Concessione o autorizzazione per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche lungo la ferrovia Merano – Malles

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

Chiunque intenda, anche solo temporaneamente, occupare aree e spazi del demanio ferroviario provinciale deve presentare domanda all'Ufficio Ferrovie e trasporto aereo.

La domanda in formato PDF deve essere inoltrata attraverso un'unica comunicazione PEC alla casella di posta elettronica certificata dell’Ufficio Ferrovie e trasporto aereo.
Se la domanda viene presentata in forma cartacea devono esserne inoltrate 3 copie.
Le domande devono essere presentate prima dell’inizio dell’occupazione.

La domanda va corredata della necessaria documentazione tecnica. Ove la domanda risulti incompleta, l'interessato viene invitato ad integrarla entro il termine di 15 giorni dalla relativa richiesta, pena l'archiviazione.

2 imposte di bollo da 16,00 € l'una (per la domanda e una per il disciplinare di concessione).
Se il/la richiedente è esente dall'imposta di bollo va dichiarato nella domanda di concessione.

Occupazioni permanenti e temporanee:

  • sono permanenti le occupazioni di carattere stabile, con o senza costruzione di opere, aventi una durata da 1 a 29 anni, esse sono soggette a concessione;
  • sono temporanee le occupazioni effettuate, anche con opere, di durata inferiore all'anno, esse sono soggette ad autorizzazione.
La concessione o autorizzazione è accordata:
  • a termine: la concessione non può avere una durata superiore a 29 anni;
  • senza pregiudizio dei diritti di terzi;
  • con l'obbligo del/della titolare della concessione o autorizzazione al risarcimento di eventuali danni causati nell'esercizio dell'attività per la quale viene occupata l'area pubblica;
  • con facoltà da parte della Provincia di imporre nuove o altre condizioni qualora ciò si rendesse necessario, ivi compresa la possibilità di prevedere il versamento di una cauzione non fruttifera di interessi o la prestazione di una fideiussione a garanzia del ripristino dello stato di fatto precedente all'occupazione.
Canone:
  • il canone è dovuto dal/dalla titolare della concessione o autorizzazione o, in mancanza, dall'occupante di fatto, anche abusivo, in proporzione alla superficie effettivamente sottratta all'uso pubblico.
  • Sono esenti le occupazioni indicate all’articolo 16 del DPP 33/2006 e che sono riportate nel modulo di domanda.
Obblighi del/della titolare della concessione o autorizzazione:
  • il/la titolare della concessione o autorizzazione deve osservare le disposizioni del DPP 33/2006, le vigenti norme tecniche in materia, nonché le norme in ordine alle modalità di utilizzo contenute nella concessione o autorizzazione;
  • ove l'occupazione comporti la costruzione di opere, il/la titolare della concessione o autorizzazione deve provvedere a proprie spese al ripristino dello stato dei luoghi, nonché alla rimozione di eventuali materiali ivi depositati;
  • il/la titolare della concessione o autorizzazione deve utilizzare l'area o lo spazio pubblico in modo da non limitare o disturbare l'esercizio di diritti altrui o arrecare danni a terzi; deve inoltre curare la perfetta manutenzione delle opere eseguite;
  • Il/la titolare della concessione o autorizzazione deve custodire gli atti e i documenti comprovanti la legittimità dell'occupazione ed esibirli a richiesta del personale incaricato dall'amministrazione provinciale. In caso di smarrimento, distruzione o sottrazione degli stessi, deve darne immediata comunicazione all'amministrazione provinciale, che provvede a rilasciarne duplicato a spese dell'interessato/a.

