Attualità

Telefonia mobile e banda larga: RAS al lavoro nelle aree periferiche

A Favogna, Mazia, a Malga Guazza/Schwemmalm e a Passo Rombo proseguono speditamente i lavori per la copertura del territorio con la telefonia mobile e la banda larga, coordinati dalla RAS su incarico della Provincia. A Passo Rombo sono entrati in esercizio i primi impianti di trasmissione.

La fornitura di telefonia mobile e banda larga nelle aree periferiche è comprensibilmente poco interessante per i gestori privati della rete, in quanto i costi di investimento sono troppo elevati in rapporto all'uso effettivo del servizio. "Per garantirlo a residenti, lavoratori, turisti e per sostenere la competitività delle aziende insediate sul territorio, la Provincia è intervenuta attraverso la RAS, incaricata di dare attuazione al progetto finanziato con fondi europei", spiega il presidente della Provincia Arno Kompatscher. La RAS (Radiotelevisione Azienda Speciale) garantisce pertanto la copertura con telefonia mobile e banda larga anche nelle aree periferiche, dove vengono installati ripetitori e relative strutture per consentire l'accesso all'uso di Internet veloce e del telefonino. "La strategia della Provincia punta a garantire alla periferia le stesse possibilità di sviluppo offerte ai centri urbani grazie a una rete pubblica capillare della banda larga", sottolinea l'assessora all'informatica Waltraud Deeg.   

Attualmente sono in via di completamento i lavori a Malga Guazza/Schwemmalm in val d'Ultimo, a Mazia in Venosta, a Favogna in Bassa Atesina e a Passo Rombo per assicurare la copertura con banda larga e telefonia mobile ancora entro l'anno. Lo scorso aprile la RAS ha avuto via libera dall'UE per realizzare questi interventi attraverso i mezzi finanziari del FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale) con il vincolo di completare e rendicontare i lavori entro il 2015. Le imprese incaricate stanno pertanto lavorando a pieno ritmo malgrado le condizioni meteo non proprio favorevoli specie a Passo Rombo e Maga Guazza, battuti da vento e nevicate. Sono stati ultimati i lavori di costruzione delle strutture di esercizio e montati i ripetitori, attualmente è in corso l'installazione delle attrezzature tecniche e delle antenne di trasmissione. A Passo Rombo i primi impianti trasmettitori sono stati attivati, a Malga Guazza con una gru è stata installata la torre circolare ricetrasmittente alta 50 metri.

Fonte: Ufficio stampa provinciale

IR