Prenotazione per: Richiesta conversione patente militare - titolare in servizio oppure in congedo

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

L'accesso al Servizio Sportello Patenti è possibile solo con prenotazione tramite CIVIS.bz.it. Per effettuare la prenotazione è necessario essere in possesso dello S.P.I.D (Sistema Pubblico di Identità Digitale) oppure della carta dei servizi (scheda codice fiscale) attivata. Nella sezione di aiuto in myCIVIS trova informazioni a riguardo.

Dove?

La richiesta può essere presentata presso il Servizio Sportello della Ripartizione Mobilità, Bolzano, via Renon n. 12 (presso l'edificio della funivia del Renon) oppure presso un'agenzia/autoscuola.

È possibile convertire in patenti civili delle corrispondenti categorie, secondo le apposite tabelle di equipollenza, le patenti militari e assimilate rilasciate da:

  • Forze armate,
  • Polizia di Stato,
  • Guardia di finanza,
  • Corpo di polizia penitenziaria,
  • Corpo nazionale dei vigili del fuoco,
  • Corpi dei vigili del fuoco delle province autonome di Trento e Bolzano,
  • Croce Rossa italiana,
  • Corpo forestale dello Stato,
  • Corpi forestali operanti nelle regioni a statuto speciale e nelle province autonome di Trento e di Bolzano,
  • Protezione civile nazionale, della regione Valle d'Aosta e delle province autonome di Trento e di Bolzano.

  • ricevuta di avvenuto pagamento PagoPA con codice IUV (vedi sotto costi);
  • certificato medico dematerializzato rilasciato da un ufficiale sanitario in data non anteriore a tre mesi dalla data di presentazione della domanda;
  • documento d’identità originale in corso di validità;
  • codice fiscale (tessera sanitaria);
  • patente militare, la cui titolarità va dimostrata come segue:

Per i militari di leva:

  • dichiarazione del comando che ha rilasciato la patente (Allegato N)
  • foglio di congedo in visione ovvero autocertificazione, redatta ai sensi dell'art. 47 DPR 28.12.2000 n. 445, relativa all’assolvimento degli obblighi militari, completa dell’indicazione del comando, del numero di matricola e della data di congedo.

Per i militari in servizio permanente:

  • dichiarazione di servizio rilasciata dal comando di appartenenza, contenente l’autorizzazione alla conversione della patente militare;
  • attestazione del comando che ha rilasciato la patente militare con le informazioni sul tipo di veicolo utilizzato per l'esame (necessaria per individuare la corretta categoria di patente civile corrispondente);
  • fotocopia integrale della patente militare ed originale in visione, oppure già autenticata dal commando;
  • patente civile eventualmente posseduta in visione.

l permesso provvisorio di guida che si rilascia, ha una validità di 40 giorni, valido su tutto il territorio italiano e deve essere accompagnato da un documento d'identità in corso di validità.

  • Tariffa  B003

AVVISO IMPORTANTE: selezionare la provincia di BOLZANO

Per pagare gli importi previsti per le pratiche dell’ufficio patenti tramite il sistema PagoPA occorre

  1. accedere all'area riservata del Portale dell'automobilista tramite SPID o CIE (carta di identità elettronica) oppure, se minorenni, con le credenziali (username e password) ottenute dopo la registrazione al Portale
  2. selezionare le voci di menù "Accesso ai servizi" e poi "Pagamento pratiche online PagoPA"
  3. selezionare "Nuovo pagamento"
  4. selezionare il tariffario di Bolzano
  5. scegliere la tariffa della pratica di proprio interesse, aggiungerla al carrello e confermare/modificare i dati anagrafici del titolare della pratica
  6. selezionare la voce "I miei pagamenti" e poi la pratica da pagare

I versamenti possono essere effettuati, dalla lista delle pratiche del carrello, selezionando il pulsante "+"

  • con la voce "Paga online": in questo modo si paga direttamente dal sito, tramite carta di credito, di debito, etc.

oppure

  • con la voce "Stampa avviso di pagamento": in questo modo si paga, utilizzando i dati presenti nell'avviso, tramite i canali elettronici o fisici indicati sul sito PagoPA, cioè sistemi online (home banking, app, etc.), banca, ufficio postale, esercenti convenzionati, etc.

