Agevolazioni a favore dei centri di assistenza tecnica alle imprese (CAT)

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

La Provincia, al fine di incrementare la crescita generalizzata e la produttività dell’economia locale, può concedere contributi a centri di assistenza tecnica alle imprese.

Possono beneficiare delle agevolazioni di cui ai presenti criteri strutture che fungono da centri di assistenza tecnica alle imprese, per brevità di seguito CAT, costituiti dalle associazioni di categoria maggiormente rappresentative, e comunque che abbiano almeno 400 iscritti, dei settori artigianato, industria, commercio, servizi e turismo. Qualora i CAT siano costituiti in collaborazione con altri soggetti interessati, la partecipazione di questi ultimi deve essere inferiore al 50% del capitale sociale.

I CAT possono essere costituiti all’interno delle associazioni di categoria o delle rispettive società di servizi, a condizione che siano dotati di autonomia operativa e che tengano una contabilità separata rispetto a quella del soggetto principale.

I CAT devono disporre di una struttura operativa stabilmente presente sul territorio provinciale identificabile attraverso un apposito marchio e una specifica denominazione, riportati nello Statuto.

Rientrano tra i suddetti CAT anche i consorzi e le cooperative già esistenti e che soddisfano i requisiti e forniscono i relativi servizi.

I CAT forniscono assistenza tecnica nell’ambito delle seguenti materie:

  1. formazione e aggiornamento in materia di innovazione tecnologica e organizzativa;
  2. gestione economica e finanziaria dell’impresa;
  3. accesso ai finanziamenti anche dell’Unione europea;
  4. sicurezza e tutela dei consumatori;
  5. tutela dell’ambiente, igiene e sicurezza sul lavoro;
  6. in altre materie eventualmente previste dallo Statuto;
  7. attività finalizzate alla certificazione di qualità delle aziende.

Domanda (redatta utilizzando l’apposita modulistica predisposta dagli Uffici competenti e trasmesse in formato PDF, tramite un'unica comunicazione PEC alla casella di posta elettronica certificata degli stessi).

Marca da bollo da 16,00 € pagabile mezzo:

  • @e.bollo
  • marca da bollo (indicare data e codice univoco identificativo)
  • F23

La spesa ammissibile è quella risultante dal bilancio del CAT relativo all’anno precedente a quello di presentazione della domanda, alla voce “Totale costi della produzione” nel relativo Conto economico. Nel caso di CAT costituiti all’interno delle associazioni di categoria o delle rispettive società di servizi, si fa riferimento all’analoga voce risultante dalla relativa contabilità.

Il limite minimo annuo della spesa ammissibile è di 30.000,00 euro.

L’agevolazione è concessa in regime “de minimis”, nella misura massima del 15 percento della spesa ammessa.

L’agevolazione annuale non potrà comunque superare i 75.000,00 euro per CAT.

La/il legale rappresentante ha preso visione delle seguenti informazioni sul trattamento dei dati personali (art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016):

Titolare del trattamento dei dati personali è la Provincia autonoma di Bolzano, presso piazza Silvius Magnago 4, Palazzo 3a, 39100 Bolzano, E-Mail: direzionegenerale@provincia.bz.it, PEC: generaldirektion.direzionegenerale@pec.prov.bz.it.

Responsabile della protezione dei dati (RPD): I dati di contatto del RPD della Provincia autonoma di Bolzano sono i seguenti: Provincia autonoma di Bolzano, Palazzo 1, Ufficio organizzazione, Piazza Silvius Magnago 1, 39100 Bolzano; E-Mail: rpd@provincia.bz.it; PEC: rpd_dsb@pec.prov.bz.it.

Origine dei dati: I dati possono essere raccolti anche presso terzi, in particolare presso banche dati gestiti dalle Amministrazioni e Autorità pubbliche.

Finalità del trattamento: I dati forniti saranno trattati da personale autorizzato dell’Amministrazione provinciale anche in forma elettronica, per le finalità istituzionali connesse al procedimento amministrativo per il quale sono resi in base alla legge provinciale 13 febbraio 1997, n. 4. Preposto/a al trattamento dei dati è il Direttore/la Direttrice pro tempore della Ripartizione Economia presso la sede dello/della stesso/a. Il conferimento dei dati è obbligatorio per lo svolgimento dei compiti amministrativi richiesti. In caso di rifiuto di conferimento dei dati richiesti non si potrà dare seguito alle richieste avanzate ed alle istanze inoltrate.

