News

Una banca dati degli incidenti in montagna per più sicurezza

Nasce la nuova banca dati per raccogliere tutti gli incidenti in montagna per numero e tipo di incidente. Il progetto presentato in una conferenza stampa online.

Incidenti durante le escursioni o in alta montagna, ma anche nei percorsi a corde alte o nelle grotte: nella foto il soccorso Alpino e Speleologico dell'Alto Adige. (Foto: CNSAS)

Le organizzazioni provinciali di soccorso alpino sono allertate in caso di emergenze durante le attività in ambiente alpino, ma anche su incidenti in luoghi di difficile accesso. Si tratta di missioni in caverne o grotte, operazioni di ricerca o incidenti in capanne o rifugi alpini, disboscamento forestale, incidenti in terreni impraticabili o presso impianti di risalita. La banca dati degli incidenti alpini dell'Alto Adige presentata oggi (29 marzo) è un progetto comune dell'Agenzia per la protezione civile, del soccorso alpino dell'AVS e del soccorso alpino e speleologico altoatesino CNSAS (corpo nazionale soccorso alpino e speleologico). Il soccorso alpino AVS è attivo in 35 zone dell'Alto Adige, il soccorso alpino e speleologico in 21, e in 7 zone entrambe le organizzazioni sono attive insieme. Il motivo di questo progetto triennale è stato il desiderio di unire e armonizzare i dati sulle operazioni di incidenti alpini di entrambe le organizzazioni di soccorso alpino. "Finora, due stagioni e la stagione invernale attualmente non ancora completata si trovano nella banca dati con un volume totale di dati di poco più di 1.900 eventi di incidenti e poco più di 2.100 persone colpite da novembre 2019", ha spiegato la responsabile del progetto Martina Inderst.

Pietra miliare per la prevenzione degli incidenti

L'assessore provinciale alla protezione civile Arnold Schuler ha ringraziato gli oltre 1.700 volontari di lingua tedesca, italiana e ladina, impegnati nei servizi di soccorso alpino dell'Alpenverein e del soccorso alpino e speleologico del CNSAS durante tutto l'anno, 24 ore al giorno. "Tutti gli interventi di soccorso svolti da entrambe le organizzazioni saranno ora accessibili e consultabili sul database provinciale. In questo modo si pone una pietra miliare importante come base fondamentale per la prevenzione degli incidenti in montagna. Ciò può rappresentare una pietra fondamentale per la prevenzione, e le valutazioni future saranno utilizzate come base per i supporti didattici per le discipline ad alto rischio e per migliorare la formazione" ha detto Schuler. Rudolf Pollinger, direttore dell'Agenzia per la protezione civile, ha sottolineato che questo progetto, che durerà tre anni, è piccolo da un punto di vista finanziario, poiché il costo dei contratti esterni è inferiore a 30.000 euro. "Allo stesso tempo, però, si tratta di un progetto con un grande impatto e un considerevole dispendio di personale interno - ha aggiunto Pollinger - in cui un ruolo importante è stato ricoperto da Florian Kammerlander, coinvolto nell'elaborazione tecnica accanto alla project manager Martina Inderst". La standardizzazione delle discipline praticate e le varie cause degli incidenti sono state sfide fondamentali nella creazione della banca dati e della base di dati comune, che in futuro dovrebbe essere comparabile anche con i paesi vicini a nord e sarà anche valutata statisticamente dal Kuratorium austriaco per la sicurezza alpina. Il database contiene 44 diverse discipline o attività svolte, 20 diverse cause di incidenti, e le conseguenze degli incidenti sono classificate in cinque classi. "La raccolta dei dati -  hanno sottolineato il direttore del Bergrettungsdienst dell'AVS Ernst Winkler e il presidente del Soccorso alpino e speleologico CNSAS Giorgio Gajer - signifca sicuramente un maggiore lavoro per i volontari ma ha anche l'effetto positivo di evidenziare se in qualche zona c’è un numero particolamente alto di incidenti, valutandone dunque la sicurezza complessiva".

Banca dati costantemente aggiornata

Durante la stagione invernale, le due organizzazioni di soccorso alpino forniscono servizi sulle piste in alcune aree sciistiche. Le operazioni effettuate in questo modo sono anche incluse nel database. Poiché altre organizzazioni come la Croce Bianca, la Croce Rossa, gli Alpini, ecc. forniscono servizi sulle piste per i gestori dei comprensori sciistici, questa non è una selezione rappresentativa degli incidenti sulle piste da sci. Le statistiche complessive degli incidenti sulle piste da sci sono prodotte annualmente dall'istituto provinciale di statistica ASTAT. Il database degli incidenti alpini viene aggiornato regolarmente. Entrambi i servizi di soccorso alpino si sforzano di inserire i dati subito dopo la fine dell'intervento - secondo l'accordo in vigore, tuttavia, non più tardi di 14 giorni dopo la fine dell'intervento. Compresa la pulizia dei dati, i dati sono quindi disponibili nella Banca dati degli incidenti alpini dell'Alto Adige al più tardi un mese dopo il completamento dell'operazione.

Infoafbs.provinz.bz.it/upload/audb

Video conferenza stampa su Youtube

mac/sf

Galleria fotografica