Contenuto principale

C

Canale
Via di comunicazione sufficientemente larga da permettere un'unica trasmissione a frequenze radio (RF).

Case sensitive
Per le password, sensibile alle lettere maiuscole e minuscole. Es: pippo e PiPpO sono due parole differenti

Categoria 1 - 5
Classificazione dei cavi UTP in base allo standard EIA/TIA-586. Categoria 1: utilizzata per le comunicazioni telefoniche, non adatta al trasporto dei dati. È il classico doppino telefonico che arriva in tutte le case. Categoria 2: può trasportare dati fino ad una velocità massima di 4 Mbps. Categoria 3: utilizzata nelle reti 10BaseT, può trasmettere dati fino ad un massimo di 10Mbps. Categoria 4: utilizzata nelle reti Token Ring, raggiunge la velocità di 16 Mbps. Categoria 5: adatta per il trasporto dei dati fino a 100 Mbps, tutti le nuove reti vengono oggi costruite utilizzando questa categoria di cavi. Vedi anche UTP, 10BaseT e seguenti.

Cavo coassiale
Il cavo coassiale ha al suo interno un filo conduttore di rame circondato da una struttura cilindrica di plastica che serve a garantire l'isolamento tra il filo di rame ed uno schermo di metallo intrecciato. Tale schermo serve a bloccare qualsiasi interferenza esterna. Il tutto è poi circondato da un'altra struttura protettiva. Esistono due tipi di cavo coassiale che vengono normalmente utilizzati nelle reti LAN: il cavo da 50 Ohm che è usato per la trasmissione di segnali digitali e quello da 75 Ohm che è usato invece per la trasmissione di segnali analogici e segnali digitali ad alta velocità. Il cavo coassiale è stato inventato nel 1929 e commercializzato negli anni '40. Assomiglia molto al cavo della TV. Per molto tempo il cavo coassiale è stata l'unica possibilità per la cablatura di reti locali ad alta velocità, nonostante il grosso svantaggio dei costi (il cavo è difficile e costoso da fabbricare, non si può piegare facilmente e ed è soggetto a frequenti rotture meccaniche ai connettori).

Cbds
Connectionless Broadband Data Service. Tecnologia europea per reti WAN ad alta velocità, basata sul packet switching, simile alla SMDS.

Cck
Complementary Code Keying. Tecnica di modulazione utilizzata dalle LAN wireless conformi allo standard IEEE 802.11 per la trasmissione a 5,5 e 11 Mbps.

Certificato digitale
Il certificato digitale, conosciuto anche come Digital ID, è l'equivalente elettronico di un passaporto o di una licenza di commercio. Viene emesso da un'Autorità Certificativa = Certification Authority (CA) e certifica ufficialmente l'identità del suo possessore. Un Digital ID è composto da due chiavi complementari. Si tratta di un sistema a doppia-chiave: una chiave privata viene installata sul server della società che vende al pubblico prodotti o servizi e può essere utilizzata esclusivamente da questa società; una chiave pubblica viene distribuita e incorporata in tutti i browser più comuni, come Internet Explorer e Netscape Navigator, a cura della Certification Authority.

Cgi
Common Gateway Interface. Insieme di regole che descrivono come un server web comunica con altre applicazioni presenti sullo stesso PC e come queste applicazioni (chiamate "programmi CGI") comunicano con il server. Qualsiasi applicazione può diventare un programma CGI se gli input e gli output sono conformi allo standard CGI.

Checksum
Un numero di identificazione calcolato in base alle caratteristiche del file. Il più piccolo cambiamento in un file modificherà il suo checksum.

Chiave di Registro
Il Registro di Windows utilizza chiavi per memorizzare le impostazioni di configurazione del computer. Quando un utente installa un nuovo programma o le impostazioni di configurazione vengono modificate, i valori di queste chiavi cambiano. Se i virus modificano queste chiavi, possono produrre effetti dannosi.

Chip
Piastrina su cui è inciso un circuito elettronico composto di vari elementi.

Cifratura o crittografia
Sistema che permette di codificare messaggi testuali in simboli non comprensibili a prima vista, in modo che non possano essere interpretati da chi non possiede la corretta chiave di lettura. La crittografia è nata prima dei computer, ed è stata spesso utilizzata per cifrare i messaggi militari. In pratica le lettere del testo vengono trasformate con un determinato algoritmo ed è sufficiente conoscere o scoprire tale algoritmo per decifrare (decryption) il messaggio. Oggi, invece, l'algoritmo è ben noto, ma per la decodifica è necessario conoscere una o più parole chiave. In inglese è chiamata "encryption".

