Aiuto immediato Covid-19

Descrizione generale

Questa prestazione ha la finalità di sostenere, durante il periodo di emergenza epidemiologica da Covid-19, le persone e i nuclei familiari a superare il momento di difficoltà economica. 

L'ammontare della prestazione è pari a 500,00 euro per il richiedente e 200,00 euro per ogni ulteriore componente, fino ad un importo massimo mensile di 900,00 euro per nucleo familiare.

La domanda va presentata presso il distretto sociale di riferimento del comune di dimora (dove la persona o la famiglia vive). Si invita a prendere contatto telefonico o via e-mail. Clicca qui per scaricare tutti i contatti.

La domanda è da presentare utilizzando l’apposito modulo predisposto dalla Ripartizione provinciale competente (vedi sotto sezione "Modulistica e allegati") e può essere spedita tramite e-mail oppure posta ordinaria.

I beneficiari delle prestazioni di assistenza economica sociale possono richiedere l’”Aiuto immediato Covid-19" rinunciando alle prestazioni in corso.

Per informazioni di carattere generale in merito all’”Aiuto immediato Covid-19" è possibile chiamare il numero 0471 41 80 06, attivo dal lunedì al giovedì dalle ore 9:00 alle ore 12:00.

Per informazioni specifiche sulla situazione personale o sullo stato attuale della domanda presentata, occorre rivolgersi al distretto sociale competente. Clicca qui per scaricare tutti i contatti. 

Hanno diritto alla prestazione i nuclei familiari di fatto in cui, per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, almeno un componente del nucleo familiare dimostri di aver subito:

a) per almeno 15 giorni lavorativi cumulativi nel periodo dal 1° ottobre 2020 al 30 aprile 2021, in qualità di lavoratore/lavoratrice dipendente/a (a tempo pieno, parziale, determinato, indeterminato), a chiamata/a intermittenza/somministrazione/apprendista:

  • la riduzione o l’interruzione dell’attività lavorativa, oppure
  •  la revoca della prevista ripresa della stessa, qualora precedentemente occupato, oppure
  • di non essere più in grado di svolgere l’attività finora svolta a causa delle limitazioni previste, con conseguente perdita del reddito derivante da tale attività.

In ogni caso l’attività lavorativa deve essere esercitata in Alto Adige.

b) per almeno 15 giorni lavorativi cumulativi nel periodo dal 1° ottobre 2020 al 30 aprile 2021, in qualità di lavoratore/lavoratrice autonomo/autonoma (impresa individuale, società):

  • la chiusura forzata secondo la normativa statale o provinciale vigente oppure
  • che per cause collegate alla pandemia da Covid-19 non ha fatturato prestazioni.

In ogni caso l’attività lavorativa deve essere esercitata in Alto Adige.

c) Dimora stabile in Provincia

Tutti i componenti del nucleo familiare devono convivere e trovarsi in Alto Adige al momento della presentazione della domanda.

d) Limiti reddituali

Per avere diritto alla prestazione, la somma delle entrate nette di ogni componente del nucleo familiare, non deve essere pari o superiore ai seguenti importi:

  • 1.400,00 euro per nuclei composti da una sola persona,
  • 2.200,00 euro per nuclei composti da due persone in su.

Le entrate considerate sono quelle incassate nel mese precedente a quello di presentazione della domanda e derivanti da:

  • attività lavorativa dipendente,
  • da attività lavorativa autonoma o di impresa,
  • benefici economici di sostegno al reddito previsti dalle norme statali o provinciali in ragione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

e) Limiti patrimoniali

Per avere diritto alla prestazione, la somma del patrimonio finanziario di ogni componente del nucleo familiare, riferito alla fine del mese precedente a quello di presentazione della domanda, non deve essere pari o superiore a 30.000,00 euro.

I requisiti sono da dichiarare nel modulo di domanda apposito sotto forma di dichiarazione sostitutiva e saranno sottoposti ai controlli successivi previsti dalla normativa vigente.

1. Modello di domanda compilato in ogni sua parte e sottoscritto.

2. Copia del documento d'identità e del codice fiscale della persona richiedente.

Deliberazione della Giunta provinciale del 24 novembre 2020, n. 943, che modifica il regolamento d'esecuzione relativo agli interventi di assistenza economica sociale ed al pagamento delle tariffe nei servizi sociali: Decreto del Presidente della Giunta dell'11 agosto 2000 nr. 30, e successive modifiche e integrazioni

Ricorsi: Contro la decisione dell'ente, ed entro 45 giorni dalla comunicazione, può essere presentato ricorso gerarchico per motivi di legittimità - ai sensi dell'articolo 9 della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17 e dell'articolo 4 della legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13 - alla Sezione ricorsi - Ripartizione Politiche sociali.   

(Ultimo aggiornamento del servizio: 03/06/2021)

Ente competente

Distretto Sociale Brunico-Circondario
Vicolo dei Frati 3, 39031 Brunico
Telefono: 0474 55 55 48
Fax: 0474 55 51 38
E-mail: distretto.sociale.brunico-circondario@bzgpust.it
PEC: spbruneck.disbrunico@pec.bzgpust.it
Website: http://www.bezirksgemeinschaftpustertal.it/

Scadenze

Le domande di “Aiuto immediato” vanno presentate dal 10 dicembre 2020 e fino al 30 aprile 2021 compreso.

La prestazione è concessa una sola volta per tre mesi ed è erogata mensilmente.

A coloro che hanno già ricevuto le prestazioni con decorrenza dicembre 2020 o gennaio 2021, l’erogazione del sussidio sarà prorogata automaticamente fino al 30 aprile 2021; a tal fine non deve essere presentata una nuova domanda.