Acqua & suolo

Acqua & suolo

Le nostre acque sono ovunque di buona qualità. Negli ultimi anni, nell’intero territorio provinciale è stata rilevata la presenza di fitofarmaci in concentra- zioni superiori ai limiti di legge in appena 10 corpi idrici su un totale di 297. Per quanto concerne le acque di falda non si è invece registrato alcuno sforamento dei valori limite. Nel 2014 l’Università di Innsbruck ed Eurac hanno effettuato un monitoraggio della qualità dei suoli dell’Alto Adige e rilevato l’indice della qualità biologica del suolo (QBS), che descrive la varietà dei minuscoli organismi che popolano il terreno. I valori ottenuti sono media- mente buoni, ma ci sono margini di miglioramento. Ciò soprattutto a causa degli effluenti zootecnici impiegati come concimi, in parte anche in dosaggi massicci o con tempistiche sbagliate. Anche in frutti- e viticoltura è possibile migliorare ulteriormente i valori del suolo e dell’acqua, ad esempio con semine, con interventi di concimazione mirati e una gestione oculata dell’acqua, commisurata al fabbisogno, nonché con opportune prescrizioni sulle distanze e una innovativa tecnica di applicazione dei fitofarmaci.

Situazione:

  • L’indice QBS dei prati ammonta in media a 128 punti. Per fare un raffronto, in Alto Adige il suolo di un bosco misto di latifoglie raggiunge 175 punti. Nelle superfici arative l’indice QBS risulta pari a 97 punti ed è quindi basso.
  • Il valore medio dello strato di humus nelle superfici foraggere è pari all’8,9%.
  • Il 15% delle superfici delle aree montane vie- ne irrigato, con tendenza crescente.

Obiettivi:

  • Aumentare l’indice QBS
  • Migliorare la gestione dei concimi costituiti da effluenti zootecnici
  • Ridurre l’inquinamento da nitrati
  • Ottimizzare la gestione delle acque e la protezione delle acque di falda e superficiali

Misure concrete:

  • Prevedere campionamenti obbligatori del suolo e un piano di gestione dei concimi per le aziende a gestione intensiva come requisiti per l’assegnazione di agevolazioni
  • Limitare il carico di bestiame (in via di attua- zione)
  • Incentivare lo spandimento rasoterra del liquame (requisito del programma di agevolazioni per il periodo 2021/2027, in via di attuazione o di pianificazione)
  • Costruzione di bacini di raccolta dell’acqua



Situazione:

  • I terreni dei vigneti hanno un indice QBS me- dio di 145 punti.
  • La maggior parte dei terreni presenta un inerbimento permanente, con un indice QBS e valori delle emissioni conseguentemente elevati.

Obiettivi:

  • Migliorare la protezione del suolo
  • Ottimizzare la gestione delle acque e la protezione delle acque di falda e superficiali
  • Migliorare la gestione del suolo tramite l’uso di concimi organici, semine ecc.

Misure concrete:

  • Sostituire completamente i concimi minerali azotati con concimi organici (“Agenda 2030 del Consorzio Vini Alto Adige”)
  • Sostituire i materiali usa e getta di plastica con materiali biodegradabili (“Agenda 2030 del Consorzio Vini Alto Adige”)
  • Documentare gli interventi di irrigazione nel quaderno di campagna (“Agenda 2030 del Consorzio Vini Alto Adige”)



Situazione:

  • I terreni dei frutteti hanno un indice QBS me- dio di 131 punti.
  • Il valore medio dello strato di humus ammonta al 4,3%.
  • La concimazione si effettua in base al fabbisogno di nutrienti (prelievo obbligatorio di campioni di suolo).
  • Da 30 anni lo standard è la frutticoltura integrata – nel frattempo con una quota del 13,5% circa di frutticoltura biologica.
  • Larga diffusione di tecniche di irrigazione a basso consumo idrico

Obiettivi:

  • Migliorare la fertilità del suolo, aumentare il contenuto in humus e accrescere la biodiversità degli organismi presenti nel terreno
  • Ridurre l’impiego di concimi minerali e fitofarmaci
  • Ottimizzare la gestione delle acque e la protezione delle acque di falda e superficiali

Misure concrete:

  • Aumentare l’impiego di concimi organici e ammendanti
  • Migliorare le tecniche di applicazione dei fitofarmaci (p.es. obbligo di ugelli antideriva per gli atomizzatori)
  • Regolamentazione delle distanze tramite l’applicazione del Piano d’azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (PAN), entro il 2021
  • Misure di risparmio dei consumi idrici e costruzione di bacini di raccolta dell’acqua

Piani di gestione dei siti Natura 2000

I siti Natura 2000 sono stati individuati per sottoporre a particolare tutela habitat naturali. I prati permanenti e i pascoli dei siti Natura 2000 sono stati cartografati e classificati in

base al rispettivo stato di conservazione. A seconda della classificazione, per i prati a utilizzo agricolo vengono predisposti appositi piani di concimazione per garantire una concimazione adatta al sito e preservare a lungo termine gli habitat. Si tratta di un esempio di buona pratica in quanto consente, da un lato, di realizzare al meglio gli obiettivi di tutela della natura e di cura del paesaggio e, dall’altro, di effettuare an- che un’agricoltura sostenibile a lungo termine.

Risparmio idrico con l’irrigazione a goccia e apporto idrico rispondente alle esigenze specifiche

Dagli anni 1990 i viticoltori altoatesini ricorro- no principalmente al metodo dell’irrigazione a goccia. Rispetto all’irrigazione a pioggia, tradizionalmente in uso in passato, il sistema a goccia ha permesso di fare un grande passo avanti per una gestione più oculata ed efficiente delle risorse idriche in viticoltura. Di recente il Centro di Sperimentazione Laimburg ha sviluppato, in collaborazione con Alperia e con il Centro di consulenza per la fruttiviticoltura, un sistema di irrigazione più mirato e rispondente alle esigenze specifiche, che funziona con l’ausilio di sensori di umidità del terreno. Oltre a con- sentire un risparmio idrico, il nuovo sistema presenta anche vantaggi a livello economico e agronomico.

Analisi obbligatorie del terreno per la frutticoltura

Da oltre 20 anni il programma Agrios adottato dai frutticoltori altoatesini prevede analisi obbligatorie del terreno, da ripetere ogni 5 anni. Queste analisi servono a garantire un apporto ottimale di sostanze nutritive alle piante da frutto. Ogni anno vengono effettuate da 4.000 a 5.000 analisi per monitorare la presenza di elementi nutritivi nei terreni dei frutteti.