Attualità

Inquinamento luminoso: nuove misure per un futuro sostenibile

Via libera della Giunta alle nuove disposizioni per limitare l’inquinamento luminoso e risparmiare energia elettrica negli impianti di illuminazione esterna pubblica in Alto Adige

Limitare l’inquinamento luminoso, garantire una maggiore efficienza energetica degli impianti di illuminazione esterna, per tutelare l'ambiente, l'equilibrio ecologico ed il benessere della popolazione: sono questi, in sintesi, gli obiettivi delle linee guida per il contenimento dell'inquinamento luminoso approvate oggi (5 luglio) dalla Giunta altoatesina. I nuovi criteri previsti, come noto, rientrano nella modifica della legge provinciale n. 4 del 2011 sulle "Disposizioni in relazione alla legge provinciale di stabilità per il 2022", approvati alla fine dello scorso fine anno dal Consiglio provinciale ed entrati in vigore lo scorso 14 gennaio. 

"Oggi più che mai il risparmio energetico è diventato un tema all'ordine del giorno, soprattutto quando si riduce il consumo di energia apparentemente superfluo - ha sottolineato il Presidente altoatesino Arno Kompatscher -. Dopo la discussione avvenuta con i Comuni, gli stakeholders locali e le parti sociali abbiamo adottato una serie di regolamenti che contribuiscono ad attuare il nostro piano climatico nel campo dell'energia, che vuole garantire il benessere delle persone e la tutela dell'ambiente dall’eccessiva illuminazione, contribuendo al risparmio energetico." 

Per l’assessore all’ambiente Giuliano Vettorato, le nuove misure adottate sul territorio, grazie ad un efficace lavoro di rete, vanno nella direzione di limitare l'inquinamento luminoso: “Un passo necessario – ha spiegato Vettorato – se si pensa anche alla stima secondo cui entro il 2050 circa il 75% della popolazione mondiale vivrà in città. Il nostro territorio sta subendo una rapida trasformazione, dobbiamo puntare, fin da subito, a migliorare la qualità dell’illuminazione pubblica, rendendo meno abbagliante, più confortevole e meno pericolosa la luce. Ridurre lo spreco di energia elettrica, ottimizzando un’illuminazione funzionale e sostenibile, significa fare una scelta che aiuti l’ambiente e garantisca anche un risparmio economico. Illuminare meno significa illuminare meglio”.

Le misure: spegnimento notturno tra le 23 e le 6

Per garantire un futuro risparmio energetico sul territorio, le nuove disposizioni, che entreranno in vigore dal 1. gennaio 2023, prevedono l'obbligo di spegnere durante le ore notturne l'illuminazione delle insegne, dei pannelli e le scritte autoilluminanti e di tutte le tipologie d'illuminazione decorativa e delle vetrine, comprese quelle dei monumenti architettonici ed artistici, tra le ore 23 e le ore 6, con l’eccezione delle attività aperte. Per l'illuminazione decorativa di monumenti architettonici e artistici, le nuove linee guida specificano un'intensità luminosa massima di due candele per metro quadro (cd/m²). Le sorgenti luminose di nuova installazione non devono superare la temperatura di colore di 3000 Kelvin e l'indice di resa cromatica (CRI) non deve essere superiore a 80. Le insegne non possono avere luce intermittente né abbagliante e l’illuminazione di insegne deve avvenire dall’alto verso il basso con apparecchi schermati. L’adeguamento delle insegne luminose deve essere effettuato alla prima manutenzione straordinaria e non dovrà avvenire più tardi del 2030. Previsto inoltre il divieto di utilizzo di proiettori d'illuminazione, i cosiddetti sky beamers. Le violazioni prevedono sanzioni amministrative da 500 fino a 1500 euro. Eccezioni sono previste in caso di sicurezza e servizi pubblici.

"Spegnendo le luci di notte non solo risparmieremo energia, compiendo un piccolo passo verso la protezione del clima - ha spiegato Kompatscher - ma speriamo anche di creare la consapevolezza che il risparmio e il buon senso sono importanti compagni di viaggio verso la sostenibilità".


Vai alla versione originale del comunicato per visualizzare eventuali immagini, documenti o video correlati

jw/tl