Informazioni ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016

Titolare del trattamento dei dati personali è la Provincia autonoma di Bolzano, presso piazza Silvius Magnago 4, Palazzo 3a, 39100 Bolzano, E-Mail: direzionegenerale@provincia.bz.it
PEC: generaldirektion.direzionegenerale@pec.prov.bz.it

Responsabile della protezione dei dati (RPD): i dati di contatto del RPD della Provincia autonoma di Bolzano sono i seguenti: Provincia autonoma di Bolzano, Palazzo 1, Ufficio organizzazione, Piazza Silvius Magnago 1, 39100 Bolzano; E-Mail: rpd@provincia.bz.it; PEC: rpd_dsb@pec.prov.bz.it.
Finalità del trattamento: i dati forniti saranno trattati da personale autorizzato dell’Amministrazione provinciale anche in forma elettronica, per le finalità istituzionali connesse al procedimento amministrativo per il quale sono resi in base al Decreto del Presidente della Provincia n. 24/2024. Preposto/a al trattamento dei dati è il Direttore pro tempore della Ripartizione Mobilità presso la sede dello stesso.
Il conferimento dei dati è obbligatorio per lo svolgimento dei compiti amministrativi richiesti. In caso di rifiuto di conferimento dei dati richiesti non si potrà dare seguito alle richieste avanzate ed alle istanze inoltrate.
Comunicazione e destinatari dei dati: i dati potranno essere comunicati ai comuni e a Strutture Trasporto Alto Adige SpA (STA) durante l’esame a campione in cui viene accertata la veridicità dei dati forniti dalla persona interessata per gli adempimenti degli obblighi di legge nell’ambito dello svolgimento delle proprie funzioni istituzionali e comunque in stretta relazione al procedimento amministrativo avviato. Potranno altresì essere comunicati a soggetti che forniscono servizi per la manutenzione e gestione del sistema informatico dell’Amministrazione provinciale e/o del sito Internet istituzionale dell’Ente anche in modalità cloud computing. Il cloud provider Microsoft Italia Srl, fornitore alla Provincia del servizio Office365, si è impegnato in base al contratto in essere a non trasferire dati personali al di fuori dell’Unione Europea e i Paesi dell’Area Economica Europea (Norvegia, Islanda e Liechtenstein)
I destinatari dei dati di cui sopra svolgono la funzione di responsabile esterno del trattamento dei dati, oppure operano in totale autonomia come distinti Titolari del trattamento.
Diffusione: laddove la diffusione dei dati sia obbligatoria per adempiere a specifici obblighi di pubblicità previsti dall’ordinamento vigente, rimangono salve le garanzie previste da disposizioni di legge a protezione dei dati personali che riguardano la persona interessata.
Durata: i dati verranno conservati per il periodo necessario ad assolvere agli obblighi di legge vigenti in materia fiscale, contabile, amministrativa.
Diritti della persona interessata: in base alla normativa vigente la persona interessata ottiene in ogni momento, con richiesta, l’accesso ai propri dati; qualora li ritenga inesatti o incompleti, può richiederne rispettivamente la rettifica e l’integrazione; ricorrendone i presupposti di legge opporsi al loro trattamento, richiederne la cancellazione ovvero la limitazione del trattamento. In tale ultimo caso, esclusa la conservazione, i dati personali, oggetto di limitazione del trattamento, potranno essere trattati solo con il consenso della persona interessata, per l’esercizio giudiziale di un diritto del Titolare, per la tutela dei diritti di un terzo ovvero per motivi di rilevante interesse pubblico.
La richiesta è disponibile alla seguente pagina web: www.provincia.bz.it/it/amministrazione-trasparente/dati-ulteriori.asp.

Rimedi: in caso di mancata risposta entro il termine di 30 giorni dalla presentazione della richiesta, salvo proroga motivata fino a 60 giorni per ragioni dovute alla complessità o all’elevato numero di richieste, la persona interessata può proporre reclamo all’Autorità Garante per la protezione dei dati o inoltrare ricorso all’autorità giurisdizionale.

(Ultimo aggiornamento del servizio: 20/05/2022)

Ente competente

Ufficio Infrastrutture e mobilità sostenibile
Palazzo 3b, Piazza Silvius Magnago 3, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 46 40
Fax: 0471 41 46 59
E-mail: inframob@provincia.bz.it
PEC: inframob@pec.prov.bz.it