News

Vertice turismo, Schuler: Avviare stagione dello sci in sicurezza

“Regole anti Covid condivise sono rilevanti per le località degli sport invernali”, ha fatto presente l’assessore Schuler al vertice sul turismo con la ministra austriaca Köstinger.

Per la Provincia di Bolzano, l’unica partecipante, l’assessore provinciale Arnold Schuler ha preso parte nel pomeriggio di oggi (15 novembre) al vertice virtuale internazionale in merito alle regole per la prevenzione della diffusione del Coronavirus al fine di garantire un avvio sicuro della stagione turistica invernale 2021/2022. Il confronto è avvenuto online alla presenza della ministra austriaca all’agricoltura, regioni e turismo Elisabeth Köstinger, che l’ha convocato, assieme a colleghi del Liechtenstein e della Slovenia, e a rappresentanti di Italia, Germania, Svizzera, Slovacchia, Ungheria, e Repubblica Ceca.

Regole anti Covid condivise per le località degli sport invernali nell’arco alpino hanno senso al fine di raggiungere maggiore sicurezza e soprattutto maggiore tutela per i turisti e gli amanti degli sport invernali, perché il turismo basa sulla fiducia”, ha sottolineato l’assessore Schuler. In tal senso, è necessario restare in contatto e continuare a lavorare fianco a fianco, ha ribadito l’assessore, facendo presente che la Provincia di Bolzano ha fatto richiesta di spazi d’azione propri, ma che dispone purtroppo di limitate possibilità. “Si può discutere su misure più restrittive di prevenzione della diffusione del Coronavirus, ma è necessario essere certi che gli impianti di risalita e gli esercizi ricettivi possano restare aperti,” ha sottolineato Schuler.

Al fine di stilare un quadro complessivo della situazione, i rappresentanti dei vari Stati hanno illustrato le misure in vigore nei rispettivi territori, che in alcune parti differiscono sostanzialmente. La ministra austriaca Köstinger, da parte sua, ha presentato il cosiddetto “Ninja Pass” quale presupposto d’accesso per i bambini, per i quali vale una regolamentazione straordinaria, qualora i genitori presentino la certificazione delle 2G, ovvero per i vaccinati o guariti. Anche l’assessore Schuler si è detto convinto che “Si tratterebbe di una semplificazione sostanziale proprio per le famiglie che pratica sport invernali o che vanno in vacanza d’inverno”.

Prossimamente dovrebbero seguire incontri fra Stati per decidere come muoversi. “Intendiamo continuare a confrontarci anche in futuro in particolar modo con i rappresentanti dell’Austria, al fine di individuare misure uguali il più possibile,” ha affermato Schuler al termine del confronto.


Vai alla versione originale del comunicato per visualizzare eventuali immagini, documenti o video correlati

san/sa