Beni culturali in Alto Adige

Rete Civica dell’Alto Adige - Il portale della Pubblica Amministrazione
unlearning categories

unlearning categories

Mostra al Museion di Bolzano sulle opere d’arte acquistate dal 2012 al 2018 dalla Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige, Ripartizione 14 – Cultura tedesca.

Il Museion, Museo d’arte moderna e contemporanea a Bolzano, ha esposto per la prima volta una selezione delle opere d’arte acquistate dalla Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige nel periodo dal 2012 al 2018. La mostra, con oltre 60 opere d’arte collocate solitamente negli uffici della pubblica amministrazione, dal titolo unlearning categories si è svolta dal 26 giugno al 23 agosto 2020.

Il fotografo altoatesino Luca Guadagnini ha documentato la mostra curata da Lisa Mazza e Simone Mair, nonché il suo percorso. In questo ambito lontano dalla collocazione abituale dall’ambiente di lavoro, le opere si presentavano in un contesto del tutto diverso. Luca Guadagnini le ha fotografate nel contesto espositivo da una prospettiva nuova. La presente documentazione si pone volutamente in confronto al saggio fotografico Umgebungen/Circostanze di Marco Pietracupa, che ha ritratto per il catalogo le opere d’arte nella loro collocazione abituale, per così dire nel loro “consueto ambiente del lavoro”.

Le fotografie a colori di Luca Guadagnini compongono un’edizione di 48 cartoline, edite nel 2020, e vanno a integrare il catalogo della collezione provinciale Arbeiten. Lavori in corso, volume 2, che contiene tutte le opere d‘arte acquistate nel periodo tra il 2012 e il 2018. La mostra virtuale ne presenta una scelta di 20 foto.

Dal 2013 i dati sulle opere vengono pubblicati e costantemente aggiornati sul portale dei Beni culturali dell’Alto Adige.

Ufficio Cultura tedesca
via Andreas Hofer, 18
39100 Bolzano
Info Tel. 0471 413360, 413366

Ripartizione cultura tedesca
Informazioni catalogo
kultur@provincia.bz.it

Ohne Titel II (Hirschkäfer)

Cervo volante, dalla serie „Ich spür ein Tier“, parte di un duo. Sono raffigurati la testa con le tenaglie di un coleottero nonché una gamba. Sul retro firmato e datato?

Denominazione oggetto:
dipinto
Numero d'inventario:
239744
Autore:
Laner Annemarie
Collezione:
Acquisto di opere d'arte, Ripartizione Cultura Tedesca
Data:
2011
Materiale:
colore ad olio, tela
Tecnica:
dipinto
Istituzione:
Ufficio provinciale Patrimonio
Dimensioni:
altezza 190 cm, larghezza 150 cm
Parola chiave:
figurativo
Note storico-critiche:
Le raffigurazioni di animali sono uno tra i motivi più antichi nella storia dell’arte. Gli animali rivestono un ruolo centrale nel lavoro di Annemarie Laner. Nel ciclo di opere “Ich spür ein Tier” (sento un’animale), l’artista si concentra su un ricco repertorio di figure animali ed esseri ibridi, tra cui 300 motivi su pagine ingiallite di un libro di antiquariato: un supporto per immagini con una patina per un soggetto di valore storico, secondo la lunga tradizione di questa trasversale tematica storico-culturale. I disegni, come anche gli altri formati della serie, non si occupano di simbolismo tradizionale, ma trattano a livello spontaneo l’essere animale come superficie di proiezione individuale del misterioso e dell’insondabile nella propria (animale) esistenza. (Marion Piffer Damiani, in „Arbeiten. Lavori in corso II”, Bolzano 2020, p. 124)

Oltre ad essere un motivo ricorrente, nelle opere di Annemarie Laner gli animali svolgono una funzione altrettanto determinante quanto il ricorso agli elementi scritturali. Quello con gli animali, infatti, è un confronto intenso che emerge con chiarezza fin dai cicli realizzati negli anni di studio. Nella serie di opere “Ich spür ein Tier” (sento un animale) l’artista evoca con linee instabili delle forme animali sotto forma di ibridi mitici, demoni e figure fiabesche. […]
Raffigurati su pagine di libri o su stoffa, con pennellate larghe e con un colore nero e pastoso, già di primo acchito questi animali non appaiono come illustrazioni zoologiche, ma piuttosto come piccoli esseri in carne ed ossa che evocano chimere anonime dalla fanciullezza, spettri notturni e demoni del subconscio. (Heinrich Schwazer, in: http://kultur-online.net, 2011)

 

Oggetti selezionati

Nessun oggetto selezionato...