News

Protezione del clima al centro dell'ultimo webinar sull'agricoltura

L'attenzione alla tutela del clima è stato l'argomento dibattuto nell'ultimo dei webinar promossi dall'assessore Arnold Schuler.

L'assessore Schuler durante l'ultimo webinar di ieri (Foto: ASP/Noemi Prinoth)

Ogni cittadino può contribuire alla biodiversità nel proprio piccolo: questo è il messaggio arrivato agli oltre 100 cittadini che hanno partecipato ieri (30 marzo) al webinar "Clima e protezione ambientale – Il contributo dell'agricoltura". “Il nostro giardino non deve essere sempre e per forza ‘bello’”, ha sottolineato la professoressa Ulrike Tappeiner.

Il confronto promosso dall’assessore all'agricoltura Arnold Schuler aveva l'iobiettivo di discutere con i cittadini sul possibile contributo dell'agricoltura alla protezione del clima e dell'ambiente e per raccogliere suggerimenti per il documento strategico sul futuro dell'agricoltura. Ulrike Tappeiner, ricercatrice di ecologia del paesaggio presso l'Università di Innsbruck e il ricercatore dell'Istituto per l'ambiente alpino, Georg Niedrist, hanno risposto alle domande dei partecipanti insieme all’assessore.

Nella serata si è parlato di protezione delle specie attraverso la protezione dell'habitat, di apicoltura, metodi di coltivazione e se, in ottica di tutela del clima, l'agircoltura sia da preferire all'allevamento. A proposito dell'ultimo punto, Schuler ha detto: "In termini di tutela del clima, la coltivazione di piante è decisamente più adatta. Nel mondo, però, molte zone non sono adatte alla coltivazione di piante. Per le nostre condizioni climatiche, l'allevamento del bestiame è adatto. Inoltre, l'agricoltura di montagna è anche di grande importanza per il mantenimento delle aree rurali".

Due terzi delle persone partecipanti hanno dichiarato in un sondaggio che secondo loro la protezione del clima e delle specie in futuro avrà un impatto maggiore sull'agricoltura. Di conseguenza, i consumatori possono contribuire attivamente all'aumento della biodiversità e al miglioramento dell'equilibrio climatico attraverso le loro scelte quotidiane.

Il webinar di ieri su clima e protezione ambientale è stato l'ultimo di questa serie dopo quelli sulla frutticoltura e la viticoltura, l'agricoltura di montagna e la zootecnia.

Schuler ha spiegato che inserirà gli input ricevuti nel documento strategico per l'agricoltura 2030. "Presenteremo il documento a metà maggio. Conterrà misure orientate al futuro e punterà sulla condivisione degli obiettivi da parte del mondo dell’agricoltura e della cittadinanza", ha spiegato Schuler.

np/fgo

Galleria fotografica