La protezione antiviolenza ha bisogno di tutti noi!

Campagne e iniziative nell'ambito "Violenza sulle donne"

La Commissione provinciale per le pari opportunità conduce continuamente campagne per attirare l'attenzione sul problema sociale della violenza contro le donne. Ecco l'elenco di queste campagne.

://Digitale è reale/ Contro l'odio in rete. Campagna della Provincia Autonoma di Bolzano. L'UE approva una legge contro l'odio e le fake news sulle piattaforme online

La campagna contro l'odio in rete di Provincia e Consiglio provinciale invita a una comunicazione priva di violenza. Con il Digital Services Act (DSA), l'UE sta approvando una legge storica per le piattaforme online.

angry face

Si chiama ://DIGITALE è REALE/ la campagna di sensibilizzazione contro l'odio in rete promossa da Provincia, Consiglio provinciale e organizzazioni della società civile. Simboli della campagna - da diversi giorni ben visibile alle pensiline dei bus e sui media locali - sono visi di persone coperti per metà da un'emoticon con la stessa espressione del loro volto: un modo per suggerire che dietro il mondo digitale ci sono persone e sentimenti reali.

L'iniziativa nasce circa un anno fa con il Consiglio provinciale che aveva approvato una mozione: "La campagna di sensibilizzazione intende portare a un tipo di comunicazione priva di violenza e improntata al rispetto che sia contro l’odio su Internet. La democrazia ha bisogno di dialogo. Questa iniziativa deve essere un impulso alla moderazione verbale”.

Iniziativa per diffondere consapevolezza sulla violenza

Il cuore della campagna è pubblicato sulla pagina web https://www.digitaleereale.it/. Obiettivo della campagna è consentire alle utenti e agli utenti del web di fare qualcosa di concreto e attivo contro l'odio in ogni sua forma. Nella campagna si spiegano le modalità corrette per reagire, si chiarisce il concetto di hatespeech, si indicano le modalità per denunciare eventuali contenuti violenti. Sulla pagina web è anche possibile scaricare e condividere le immagini della campagna, diventando ambasciatori attivi di questo messaggio di non violenza.

I video sono anche disponibili sulla pagina Youtube della provincia

Decisione storica dell'UE: nuova legge contro l'odio in rete

Le istituzioni dell'UE il 22.04.22 hanno approvato il cosiddetto Digital Services Act (DSA) in consultazione con gli stati membri. Con il Digital Services Act, le piattaforme online dovranno intraprendere in futuro un'azione più forte contro i messaggi di odio e di falsità e altri contenuti illegali.

Tra le altre cose, il DSA è destinato a garantire che i contenuti illegali come i discorsi d'odio siano rimossi dalla rete più rapidamente, che la disinformazione dannosa e la propaganda di guerra siano condivise meno, e che meno prodotti contraffatti siano venduti sui mercati online. Inoltre, il DSA dovrebbe imporre restrizioni sulla pubblicità personalizzata, per esempio per i minori e per dati particolarmente sensibili come le attitudini politiche. Il principio di base è: ciò che è illegale offline dovrebbe essere illegale anche online.

L'accordo deve ancora essere confermato formalmente dal Parlamento europeo e dagli stati dell'UE, il DSA potrebbe poi entrare in vigore il prossimo anno. (Fonte: apa)

asp-apa

Galleria fotografica

Progetti per le scuole

Durante gli ultimi anni la Commissione provinciale per le pari opportunità ha lanciato diverse campagne e iniziative anche nel mondo della scuola. Ecco l'elenco di queste campagne.

://Digitale è reale/ Contro l'odio in rete. Campagna della Provincia Autonoma di Bolzano. L'UE approva una legge contro l'odio e le fake news sulle piattaforme online

La campagna contro l'odio in rete di Provincia e Consiglio provinciale invita a una comunicazione priva di violenza. Con il Digital Services Act (DSA), l'UE sta approvando una legge storica per le piattaforme online.

angry face

Si chiama ://DIGITALE è REALE/ la campagna di sensibilizzazione contro l'odio in rete promossa da Provincia, Consiglio provinciale e organizzazioni della società civile. Simboli della campagna - da diversi giorni ben visibile alle pensiline dei bus e sui media locali - sono visi di persone coperti per metà da un'emoticon con la stessa espressione del loro volto: un modo per suggerire che dietro il mondo digitale ci sono persone e sentimenti reali.

L'iniziativa nasce circa un anno fa con il Consiglio provinciale che aveva approvato una mozione: "La campagna di sensibilizzazione intende portare a un tipo di comunicazione priva di violenza e improntata al rispetto che sia contro l’odio su Internet. La democrazia ha bisogno di dialogo. Questa iniziativa deve essere un impulso alla moderazione verbale”.

Iniziativa per diffondere consapevolezza sulla violenza

Il cuore della campagna è pubblicato sulla pagina web https://www.digitaleereale.it/. Obiettivo della campagna è consentire alle utenti e agli utenti del web di fare qualcosa di concreto e attivo contro l'odio in ogni sua forma. Nella campagna si spiegano le modalità corrette per reagire, si chiarisce il concetto di hatespeech, si indicano le modalità per denunciare eventuali contenuti violenti. Sulla pagina web è anche possibile scaricare e condividere le immagini della campagna, diventando ambasciatori attivi di questo messaggio di non violenza.

I video sono anche disponibili sulla pagina Youtube della provincia

Decisione storica dell'UE: nuova legge contro l'odio in rete

Le istituzioni dell'UE il 22.04.22 hanno approvato il cosiddetto Digital Services Act (DSA) in consultazione con gli stati membri. Con il Digital Services Act, le piattaforme online dovranno intraprendere in futuro un'azione più forte contro i messaggi di odio e di falsità e altri contenuti illegali.

Tra le altre cose, il DSA è destinato a garantire che i contenuti illegali come i discorsi d'odio siano rimossi dalla rete più rapidamente, che la disinformazione dannosa e la propaganda di guerra siano condivise meno, e che meno prodotti contraffatti siano venduti sui mercati online. Inoltre, il DSA dovrebbe imporre restrizioni sulla pubblicità personalizzata, per esempio per i minori e per dati particolarmente sensibili come le attitudini politiche. Il principio di base è: ciò che è illegale offline dovrebbe essere illegale anche online.

L'accordo deve ancora essere confermato formalmente dal Parlamento europeo e dagli stati dell'UE, il DSA potrebbe poi entrare in vigore il prossimo anno. (Fonte: apa)

asp-apa

Galleria fotografica