Appello per preservare la vita sociale ed economica in provincia di Bolzano

A seguito di un incontro per valutare l'attuale evoluzione del Coronavirus l'11 novembre 2021, la Giunta provinciale e le parti sociali, nonché numerose associazioni e organizzazioni della Provincia, hanno concordato sforzi comuni per proteggere la vita sociale ed economica in Alto Adige. L'obiettivo è di evitare nuove restrizioni dovute ad un aumento dell'incidenza del Covid 19.

Di seguito il testo dell'appello formulato congiuntamente e sostenuto da tutte le organizzazioni elencate:

Accordo per preservare la vita sociale ed economica in provincia di Bolzano

Attualmente in provincia di Bolzano si sta registrando un significativo aumento dei contagi di Covid-19.

Se non si interrompe questo trend, sarà nuovamente necessario introdurre restrizioni alla vita sociale ed economica. E la posta in gioco è molto alta.

Uniamo le forze e impegniamoci tutti

Siamo concordi sul fatto che solo unendo le nostre forze si potrà porre un freno a questa impennata. Per questo intendiamo impegnarci per intensificare i nostri sforzi affinché datori di lavoro, lavoratori e lavoratrici nonché l’intera cittadinanza rispettino più rigorosamente le regole esistenti.

Rispettiamo le regole

Siamo anche concordi sul fatto che i controlli del Green Pass da parte dei datori di lavoro e dei pubblici esercizi debbano essere effettuati più attentamente e a tappeto. Oltre che della tutela della salute ne va della sicurezza del lavoro e delle attività economiche.

Nel dialogo con le parti sociali è stato pertanto concordato di reagire con maggiore fermezza all’applicazione spesso troppo morbida delle regole di prevenzione del contagio da Covid-19 per sostenere l’effettuazione di maggiori controlli secondari da parte delle forze dell’ordine.

Salvaguardiamo la nostra vita

Con questi sforzi congiunti intendiamo promuovere un atteggiamento prudente e giudizioso da parte delle persone nella gestione dell’emergenza Covid-19, in modo da salvaguardare la vita sociale ed economica del nostro territorio. In Alto Adige ogni persona può e deve contribuire affinché siano garantiti libertà personali, istruzione e posti di lavoro.

Ciò significa rispettare le regole vigenti e aiutare gli altri a farlo. Vaccinarsi, mantenere le distanze interpersonali, rispettare le norme igieniche e indossare correttamente una protezione delle vie respiratorie rientrano tra queste misure, come pure la regolare effettuazione dei tamponi e la prudenza richiesta in caso di assembramenti.

A tal fine continueremo a svolgere azioni di sensibilizzazione per informare, convincere e sostenere le persone nelle loro scelte.

Ci impegniamo ad adottare misure concrete per realizzare gli obiettivi del presente accordo e a comunicarli con regolarità. Nell’attuale situazione occorre adoperarsi maggiormente per ridurre la pressione sul sistema sanitario, valutando a tale scopo quali attività e contatti siano irrinunciabili e a che cosa si possa, invece, temporaneamente rinunciare.

Facciamo il vaccino

Con la vaccinazione disponiamo di uno strumento per combattere efficacemente la pandemia.

Esortiamo pertanto tutti i cittadini e le cittadine dell’Alto Adige a servirsene e, grazie al maggiore tasso di vaccinazioni raggiunto, a salvaguardare la vita sociale ed economica della nostra provincia.

Uniamo le forze per una più ampia solidarietà e maggiore rispetto!

Accordo per preservare la vita sociale ed economica in provincia di Bolzano

Le parti firmatarie

AGCI – Allianz für Familie – ASGB – CGIL-AGB – Commercianti – Confesercenti – Cooper Dolomiti –Dachverband für Soziales und Gesundheit – HDS – HGV – IDM - Katholische Frauenbewegung – KFS – KVW – La Strada Der Weg – Lebenshilfe – LVH – Raiffeisenverband – SBB – SGB CISL – shv cnabz – Südtiroler Sporthilfe – UIL SGK – Unternehmerverband – USSA – VDS – VSS - Südtiroler HochschülerInnenschaft - Südtiroler Seniorenbund - Katholisches Forum - KSL Katholischer Südtiroler Lehrerbund - Südtiroler Jugendring - Arbeitskreis Eltern Behinderter - Soc. Coop. Soc. River Equipe - Volontarius ODV - SAG Sindacati Autonomi Alto Adige Autonome Gewerkschaften Südtirol - Alkoholkrankenverband.

