Contributo per l’attività ordinaria annuale - sport e tempo libero

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

La Provincia concede contributi per l’attività ordinaria annuale delle realtà associative e federali in materia di sport e tempo libero.

Beneficiari

  • FSN CONI e FSP CIP, DSA CONI e DSP CIP, EPS CONI e EPP CIP
  • associazioni sportive dilettantistiche
  • associazioni del tempo libero

Non sono ammessi

  • richiedenti che non abbiano svolto almeno un anno di attività
  • richiedenti con meno di 20 socie e soci
  • richiedenti privi di autofinanziamento adeguato
  • richiedenti la cui attività prevalente consiste nell’offerta di corsi o servizi
  • sezioni di una polisportiva che non siano giuridicamente e finanziariamente autonome
  • domande presentate fuori termine

Inoltre, per il tempo libero non sono ammessi

  • associazioni professionali e associazioni che hanno come finalità la tutela degli interessi delle socie e dei soci
  • circoli privati
  • associazioni con attività specificamente culturali, pedagogiche, sportive, sociali o terapeutiche e del servizio giovani
  • associazioni con prevalente attività orientata all’organizzazione di feste, eventi mondani, visite, gite, concerti o eventi simili
  • associazioni con prevalente attività orientata all’esclusivo consumo di beni e servizi

La domanda di contributo va compilata in tutte le parti:

  • richiedente
  • dichiarazioni varie (correttezza dei dati, comunicazioni con l’Ufficio sport, documentazione generica, ritenuta d’acconto)
  • informazioni sull’ente
  • descrizione dell’attività ordinaria annuale
  • piano di finanziamento

Laddove non sia prevista un’esenzione, è necessaria una marca da bollo da 16 €.

Rendiconto

Di regola, il rendiconto va presentato entro il 31 marzo dell’anno successivo alla concessione del contributo. In ogni caso, esso va presentato entro l’anno successivo alla concessione del contributo, pena la decadenza del diritto al contributo.

La domanda di liquidazione va compilata in tutte le parti:

  • richiedente
  • informazioni sul contributo concesso
  • dichiarazioni varie (correttezza dei dati, sussistenza dei presupposti, realizzazione, pezze giustificative, ulteriori contributi)
  • relazione finale
  • spese ed entrate effettive – il deficit non deve essere inferiore al contributo concesso e il contributo concesso non deve essere superiore all’80% delle spese totali

I documenti di spesa devono essere

  • conformi alle vigenti disposizioni di legge
  • intestati alla o al richiedente
  • quietanzati con indicazione della data dell’avvenuto pagamento – vige il principio di cassa

Sono ammissibili come spese le prestazioni rese a titolo di volontariato documentate, nella misura massima del 25% delle spese rendicontabili.

Non sono ammissibili come spese:

  • premi per lotterie
  • offerte ed altri contributi di solidarietà
  • spese di rappresentanza
  • ammontare dell’IVA detraibile
  • interessi passivi
  • disavanzo d’esercizio degli anni precedenti
  • ammortamenti
  • accantonamenti per acquisti futuri
  • interessi di mora e contravvenzioni
  • acquisto di beni destinati alla rivendita
  • spese non direttamente inerenti alla destinazione del contributo
  • spese non sufficientemente giustificate e rendicontate
  • spese non effettivamente sostenute e spese fittizie o che non consistono in uscite vere e proprie
  • premi in denaro
  • spese per strutture prevalentemente adibite a fini commerciali
  • spese non connesse all’attività ammessa a contributo
  • spese di viaggio, vitto e alloggio
  • spese materiali
  • spese di importo non commisurato
  • spese non effettivamente sostenute nell’anno di riferimento
  • spese sostenute prima della data della domanda di contributo

L’importo da rendicontare è pari a

  • 150 € per ogni socia o socio attivo per le associazioni sportive dilettantistiche
  • importo del contributo concesso per le federazioni sportive e le associazioni del tempo libero

Ai sensi della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche, l’Amministrazione provinciale competente è tenuta a effettuare controlli ispettivi a campione delle domande approvate.

Per maggiori informazioni la invitiamo a consultare il sito Web dell'istituzione competente dedicato a questo servizio.

(Ultimo aggiornamento del servizio: 17/06/2022)

Ente competente

Ufficio Sport
Palazzo 12, via Canonico Michael Gamper 1, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 83 45 Hermann Ramoner
0471 41 83 44 Romedius Kofler
0471 41 83 47 Patrizia Nozzolini
0471 41 83 42 Gabriella Filippi
Fax: 0471 41 83 59
E-mail: sport@provincia.bz.it
PEC: sport@pec.prov.bz.it

Orario d'ufficio:

Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: ore 9:00 – 12:00
Giovedì: ore 8:30 – 13:00, ore 14:00 – 17:30

(previo appuntamento)

Scadenze

Le domande vanno inviate entro il 31 gennaio di ogni anno al seguente indirizzo, unitamente alla copia di un documento di identità valido del rappresentante legale: