News

La razza grigio-alpina è presidio Slowfood, soddisfatto l'assessore Berger

L'assessore provinciale all'agricoltura Hans Berger ha appreso con soddisfazione la notizia dell'inserimento della razza bovina grigio-alpina tra i presidi di Slowfood, riconoscimento che punta a tutelare questa razza tipica delle nostre montagne considerata a rischio estinzione.

"Si tratta di un'ulteriore passo avanti per la salvaguardia di un'animale importantissimo per la nostra agricoltura - ha commentato Berger - ci sono davvero pochissime razze bovine che possono considerarsi così strettamente legate alle tradizioni e alla storia altoatesina come la razza grigio-alpina. Negli ultimi anni siamo riusciti a farla riconoscere come razza in via di estinzione, e ad inserire il sostegno all'allevamento tra le misure previste nel piano di sviluppo rurale".

Ma il solo intervento della mano pubblica non può bastare a mettere al sicuro la razza grigio-alpina, che deve invece riuscire ad acquisire più spazio e importanza sui mercati, in modo tale da generare un maggiore reddito a favore degli allevatori tramite le produzioni di carne, latte e prodotti caseari. "Da questo punto di vista - prosegue Berger - il fatto che Slowfood l'abbia inserita tra i cosiddetti presidi, rappresenta un'occasione davvero ghiotta per allargare il numero dei possibili destinatari dei prodotti della razza bovina grigio-alpina. Gli amanti della cucina tradizionale, infatti, sono in continuo aumento, e il riconoscimento Slowfood contribuirà ad ampliare il target di riferimento dei nostri agricoltori".

PM