Se un'organizzazione, un'associazione o un gruppo d'interesse avesse intenzione di sostenere la dichiarazione per la protezione della vita sociale ed economica in Alto Adige, può utilizzare il seguente modulo online:

Informazioni ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016

Titolare del trattamento dei dati personali è la Provincia autonoma di Bolzano, presso piazza Silvius Magnago 4, Palazzo 3a, 39100 Bolzano, e-mail: direzionegenerale@provincia.bz.it, PEC: generaldirektion.direzionegenerale@pec.prov.bz.it

Responsabile del trattamento dei dati
Responsabile esterno del trattamento è Informatica Alto Adige Spa, via Siemens 29, 39100 Bolzano.

Responsabile della protezione dei dati (RPD): I dati di contatto del RPD della Provincia autonoma di Bolzano sono i seguenti: Provincia autonoma di Bolzano, Palazzo 1, Ufficio Organizzazione, Piazza Silvius Magnago 1, 39100 Bolzano; e-mail: rpd@provincia.bz.it, PEC: rpd_dsb@pec.prov.bz.it

Finalità del trattamento: I dati forniti saranno archiviati, elaborati e utilizzati anche elettronicamente da personale autorizzato dell’Amministrazione provinciale ai fini della fornitura del servizio stesso.

Il conferimento dei dati è volontario ma indispensabile per la fornitura del servizio richiesto. Al fine di poter verificare se l’offerta informativa sia di effettivo interesse per gli utenti e se sia necessario apportare dei miglioramenti ad essa, vengono rilevati dati generali non riferiti alla singola persona di natura principalmente statistica. I dati e le informazioni rilevati tramite le normali funzionalità del server vengono aggregati e utilizzati per elaborare statistiche e analisi.

Comunicazione e destinatari dei dati: I dati potranno essere comunicati a soggetti che forniscono servizi per la manutenzione e gestione del sistema informatico dell’Amministrazione provinciale e/o del sito Internet istituzionale dell’Ente anche in modalità cloud computing. Il cloud provider Microsoft Italia Srl, fornitore alla Provincia del servizio Office365, si è impegnato in base al contratto in essere a non trasferire dati personali al di fuori dell’Unione Europea e i Paesi dell’Area Economica Europea (Norvegia, Islanda e Liechtenstein).

Durata: I dati verranno conservati fintantoché sussista il servizio richiesto o fintantoché non pervenga da parte dell’utente la richiesta della loro cancellazione.

Diritti dell’interessato: In base alla normativa vigente l’interessato/l’interessata ottiene in ogni momento, con richiesta, l’accesso ai propri dati; qualora li ritenga inesatti o incompleti, può richiederne rispettivamente la rettifica e l’integrazione; ricorrendone i presupposti di legge opporsi al loro trattamento, richiederne la cancellazione ovvero la limitazione del trattamento. In tale ultimo caso, esclusa la conservazione, i dati personali, oggetto di limitazione del trattamento, potranno essere trattati solo con il consenso del/della richiedente, per l’esercizio giudiziale di un diritto del Titolare, per la tutela dei diritti di un terzo ovvero per motivi di rilevante interesse pubblico.

La richiesta è disponibile alla seguente pagina web: http://www.provincia.bz.it/it/amministrazione-trasparente/dati-ulteriori.asp

Rimedi: In caso di mancata risposta entro il termine di 30 giorni dalla presentazione della richiesta, salvo proroga motivata fino a 60 giorni per ragioni dovute alla complessità o all’elevato numero di richieste, l’interessato/l’interessata può proporre reclamo all’Autorità Garante per la protezione dei dati o inoltrare ricorso all’autorità giurisdizionale.

Il/la richiedente ha preso visione delle informazioni sul trattamento dei dati personali.