Attualità

Il catasto sulla Carta Provinciale dei Servizi

Cominciano ad essere numerosi i servizi della pubblica amministrazione fruibili direttamente online tramite la propria Tessera sanitaria-Carta provinciale dei servizi.

L’elenco degli attuali 24 servizi è consultabile su www.provincia.bz.it/cartaservizi

Arriva il catasto in digitale
La novità più recente riguarda il catasto. “Dalla fine di ottobre tutti i cittadini in possesso di una Carta dei servizi attivata, del lettore e del codice PIN, possono richiedere gratuitamente la visura catastale degli immobili di proprietà direttamente dal computer di casa, senza doversi recare presso gli uffici del catasto. Ci tengo a precisare che la carta stessa non contiene alcun dato” sottolinea l’assessore Hans Berger.

42.000 carte attivate
Circa 42mila carte già attivate dall’inizio di marzo e più di 20mila lettori distribuiti. Non tutti i 500mila altoatesini, infatti, avevano ricevuto la nuova TS-CPS, ma soltanto quelli la cui tessera sanitaria era in scadenza. Una buona fetta, circa 70mila persone, non solo non ha ancora ricevuto la carta, ma se anche si volesse presentare presso l’Agenzia delle entrate per richiedere una nuova tessera se ne vedrebbe consegnare una sprovvista di chip, dunque non in grado di espletare a pieno le proprie funzioni di Carta dei servizi.
“Finalmente – annuncia l’assessore provinciale Roberto Bizzo – siamo riusciti a trovare un accordo con SOGEI, la società che per conto del Ministero delle finanze e dell’Agenzia delle entrate gestisce la produzione delle carte. Nei giorni scorsi hanno preso il via le procedure relative a tutte le tessere sanitarie non ancora sostituite perché non in scadenza, e nelle prossime settimane potremmo dunque completare il passaggio alle carte dotate di chip per tutti gli altoatesini. Inoltre, aggiunge l’assessore Bizzo “per semplificare la procedura, ora, all’atto dell’attivazione della carta presso lo sportello comunale, il cittadino può richiedere che il codice PIN gli venga inviato via e-mail, in modo da ovviare alle lungaggini dell’invio per posta.”

KG