Comunicazione e destinatari dei dati: I dati potranno essere comunicati ad altri soggetti pubblici e/o privati per gli adempimenti degli obblighi di legge nell’ambito dello svolgimento delle proprie funzioni istituzionali e comunque in stretta relazione al procedimento amministrativo avviato: Ministero dello Sviluppo Economico, Commissariato del Governo ed altri enti pubblici o istituzioni pubbliche locali, nazionali ed europei, società in house o enti strumentali della Provincia autonoma di Bolzano. Potranno altresì essere comunicati a soggetti che forniscono servizi per la manutenzione e gestione del sistema informatico dell’Amministrazione provinciale e/o del sito Internet istituzionale dell’Ente anche in modalità cloud computing. Il cloud provider Microsoft Italia Srl, fornitore alla Provincia del servizio Office365, si è impegnato in base al contratto in essere a non trasferire dati personali al di fuori dell’Unione Europea e i Paesi dell’Area Economica Europea (Norvegia, Islanda e Liechtenstein).

Trasferimenti di dati: Non sono previsti trasferimenti di dati personali in Paesi extra UE.

Diffusione: Laddove la diffusione dei dati sia obbligatoria per adempiere a specifici obblighi di pubblicità previsti dall’ordinamento vigente, rimangono salve le garanzie previste da disposizioni di legge a protezione dei dati personali che riguardano l’interessato/l’interessata.

Durata: I dati verranno conservati per il periodo necessario ad assolvere agli obblighi di legge vigenti in materia fiscale, contabile, amministrativa e cioè fino a 10 anni, ai sensi del c.d. “Piano di conservazione dei documenti” “.

Processo decisionale automatizzato: Il trattamento dei dati non è fondato su un processo decisionale automatizzato.

Diritti dell’interessato: In base alla normativa vigente l’interessato/l’interessata ottiene in ogni momento, con richiesta, l’accesso ai propri dati; qualora li ritenga inesatti o incompleti, può richiederne rispettivamente la rettifica e l’integrazione; ricorrendone i presupposti di legge opporsi al loro trattamento, richiederne la cancellazione ovvero la limitazione del trattamento. In tale ultimo caso, esclusa la conservazione, i dati personali, oggetto di limitazione del trattamento, potranno essere trattati solo con il consenso del/della richiedente, per l’esercizio giudiziale di un diritto del Titolare, per la tutela dei diritti di un terzo ovvero per motivi di rilevante interesse pubblico. La richiesta è disponibile alla seguente pagina web: http://www.provincia.bz.it/it/amministrazione-trasparente/dati-ulteriori.asp .

Rimedi: In caso di mancata risposta entro il termine di 30 giorni dalla presentazione della richiesta, salvo proroga motivata fino a 60 giorni per ragioni dovute alla complessità o all’elevato numero di richieste, l’interessato/l’interessata può proporre reclamo all’Autorità Garante per la protezione dei dati o inoltrare ricorso all’autorità giurisdizionale.

(Ultimo aggiornamento del servizio: 15/12/2022)

Ente competente

35. Economia
Palazzo 5, via Raiffeisen 5, 39100 Bolzano
Telefono: 0471/ 41 36 54 Edith Tauber - Ufficio Artigianato e Aree produttive
0471 41 37 63 Elisabeth Gallmetzer - Commercio e servizi
0471 41 37 12 Maria Teresa Cerminara - Industria e cave
0471 41 36 11
E-mail: economia@provincia.bz.it
PEC: handwerk.artigianato@pec.prov.bz.it
handel.commercio@pec.prov.bz.it
industrie.industria@pec.prov.bz.it
wirtschaft.economia@pec.prov.bz.it

Scadenze

In sede di prima applicazione dei criteri il termine per la presentazione delle domande è il 15 novembre 2022.

Altrimenti la domanda dev’essere presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello a cui si riferiscono le spese indicate nel bilancio o nella contabilità separata del CAT.