FAQ - Domande e risposte

« Home "Coronavirus"

Ricerca

Domande e risposte

[Quarantena e isolamento]
Come termina l’isolamento delle persone infettate dal Covid?

Le persone infettate dal Covid-19 che hanno già effettuato la vaccinazione di richiamo o il cui ciclo vaccinale è stato completato da non più di 4 mesi, devono rispettare un periodo di isolamento di 7 giorni, a condizione che non presentino sintomi da almeno 3 giorni. Se il ciclo vaccinale è stato completato da più di 4 mesi, o se la persona non è stata vaccinata, il periodo di isolamento è di 10 giorni. La fine del periodo di isolamento avviene in entrambi casi sulla base di un test negativo. Fino ad ora, se il test era nuovamente positivo, partiva un ulteriore periodo di isolamento di 7 giorni. Questo significava che un secondo test doveva essere effettuato rispettivamente al 14° o al 17° giorno del periodo di isolamento. Questo iter è stato notevolmente semplificato, anche a causa del minor tempo di incubazione della variante Omicron, ora predominante: se il primo test per terminare il periodo di isolamento è positivo, non è più necessario aspettare altri 7 giorni per eseguire un secondo test e terminare così l'isolamento. Tale test può essere effettuato già il giorno dopo o nei giorni successivi. Se il test risulta negativo il periodo di isolamento si conclude. In precedenza, bisognava sempre e comunque osservare un ulteriore isolamento di 7 giorni. Le farmacie, i Medici di Medicina Generale, i Pediatri di Libera Scelta ed i Centri per i test devono continuare ad inviare i risultati dei test all’Azienda sanitaria. Dopo un test negativo, l’Unità di sorveglianza epidemiologico emette la notifica ufficiale di fine isolamento e la invia al cittadino/alla cittadina. Va ricordato che i test per porre fine all'isolamento possono essere effettuati in molte farmacie, presso la stragrande maggioranza dei Medici di Medicina Generale o Pediatri di Libera Scelta nonché presso i Centri di test allestiti nei comuni (vedi http://sabes.it/test). Non è necessario presentarsi all'appuntamento indicato dall’Azienda sanitaria dell'Alto Adige nella lettera per la notifica dell’isolamento. Tuttavia, è fondamentale cancellare l’appuntamento indicato nella lettera tramite la piattaforma di prenotazione dell'Azienda in modo che le risorse previste possano essere utilizzate in altro modo. I test per terminare il periodo di isolamento sono gratuiti se vengono eseguiti nelle date indicate dall’Unità di sorveglianza epidemiologica, cioè nel 7°/14° giorno o 10°/17° giorno. In tutte le altre date, sono a pagamento. Sia per eseguire un test che per effettuare una vaccinazione è necessario presentare un documento di identità valido.

Fonte: Azienda Sanitaria Alto Adige, Ministero della Salute, data: 18.01.2022

[Certificazione verde COVID-19]
Per andare dal parrucchiere mi serve il Green Pass?

Dal 20 gennaio al 31 marzo 2022 per poter usufruire di servizi alla persona (estetisti, barbieri, parrucchieri, massaggiatori) c’è bisogno del Green Pass (3G).

Fonte: Ordinanza presidenziale n. 3 del 13.01.2022, data: 18.01.2022

[Certificazione verde COVID-19]
Questo vale anche per attività riabilitativa e terapeutica ricomprese nei livelli essenziali di assistenza (LEA)?

No, per queste prestazioni non serve il Green Pass.

Fonte: Governo Italiano, data: 18.01.2022

[Certificazione verde COVID-19]
Quale Green Pass mi serve per musei, mostre, centri culturali, centri sociali o ricreativi?

L'accesso a musei, mostre e altri istituti e luoghi della cultura, nonché quelli dei centri culturali, centri sociali e ricreativi, centri giovanili nonché centri e agenzie di formazione permanente, sia al chiuso che all’aperto, è consentito solo a chi è in possesso del Super Green Pass.
ll mero servizio di prestito nelle biblioteche non necessita della presentazione della certificazione verde.

Fonte: Ordinanza presidenziale n. 1 del 05.01.2022, data: 18.01.2022

[Certificazione verde COVID-19]
Cosa vale per andare al cinema o a teatro?