Dopo il versamento è necessario stampare la ricevuta di pagamento che deve essere presentata all'Ufficio patenti o alla struttura sanitaria, a seconda dei casi, insieme agli altri documenti previsti dalla pratica da svolgere.

L'unica ricevuta valida è quella stampata dal Portale dell'automobilista, non quella generata dal canale elettronico o fisico tramite il quale è stato effettuato il pagamento.

Per stampare la ricevuta occorre

  1. accedere all'area riservata del Portale dell'automobilista
  2. selezionare la voce "I miei pagamenti" e poi la pratica pagata
  3. selezionare il tasto "+" e poi la voce "Stampa ricevuta di pagamento" (presente solo per le pratiche che risultano pagate)

Il versamento è valido solo se il codice fiscale del titolare della pratica corrisponde al codice fiscale dell'intestatario della patente o del documento da ottenere.

Questa informazione deve essere indicata nel corso della procedura online. Infatti, dopo la selezione della tariffa, il sistema imposta automaticamente i dati anagrafici e il codice fiscale dell'intestatario dello SPID/CIE con cui è stato fatto l'accesso al Portale e ne chiede la conferma: in questa fase è possibile modificare i dati anagrafici e il codice fiscale per inserire le informazioni dell'effettivo titolare della pratica se questo non coincidesse con l'intestatario dello SPID/CIE.

Le istruzioni dettagliate per i versamenti sono disponibili nel documento Guida nuovo sistema di pagamenti PagoPA.

Per assistenza sui pagamenti effettuati tramite PagoPA occorre scrivere a assistenza@mot-centroservizi-pagopa.it.

  • Articolo 138 del Codice della Strada, decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285
  • Circolare 9945 del 06/05/2014 - DGMOT (per categorie superiori)

Se la richiesta (la quale deve essere compilata e firmata dal richiedente) viene effettuata da una terza persona, si richiede una delega scritta corredata dalla fotocopia integrale di un documento d’identità del/la delegante, ed il/la delegato/a deve esibire a sua volta un documento d’identità valido. Una delle due foto, deve essere autenticata (per esempio dal comune di residenza).

(Ultimo aggiornamento del servizio: 17/01/2023)

Ente competente

Ufficio Patenti
via Renon 12, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 35 40
E-mail: fuehrerscheine.patenti@provincia.bz.it
PEC: fuehrerscheine.patenti@pec.prov.bz.it

Orario d'ufficio:

Servizio sportello della Ripartizione mobilità

Lunedì - venerdì: ore 8.30 - 12.00
Giovedì: ore 8.30 - 16.00

Scadenze

La conversione della patente militare o di altri corpi può essere richiesta, durante il servizio ovvero entro un anno dalla data del congedo o dalla cessazione dal servizio, presentando domanda al Servizio Sportello Mobilità.

Possono essere convertiti anche altri titoli ed abilitazioni militari diversi dalla patente.

Per poter procedere all'esame delle richieste di conversione sarà necessario acquisire dall'Autorità che ha rilasciato la patente, informazioni più dettagliate sui tipi di veicolo che ogni singola categoria di patente militare e assimilata abilita a condurre, ossia idonea documentazione attestante il tipo di veicolo su cui si è svolto l'esame. In particolare, in riferimento alla conversione delle patenti militari di categoria C e D, sarà necessario acquisire idonea documentazione attestante i seguenti requisiti minimi dei veicoli utilizzati per gli esami:

  • massa massima superiore a 7,5 t, per il rilascio della patente di categoria C;
  • numero di posti per le persone trasportate superiore a 16 oltre al conducente, per il rilascio della patente della categoria D.

Qualora detti requisiti minimi non siano certificati, potranno essere rilasciate per conversione solo le patenti, rispettivamente, delle categorie C1 e D1.

Al conducente infraventunenne titolare di patente militare convertibile nella categoria D, è possibile rilasciare tutte le categorie relative all'abilitazione militare posseduta, tranne la D, dal giorno successivo al compimento del ventunesimo anno di età, entro il termine di un anno, il conducente potrà chiedere l'estensione della patente civile posseduta alla categoria D.