Clima & riduzione delle emissioni di CO2

 Clima & riduzione delle emissioni di CO2

Il settore agroalimentare influisce sul clima e viceversa. Il 18% delle emissioni di CO2 prodotte in Alto Adige deriva dalle attività agricole. La zootecnia ha in genere un bilancio climatico peggiore rispetto alla coltivazione di piante, ma fornisce delle prestazioni essenziali agli ecosistemi, come ad esempio la conservazione delle superfici foraggere. Gli effetti dei cambia- menti climatici si notano già: si può coltivare a quote più elevate, gli eventi atmosferici estremi sono sempre più frequenti e la ripresa vegetativa è sempre più anticipata. A incidere sul clima non è solo la produzione agricola, ma anche il comportamento dei consumatori.

Situazione:

  • A causa dell’elevato prezzo del latte e delle ridotte superfici aziendali, il carico di bestiame medio è elevato.
  • In Alto Adige mancano gli arativi, per cui si devono acquistare quantitativi addizionali di foraggio, con un peggioramento del bilancio climatico.
  • Notevole disponibilità di legname, materiale prezioso in grado di assorbire grandi quantitativi di carbonio dall’atmosfera: il 50% del territorio provinciale è ricoperto da boschi.
  • I cambiamenti climatici causano sempre più frequenti eventi atmosferici estremi come tempeste, intense precipitazioni e periodi di siccità.

Obiettivi:

  • Riduzione delle emissioni di CO2 per unità entro il 2030

Misure concrete:

  • Promozione delle attività di consulenza e di ricerca, p.es. lo studio di Eurac sulle emissioni di gas serra causate dal settore agroalimentare altoatesino (in elaborazione)
  • Gestione del settore lattiero-caseario tramite la regolamentazione dell’attività delle latterie sociali e specifici criteri di agevolazione (invia di attuazione)
  • Incentivazione dell’impiego di fonti di energia alternative
  • Incentivazione dell’edilizia in legno (in elaborazione)


Situazione:

  • Nei vigneti il terreno e le piante assorbono CO2, anche se ne vengono emessi altri quantitativi dalle attività agricole – p.es. dai macchinari o nella produzione di fitofarmaci o concimi minerali. Altri effetti climatici derivano dalla successiva conservazione dei prodotti agricoli in magazzino, dalla loro lavorazione e dal loro trasporto.
  • La crescente siccità nei mesi estivi e il progressivo aumento delle temperature si ripercuotono negativamente sulla produzione.

Obiettivi:

  • Ridurre le emissioni: produzione neutra in termini di emissioni di CO2
  • Adattare le varietà e i metodi di coltivazione alle nuove condizioni climatiche
  • Potenziare la funzione di “serbatoio di carbonio” dei terreni agricoli

Misure concrete:

  • Predisposizione e presentazione di un programma per il clima (“Agenda 2030 del Consorzio Vini Alto Adige”, entro il 2023)
  • Completa sostituzione dei concimi minerali azotati con concimi organici (“Agenda 2030 del Consorzio Vini Alto Adige”, entro il 2023)
  • Promozione dell’impiego di energie rinnova- bili in agricoltura
  • Adozione di un check climatico per innovazioni nella coltivazione e lavorazione dei prodotti agricoli (Centro di Sperimentazione Laimburg)
  • Adozione di un programma di selezione clonale per lo sviluppo di varietà di vite resistenti e adatte alla zona di coltivazione e alle condizioni climatiche (Centro di Sperimenta- zione Laimburg dal 2020

Situazione:

  • Con l’ausilio di macchinari e apparecchiature i meli vengono curati, irrigati, concimati e infine trattati con fitofarmaci. Queste operazioni determinano l’emissione di anidride carbonica in atmosfera. Per contro, in un anno un meleto immagazzina nel suolo e nel legno delle sue piante almeno lo stesso quantitativo di gas serra per ettaro.
  • Per quanto concerne la produzione, la conservazione, la lavorazione e il trasporto della frutta ci sono ancora potenzialità da sfruttare per migliorare il bilancio climatico.
  • Temperature sempre più elevate ed eventi atmosferici come la grandine e le gelate tardive accrescono i rischi per le aziende.
Obiettivi:
  • Frutticoltura con un bilancio climatico positivo
  • Interventi di adeguamento alle nuove condizioni climatiche
Misure concrete:

  • Calcolo dei bilanci di CO2 (Libera Università di Bolzano)
  • Adozione di un check climatico per le innovazioni riguardanti tecniche di coltivazione e lavorazione (Centro di Sperimentazione Laimburg)
  • Predisposizione e presentazione di un programma per la tutela del clima (“sustainapple”, strategia per lo sviluppo sostenibile del- la frutticoltura altoatesina)
  • Incentivazione dell’utilizzo di fonti di energia alternative come trazione elettrica, fotovoltaico ecc.
  • Selezione varietale adatta alla zona di produzione

Produzione lattiera a basso impatto climatico

Già nel 2018 l’agricoltura di montagna si è posta delle regole chiare in merito a una produzione lattiera rapportata alla superficie disponibile. L’estensione delle superfici foraggere coltivate costituisce il criterio principale per determinare il numero di unità di bovino adulto che l’azienda può allevare e per la concessione di agevolazioni; in tal modo si garantisce la sostenibilità della produzione. Una produzione lattiera sostenibile ed efficiente nell’impiego delle risorse è dunque strettamente correlata alla superficie coltivata.

Campagna a favore dell’utilizzo del legno

Nel 2018 la Giunta provinciale ha lanciato una campagna a favore del legno, che prevede tra l’altro un progressivo aumento dell’utilizzo del legname locale nell’edilizia pubblica, nonché l’erogazione di incentivi ai privati tramite l’edilizia abitativa agevolata. Inoltre, con l’adozione di misure di gestione sostenibile e di protezione del suolo si intende aumentare la capacità dei boschi dell’Alto Adige di fungere da “serbatoi di carbonio”. L’ecosistema bosco assorbe infatti maggiori quantitativi di CO2 di quanti ne rilascia in atmosfera.

Pannelli fotovoltaici sui tetti delle cooperative

La frutticoltura altoatesina punta sulle energie rinnovabili, contribuendo in notevole misura a un approvvigionamento energetico sostenibile, a tutela dell’ambiente e del clima. L’energia rinnovabile è pulita e non comporta l’emissione di gas serra e di sostanze inquinanti. Con i loro impianti fotovoltaici le cooperative frutticole sudtirolesi producono circa il 35% del loro fabbisogno totale di energia elettrica. Già nel 2009- 2010 il Südtiroler Bauernbund aveva lanciato una campagna, molto apprezzata, per l’installazione di pannelli fotovoltaici sui tetti di stalle e fienili.