Aziende familiari & territorio rurale

Aziende familiari & territorio rurale

In Alto Adige si punta a preservare le aziende agricole a conduzione familiare. Questa tipologia di aziende è una specificità dell’agricoltura altoatesina che contribuisce a mantenere vitale il tessuto del territorio rurale. Nonostante i sostegni economici previsti, il salario orario dei coltivatori è mediamente molto più basso di quello delle altre professioni. Secondo calcoli dell’Eurac (sulla base dei dati della Rete di informazione contabile agricola europea), il compenso netto orario nel settore lattiero-caseario è di 9 euro (di cui la metà in forma di contributi), mentre nei settori della frutticoltura e della viticoltura il compenso orario ammonta a 17 euro (lordi, ovvero inclusi gli oneri sociali). È tuttavia indispensabile garantire un reddito sicuro a questi lavoratori e lavoratrici, se si vuole riuscire a preservare le piccole aziende familiari e con esse anche la vitalità del territorio rurale.

Situazione:

  • L’agricoltura altoatesina è costituita quasi esclusivamente da piccole aziende familiari (16.549 al 31.12.2020), che rappresentano il nostro punto di forza e la nostra peculiarità.
  • Con l’istituto del maso chiuso si è riusciti a evitare in gran parte una parcellizzazione del- le proprietà agricole.
  • I masi di montagna sono stati allacciati alla rete dell’urbanizzazione primaria, i piccoli abitati e paesi sono rimasti inalterati.
  • Grazie all’aumento degli investimenti/allo stanziamento di fondi del bilancio provinciale si sono potute sostenere meglio le piccole aziende.
  • L’unione fa la forza: il sistema cooperativo altoatesino costituisce per forma e capillarità un modello organizzativo unico a livello mondiale.
  • Contiamo su un elevato numero di diplomati alle scuole agrarie, su un ampio spettro di offerte di formazione continua e su un efficiente sistema di consulenza.

Obiettivi:

  • Garantire e accrescere il reddito
  • Potenziare la collaborazione interaziendale (anche tra cooperative)
  • Maggiore precisione nel calcolo dei costi aziendali
  • Intensificare la collaborazione tra turismo e agricoltura
  • Promuovere le attività economiche seconda- rie che forniscono un reddito integrativo

Misure concrete:

  • Specializzazione sui prodotti premium, che si possono vendere a prezzi più alti
  • Gestione innovativa dei rischi tramite fondi mutualistici e apposite polizze per le colture foraggere
  • Determinazione di “benchmark” in riferimento a costi e ricavi (iniziativa dell’associazione dei diplomati delle scuole agrarie “Absolventenverein Landwirtschaftlicher Schulen” - ALS)
  • Accordo aziendale tra agricoltori per ridurre i costi
  • Accordo aziendale tra agricoltori, aziende del turismo e della ristorazione
  • Ampia offerta di servizi di consulenza
  • Promozione della ricerca applicata

Due terzi delle aziende agricole svolgono anche attività secondarie per avere un reddito integrativo. Tali attività sono esercitate in varie forme, ma sono comunque indispensabili per salvaguardare anche in futuro il modello delle piccole aziende familiari. La vocazione turistica dell’Alto Adige e le condizioni climatiche favorevoli offrono la possibilità di dedicarsi a varie attività, in particolare sotto forma di vendita diretta e di agriturismo.

Situazione:

  • Attualmente 600 aziende sono impegnate nella vendita diretta.
  • Negli ultimi 20 anni il numero delle aziende agrituristiche è aumentato del 53% (da 1.978 aziende nel 2000 a 3.020 nel 2020).
  • La percentuale delle aziende agrituristiche sul totale delle aziende agricole ammonta al 18% − un record mondiale.

Obiettivi:

  • 850 aziende che effettuano vendita diretta (progetto del Südtiroler Bauernbund – l’Unione Agricoltori e Coltivatori diretti Sudtirolesi)
  • Miglioramento della qualità dei servizi delle aziende agrituristiche e loro chiara definizione
  • Promozione delle iniziative dell’agricoltura sociale (assistenza all’infanzia, agli anziani ecc.)

Misure concrete:
  • Sostegno del Südtiroler Bauernbund all’iniziativa Gallo Rosso (vendita p.es. anche nell’ambito del turismo)-    Potenziamento di un programma nel settore della produzione della carne, promozione delle colture di nicchia
  • Sviluppo congiunto di un’economia circolare (sovra)regionale tramite il riciclo di prodotti secondari e di scarto
  • Ampliamento della gamma dei prodotti tra- sformati: progetti per lo sviluppo di nuovi prodotti e ampliamento dell’assortimento di frutta secca e salse fermentate
  • Campagna per migliorare la qualità dei servizi delle aziende agrituristiche: obiettivo principale dei nuovi criteri per la concessione di agevolazioni da parte della Giunta provincia- le è quello di migliorare la qualità dell’offerta.
  • Disposizioni in materia di agricoltura socia- le: con la legge provinciale 22 giugno 2018, n. 8, sono state poste le basi per una nuova offerta di servizi e attività sociali da parte delle aziende agricole a favore delle comunità locali.

Il Gallo Rosso

Nel 1998 il Südtiroler Bauernbund ha lanciato, su scala ridotta, il marchio “Gallo Rosso” per le aziende agrituristiche. Cinque anni dopo il Gallo Rosso è diventato un marchio ombrello a tutela della qualità delle osterie contadine, dei prodotti dell’artigianato e di quelli destinati alla vendita diretta. L’attività agrituristica può vantare cifre record: attualmente le aziende agrituristiche altoatesine registrano, infatti, complessivamente 2,9 milioni di pernottamenti all’anno, pari ad oltre l’8% del totale dei pernottamenti in tutte le strutture ricettive altoatesine.

L’agricoltura sociale

Da oltre dieci anni l’Associazione delle Donne Coltivatrici Sudtirolesi (Südtiroler Bäuerinnenorganisation – SBO) si occupa di agricoltura sociale. La Cooperativa sociale “Imparare − crescere – vivere con le contadine” offre con positivi riscontri, sull’intero territorio provinciale, anche servizi di assistenza a contatto con la natura a bambini e ragazzi – sia in forma di assistenza domiciliare all’infanzia, che di assistenza estiva o di assistenza in occasione di vari eventi. Nel frattempo, le proposte nell’ambito dell’agricoltura sociale sono diventate un punto di forza delle attività dell’associazione SBO. Le iniziative di fattoria didattica, assistenza a bambini e anziani o le attività didattiche sui saperi contadini rappresentano solo alcuni dei suoi molteplici ambiti operativi.

Vendita diretta per le colture di nicchia

Negli ultimi anni sono stati avviati interessanti progetti di vendita diretta anche per le colture di nicchia. I prodotti in vendita spaziano dai funghi ai crauti alla frutta secca. Il Südtiroler Bauernbund è impegnato in alcuni progetti riguardanti trend innovativi quali l’acquacoltura, l’allevamento di pollame e la produzione di birra. Nell’approfondire queste tematiche sotto ogni aspetto, il Bauernbund consente agli agricoltori di acquisire le conoscenze per svolgere tali attività. I presupposti per il successo della vendita di- retta ci sono: l’Alto Adige può contare infatti su contadine e contadini intraprendenti e su prodotti di elevata qualità. A favorire la vendita diretta dei prodotti locali è inoltre il valore aggiunto della regionalità.