News

  • Venerdì 25 via al Patto per il lavoro: vertice con le parti sociali e presentazione

    Affrontare con misure adeguate i cambiamenti nel mondo del lavoro è una delle priorità della Giunta provinciale, che troverà attuazione concreta nel nuovo Piano pluriennale per la politica dell’occupazione. Questa sorta di patto per il lavoro verrà elaborato con il coinvolgimento delle parti sociali e della popolazione: il primo passo, con la presentazione di una innovativa forma di partecipazione dei cittadini, è in programma venerdì 25 gennaio a Bolzano.

  • Presentata l'attività della Rete italiana per il rimpatrio volontario assistito

    Sono stati presentati recentemente dal Centro di coordinamento per l’immigrazione, istituito presso la Ripartizione lavoro, i progetti della Rete italiana per il rimpatrio volontario assistito (RIRVA) ed il ruolo degli assistenti sociali in questo delicato settore.

  • MEMC: individuata a Roma la soluzione, accordo a breve

    Trovata una soluzione per risolvere il problema della fornitura di energia a prezzo europeo alla MEMC di Sinigo: questo il principale risultato dell’incontro di oggi (10 gennaio) a Roma al Ministero dello sviluppo economico, presente l’assessore provinciale Roberto Bizzo. “Un segnale positivo che apre la strada all’accordo definitivo tra le parti, di cui si fa garante il Ministero”, sottolinea soddisfatto Bizzo.

  • Prolungata al 15 febbraio la denuncia del personale dipendente per il collocamento mirato

    La Ripartizione lavoro della Provincia informa che la denuncia del personale dipendente per il collocamento mirato da parte di aziende ed enti che hanno più di 15 dipendenti deve essere effettuata entro il 15 febbraio.

  • Aperte le candidature per la Consulta provinciale per l'immigrazione

    La Ripartizione lavoro informa che sono aperte le candidature per la partecipazione alla Consulta provinciale per l’immigrazione prevista dalla legge provinciale sull’Integrazione dei cittadini stranieri. La domanda dovrà essere presentata entro il 4 febbraio 2013.

  • Procedure più snelle nel settore dell’apprendistato

    Semplificate da una delibera della Giunta provinciale le procedure per l’iscrizione degli apprendisti alle rispettive scuole di formazione professionale.

  • Mercato del lavoro news: "Lavoro a progetto 2010-2012"

    Il nuovo numero dell’opuscolo “Mercato del lavoro news” pubblicato dall’Osservatorio del mercato del lavoro è incentrato sul tema del “Lavoro a progetto” nel periodo compreso tra il 2010 ed il 2012.

  • L'assessore Bizzo in merito alla "Giornata internazionale dei migranti" (18 dic.)

    L’assessore provinciale al lavoro, Roberto Bizzo

    “20 anni fa a New York, il 18 dicembre 1990, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottava la Convenzione internazionale per la protezione dei diritti di tutti i lavoratori migranti e delle loro famiglie. Un atto democratico di profonda umanità ed al contempo un importante atto di responsabilità sociale” afferma l’assessore provinciale al lavoro, Roberto Bizzo.

  • Dalla Giunta: si cerca una soluzione per i casi Memc e Site

    Giunta provinciale impegnata alla ricerca di una soluzione in grado di salvaguardare i posti di lavoro della Memc di Sinigo e della Site. Per il primo caso si punta ad uno sconto sulla bolletta energetica, per il secondo, invece, il presidente Durnwalder ha chiesto ai vertici di Telecom il rinvio dell’assegnazione della gara d’appalto.

  • Personale delle pulizie presso Azienda Sanitaria Alto Adige- trovato l’accordo.

    Firmato l’accordo per il personale delle pulizie presso l’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige

    Ieri, giovedì 6 dicembre, alla presenza dei sindacati di categoria Filcams CGIL-AGB e Fisascat CISL-SGB, del Rappresentante Sindacale Aziendale e dei rappresentanti delle cooperative Coopservice e Team Service, presso gli uffici dell’Assessore al lavoro, Roberto Bizzo, è stato siglato l’accordo per effetto del quale è stato evitato il ricorso al licenziamento del personale facente parte dell’impresa di pulizia ATI. Bizzo: “Grazie all’impegno di tutti è stato evitato il ricorso al licenziamento collettivo.”