Client
Termine che indica un PC o un terminale collegato in rete che condivide "servizi" con altri PC. I servizi sono memorizzati o amministrati su un server. Quando la rete si ingrandisce e si aggiungono altri computer, uno di essi può diventare il cosiddetto server, cioè un punto centrale per l'archiviazione dei file o dei programmi applicativi in rete. Dal server partono anche le connessioni verso le risorse comuni come le stampanti o i fax. Trasformare un computer in un server dedicato consente di risparmiare sia sui costi aggiuntivi di nuove infrastrutture di rete, sia sui costi di gestione delle stesse. I computer collegati al server vengono chiamati client; tali sono considerati anche scanner di codici a barre, videocamere wireless o altri dispositivi che si collegano senza fili a una rete per accedere ai servizi offerti da quest'ultima (documenti, stampa, ecc...).

Collisione
Nelle reti Ethernet la collisione avviene quando due nodi trasmettono contemporaneamente. I frame di ciascun dispositivo si scontrano e vengono danneggiati nel momento in cui transitano nel mezzo fisico. Vedere anche "Dominio di collisione".

Com
Un tipo di file eseguibile limitato a 64 kb. Questi semplici file sono spesso usati per programmi di utility e piccole routine. Poiché i file COM sono eseguibili, i virus possono essere infettati dai virus. Questo tipo di file ha un'estensione COM.

Commutazione di circuito
Circuit Switching. In una rete a "commutazione di circuito", quando una sessione di comunicazione viene aperta, si stabilisce un contatto fra la parte chiamante e quella chiamata. La rete telefonica PSTN, che è di questo tipo, garantisce la qualità del servizio (QoS) dedicando alla conversazione un circuito full-duplex con una larghezza di banda 64 KHz. Tale larghezza di banda rimane inalterata indipendentemente dal fatto che le parti siano in conversazione attiva o in silenzio. Nella tecnologia a "commutazione di circuito" la capacità del canale trasmissivo è interamente dedicata ad un solo tipo di trasmissione. Per questo motivo non possiamo utilizzare questa linea per telefonare e contemporaneamente navigare in Internet. Per fare entrambe le cose dobbiamo avere installata una linea (rete) particolare, ad esempio una linea ISDN o ADSL.

Commutazione di pacchetto
Packet Switching. Tecnologia di trasferimento file su cui si è basato lo sviluppo di Internet. Ogni singolo messaggio viene suddiviso in "pacchetti" di dati dalle dimensioni fisse, con il proprio numero di identificazione, l'indirizzo del mittente e del destinatario. Tutte queste informazioni sono racchiuse nell'header del pacchetto. Il "pacchetto" di dati può così viaggiare nella rete in modo autonomo utilizzando il percorso più rapido per raggiungere la meta (in questo viene "aiutato" dai router). Questa tecnologia permette di usare lo stesso canale di comunicazione per far passare contemporaneamente pacchetti contenenti dati diversi. Una volta arrivati a destinazione, il messaggio è ricomposto nella sua forma originaria. Il "packet switching" è stato elaborato da Paul Baran negli anni '60.

Cookie
Documento di testo, memorizzato da un server Web su un computer, usato per identificare gli utenti. Puo' anche essere usato per monitorare le abitudini di un utente (nel web) e quindi puo' rappresentare una violazione della privacy. Sia in IE che in Netscape si possono disabilitare i cookie.

Cpe
Customer Premises Equipment. Apparecchi utilizzatori quali terminali, telefoni e modem, forniti dalla compagnia telefonica, installati presso l'utente e connessi alla rete telefonica. Tali apparecchiature possono anche essere di proprietà dell'utente.

Csma/Ca
Carrier Sense Multiple Access with Collision Avoidance. Metodo di accesso alla LAN wireless come specificato dallo standard IEEE 802.11. È una tecnica di "ascolto prima di parlare" che permette di ridurre al minimo le collisioni causate dalla trasmissione simultanea da parte di più dispositivi radio.

Csma/Cd
Carrier Sense Multiple Access Collision Detect. Questo protocollo funziona nel seguente modo: quando una stazione vuole trasmettere "ascolta" il cavo. Se il mezzo è occupato la stazione aspetta finché non sarà libero, altrimenti trasmette immediatamente. Se due o più stazioni iniziano a trasmettere contemporaneamente avverrà una collisione che distruggerà i dati trasmessi. In tal caso tutte le stazioni che stavano trasmettendo smetteranno di farlo, e dopo un intervallo di tempo casuale cercheranno di trasmettere di nuovo. Quasi tutte le reti locali con topologia a bus utilizzano il protocollo Ethernet che si basa proprio sul CSMA/CD. Le reti Ethernet utilizzano sia il twisted pair schermato (STP), sia quello non schermato (UTP), il cavo coassiale e la fibra ottica.