Onorabilità

Il requisito dell’onorabilità deve essere soddisfatto per tutti i tipi di iscrizione all’albo, ed in particolare:

  • dall’amministratore unico o dai membri del consiglio di amministrazione per le società di capitali (s.p.a., s.r.l., s.a.a.);
  • dai soci illimitatamente responsabili della società di persone (tutti i soci della s.n.c., i soci accomandatari nelle s.a.s.),
  • dal titolare dell’impresa individuale o familiare;
  • dal gestore dei trasporti (persona espressamente incaricata della direzione continuativa ed effettiva dell’attività di trasporto dell’impresa) in qualsiasi tipo di impresa.

Normativa

  • Legge 6 giugno 1974, n. 298,
  • regolamento (CE) 21 ottobre 2009, n. 1071,
  • decreto legislativo 22 dicembre 2000, n. 395,
  • decreto dirigenziale 25 novembre 2011, n. 291

Indicazioni esemplificative e riassuntive di quando una persona possiede l’onorabilità.

Le persone succitate non devono trovarsi nelle condizioni sotto riportate:

  • è stata dichiarata delinquente abituale, professionale o per tendenza oppure sottoposta a misure di sicurezza personali o di prevenzione (il foglio di via obbligatorio, l’avviso orale confisca o sequestro dei beni, ecc.);
  • sia stato sottoposto, con sentenza definitiva, ad una delle pene accessorie previste dall’articolo 19 del codice penale (interdizione da una professione o da un’ arte, interdizione dagli uffici direttivi);
  • avere riportato, con sentenza definitiva una condanna a pena detentiva per delitti di pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione (ad. es. peculato, corruzione, abuso di ufficio ecc.) o reati di falso o per uno dei delitti di cui agli artt. 416 (associazione per delinquere), 416 bis (associazione di tipo mafioso anche straniera), 513 bis (illecita concorrenza con minaccia o violenza) art. 589 comma 2 codice penale (omicidio colposo commesso con violazione delle norme sulla circolazione stradale o sulla sicurezza del lavoro), 624 (furto), 628 (rapina), 629 (estorsione), 630 (sequestro di persona a scopo di estorsione o di rapina), 640 (truffa), 641 (insolvenza fraudolenta), 644 (usura), 648 (ricettazione), 648 bis (riciclaggio) e 648 ter (impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita);
  • avere riportato, con sentenza definitiva una condanna a pena detentiva per uno dei delitti di cui all’articolo 3 legge 20.02.1958, n. 75 (sfruttamento della prostituzione), per uno dei delitti di cui alla legge 2.10.1967, n. 895 (controllo delle armi), per uno dei delitti di cui agli artt. 73, c. 1 e 74 DPR 9.10.1990, n. 309 (detenzione e traffico di sostanze stupefacenti e associazione per traffico di sostanze stupefacenti), il delitto di cui all’art. 189, c. 6 e 7 DLG 30.04.1992, n. 285 (omissione di soccorso in incidenti stradali); uno dei delitti di cui all’art. 12 DLG 25.7.1998, n. 286 (immigrazione clandestina);
  • avere riportato, per fatti commessi nell’esercizio delle attività di autotrasportatore, con sentenza definitiva, una condanna per: contrabbando di merci, trasporto armi, munizioni, esplosivi, contravvenzione per guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto effetto di sostanze stupefacenti

Termini per la comunicazione

Importante: L’impresa è tenuta a comunicare la perdita del requisito dell’onorabilità entro 30 giorni all’albo competente e deve essere riacquistata entro 2 mesi dalla comunicazione. Il socio non più onorabile deve essere sostituito entro trenta giorni dalla comunicazione della perdita del requisito all’Ufficio competente, il gestore dei trasporti non più onorabile deve essere sostituito entro due mesi dalla comunicazione della perdita del requisito di onorabilità.

Dichiarazione sostitutiva

38.4 Ufficio motorizzazione

39100 Bolzano, Palazzo 3B, piazza Silvius Magnago 3
Tel.: +39 0471 41 54 50 / 54 51
E-Mail: motorizzazione@provincia.bz.it
PEC: kraftfahrzeugamt.motorizzazione@pec.prov.bz.it

      Orari d'apertura

      Palazzo 3B, piazza Silvius Magnago 3
      39100 Bolzano

      lu, ma, me, ve: ore 9.00 - 12.00
      gi: ore 8.30 - 13.00, ore 14.00 - 17.30