Beni culturali in Alto Adige

Rete Civica dell’Alto Adige - Il portale della Pubblica Amministrazione
Carte geografiche: il rilevamento del mondo in epoca moderna

Carte geografiche: il rilevamento del mondo in epoca moderna

Che aspetto avevano il mondo o un particolare territorio, che aspetto avevano diverse regioni e città molti anni fa? Domanda, questa, alla quale è possibile rispondere – almeno in parte – sulla scorta delle oltre 900 carte geografiche della collezione della Società del Museo di Bolzano. Tra esse si trovano planisferi, carte geografiche topografiche, da muro, mute, speciali e piante di città provenienti dall’Europa, dal Tirolo e da tutto il mondo.
Le carte geografiche storiche dell’Associazione Pro Museo di Bolzano comprendono soprattutto esemplari del XVIII e XIX secolo. Costituiscono una collezione delle più diverse carte geografiche, conservate al Museo Civico di Bolzano e ora, a seguito del lavoro di inventariazione e catalogazione, visibili anche in internet su questo portale.

Le carte geografiche rappresentano il mondo reale in scala ridotta. Il contenuto della carta viene semplificato, perché rimanga leggibile e comprensibile. Immagini, simboli e segni sostituiscono la raffigurazione fedele all’originale e tra le numerose informazioni è necessario effettuare una selezione, riassumere e dare la precedenza ciò che è più importante rispetto a ciò che lo è meno.
Un metodo ampiamente diffuso per la riproduzione di rilievi è la veduta di profilo. Questa schematica rappresentazione di prospetto mostra i rilievi in forma di cime montuose arrotondate senza considerare l’effettiva forma e posizione delle montagne. Veniva usata già nel XVI, ma ancora di più dal XVII alla fine del XVIII secolo, come unica forma di rappresentazione per i rilievi della Terra. Successivamente i rilievi vennero rappresentati mediante tratteggi, isoipse ed equidistanze a colori. Grazie a nuovi sviluppi delle tecniche di rilevamento topografico, capacità rappresentativa e precisione delle carte geografiche sono migliorate, tanto che già nel XVIII secolo fu possibile realizzarne di molto esatte, che non presentavano quasi errore nella localizzazione delle località. Francia, Belgio, monarchia asburgica e, dal 1806, anche Prussia lavorarono a opere cartografiche capillari in una scala unitaria. Si tratta di carte geografiche realizzate dallo Stato Maggiore in primo luogo per scopi militar-operativi, ma, a motivo della loro precisione, di grande significato anche per l’intera vita economica e culturale.

La storia delle carte geografiche è strettamente collegata allo sviluppo del processo di riproduzione. La calcografia è per lungo tempo – dal XVI al XVIII secolo – la tecnica dominante. Spesso le carte geografiche sono opere d’arte sontuosamente decorate e con titoli inseriti in cartocci pomposamente colorati e riccamente ornati. A partire dal XIX secolo, nella realizzazione di carte geografiche si dà sempre più valore all’esattezza geografica e alla scientificità e gli elementi decorativi vanno via via scomparendo. Anche i procedimenti di stampa cambiano: la siderografia (dal 1820 ca.) è adatta a tiratura molto elevate, ha tuttavia lo svantaggio che non si può apportare alle lastre alcuna correzione. Per questo, dallo sviluppo della calcografia in combinazione con la galvanoplastica essa è stata utilizzata ancora molto raramente. Dalla metà del XIX secolo, grazie allo sviluppo della litografia si affermarono carte a stampa policroma. Questa tecnica di riproduzione permette la stampa di carte chiare e a basso costo. Sorgono nuovi tipi di carte, come quelle tematiche a illustrazione di indagini scientifiche, per es. per visualizzare la densità di popolazione o la piovosità, carte storiche, geologiche o belliche con la rappresentazione dei movimenti di truppe durante la Prima Guerra Mondiale.

Dalle “vecchie carte”, come sono chiamate le opere cartografiche su carta di prima del 1850, passando per le carte litografiche fino all’ampia digitalizzazione degli ultimi decenni, questo strumento si è fortemente sviluppato. Oggi è a disposizione di tutti, spesso gratuitamente, nella forma di applicazione per dispositivi mobili ed è divenuto un irrinunciabile aiuto per la nostra vita quotidiana.

 

Curatrice: Renate Brenn Rammlmair - Società del Museo di Bolzano

 

 

Territorium Tridentinum

Karte des Fürstentums Trient mit dekorativer Titelkartusche am oberen Kartenrand in der Mitte: ein Putto hält über den eingerollten Enden des Zierrahmens mit beiden Händen die Bänder einer Girlande aus Früchten und krautigen Blättern. Rechts unten ein von Rollwerk umgebener eckiger Meilenzeigerkasten mit zwei Meilenzeigern (Milliaria Italica communia, Milliaria Germanica communia). Links unten ein freigelassenes Feld mit dem Erscheinungsort und dem Namen des Herausgebers und Kartografen: "AMSTELODAMI, / Excudebat Ioannes / Ianßonius". Das Gebirge wird durch sog. "Maulwurfshügel" dargestellt.
Auf der Rückseite Erklärung sowie "Beschreibung des Fuerstenthumbs Trient". Blatt aus dem "Atlas, Das ist Abbildung der gantzen Welt mit allen darin begriffenen Laendern und Provintzen" von Gerhard Merkator.

Denominazione oggetto:
Landkarte
Numero d'inventario:
10068
Autore:
Janssonius Johannes, Hondius Henricus
Data:
1633
Materiale:
carta
Tecnica:
stampato (incisione su rame)
Istituzione:
Società del Museo di Bolzano
Dimensioni:
larghezza 60 cm, altezza 50.5 cm
Parola chiave:
Europa, Altkarte
Note storico-critiche:
Im Inventarbuch "Alte Kataloge" des Museumsvereins Bozen, das im Stadtmuseums Bozen verwahrt wird, findet sich unter Nr. 3087/c "ebenso Territor Tridentinum mit Text 1640". Damit könnte diese Landkarte mit dem Text auf der Rückseite gemeint sein, auch wenn das Entstehungsjahr der Landkarte nicht genau übereinstimmt. Es scheint, dass bei den "Alten Katalogen" die Datierung manchmal aufgerundet wurde.

 

Oggetti selezionati

Nessun oggetto selezionato...