innovativa orientata al futuro si è dotata di un pacchetto di misure raccolte sotto il tema #greenmobilitybz. Tre i capisaldi: riduzione, trasferimento e miglioramento del traffico. A tale scopo i Dipartimenti provinciali economia, energia e ambiente, nonché mobilità e rete stradale, hanno unito le forze: "Intendiamo creare un nuovo stile di mobilità, perché ciascuno può e deve contribuire agli spostamenti sostenibili", sottolinea il presidente della Provincia Arno Kompatscher. L’obiettivo è fare dell’Alto Adige una regione modello in tema di mobilità alpina  ecocompatibile e rispettosa del clima, ma anche sostenibile dal punto di vista finanziario e che assicuri qualità di vita ai residenti.

Accanto a varie iniziative e azioni, la Giunta provinciale, su proposta dell’assessore alla mobilità, ha approvato le nuove linee guida per l'assegnazione di contributi per la promozione della mobilità sostenibile. Nell’ambito di progetti di gestione della mobilità comunale, aziendale e scolastica il sostegno della Provincia sarà accordato a studi, indagini, ricerche, eventi, incontri, campagne di sensibilizzazione e corsi di formazione, nonché alla realizzazione di software specifici. Presupposto è che le iniziative promuovono la mobilità di tutti i giorni. Può essere incentivato anche l’acquisto di beni volto a promuovere la mobilità sostenibile in bicicletta o a piedi.

Nel 2017 è stato istituito un apposito fondo. Nel primo periodo di incentivazione i Comuni di Bolzano, Merano, Lana, Appiano e Campo Tures, nonché la Comunità comprensoriale Salto-Sciliar, hanno ottenuto contributi per progetti riferiti alla mobilità pedonale o ciclabile e per la realizzazione di studi sulla mobilità. "L’interesse in questa prima fase è stato molto grande e speriamo anche quest’anno vengano realizzati numerosi progetti", afferma il direttore della Ripartizione mobilità della Provincia, Günther Burger. La percentuale massima del contributo è del 75% delle spese.

Possono richiedere un sostegno tutti gli enti pubblici e imprese private in Alto Adige. Le imprese private possono fare domanda di contributo limitatamente per le misure volte alla riduzione, allo spostamento o al miglioramento del traffico prodotto dalla propria azienda. Le domande possono essere presentate entro il 31 marzo e successivamente entro il 31 luglio, all’Ufficio Ferrovie e trasporto aereo (transport.trasporti@pec.prov.bz.it). Rispetto al 2017 la procedura di presentazione delle richieste è stata notevolmente semplificata, le informazioni necessarie possono essere caricate su un apposito modello online dalla Ripartizione mobilità.

SK/MS