Per andare al cinema o a teatro ci vuole il Super Green Pass – questo regolamento vale anche per gli studenti e le studentesse a partire dai 12 anni di età che partecipano in orario scolastico a spettacoli in teatri o cinema. Ulteriori informazioni sotto qesto link

Fonte. Governo Italiano e Ordinanza presidenziale n. 3 del 13.01.2022, data: 18.01.2022

[Certificazione verde COVID-19]
In quali uffici mi sarà chiesto il Green Pass?

Dal 1° febbraio al 31 marzo 2022 l’accesso ai pubblici uffici, ai servizi postali, bancari e finanziari e alle attività commerciali, salvo che per il soddisfacimento delle esigenze essenziali e primarie della persona che saranno individuate in seguito, sarà consentito solo dietro presentazione del Green Pass (3G).

Fonte: Ordinanza presidenziale n. 3 del 13.01.2022, data: 18.01.2022

[Certificazione verde COVID-19]
I lavoratori delle strutture per il cui accesso è richiesto agli utenti il cosiddetto Green Pass rafforzato sono soggetti al medesimo obbligo?

Impiegati di strutture come per esempio alberghi, ristoranti, centri fitness, centri benessere, centri natatori, centri termali, centri benessere, musei, cinema, sale gioco, parchi tematici e di divertimento ecc. devono essere in possesso del Green Pass base. A decorrere dal 15 febbraio 2022 per i lavoratori ultracinquantenni invece sarà obbligatorio il Green Pass rafforzato. Questo vale anche per fiere, convegni, concerti, sagre e eventi di ogni tipo.

Fonte: Segreteria Generale della Provincia, data: 18.01.2022

[Certificazione verde COVID-19]
Per lo sport di squadra e di contatto o il corso di Yoga serve il Super Green Pass?

Si, per lo sport di squadra e di contatto, sia all’aperto che al chiuso, serve il Super Green Pass. Questo vale anche per i partecipanti di corsi di Yoga svolti al chiuso in centri fitness o centri simili. Gli insegnanti invece sono da considerarsi lavoratori e per loro la certificazione richiesta è quella semplice (Green Pass). A partire dal 15 febbraio 2022 per i lavoratori ultracinquantenni sarà richiesta la certificazione verde rinforzata (Super Green Pass).

Fonte: Governo Italiano e Segreteria Generale della Provincia, data: 17.01.2022

[Certificazione verde COVID-19]
Quale certificazione verde è necessaria per partecipare a una formazione in ambito lavorativo?

Per la partecipazione a una formazione professionalizzante, che permette all'apprendista di acquisire le competenze e le abilità direttamente necessarie per l'esercizio della sua professione concreta, o comunque che sia volta all’ottenimento di un diploma o titolo abilitante all’esercizio della professione, come per la formazione obbligatoria sulla sicurezza sul lavoro, si applicano le stesse che valgono per l’attività lavorativa. In tal senso, è richiesta la presentazione della certificazione verde semplice (3G), salvo per le persone a partire dai 50 anni, per le quali dal 15 febbraio è necessaria la certificazione rafforzata (2G).
Sono ugualmente sottoposti alla stessa certificazione necessaria per l’attività lavorativa i corsi di formazione in ambito lavorativo che, ai sensi del punto 2) e del punto 7) dell’ordinanza presidenziale contingibile e urgente n. 31 dell’01.10.2021, si svolgono nelle amministrazioni o nei luoghi di lavoro nel settore privato. Per gli altri corsi di formazione, che non siano indispensabili per l’esercizio dell’attività lavorativa, ma frequentati di propria iniziativa e per proprio interesse, è necessario, invece, presentare la certificazione verde rafforzata (2G).

Fonte: Ufficio del Presidente della Provincia, data: 15.01.2022

[Certificazione verde COVID-19]
Qual è la differenza tra Green Pass base (3G), Green Pass rafforzato o Super Green pass (2G) ed il Green Pass Booster?

Green Pass base (3G): indica la Certificazione verde COVID-19 attestante l’avvenuta vaccinazione anti-Sars-Cov-2, la guarigione dall’infezione Covid-19 o l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare.
Green pass rafforzato o Super Green Pass (2G): si intende soltanto la Certificazione verde COVID-19 per vaccinazione o guarigione.
Green Pass Booster: si intende la Certificazione verde COVID-19 rilasciata dopo la somministrazione della dose di richiamo, successiva al completamento del vaccino del ciclo vaccinale primario. Chi non ha ancora fatto la dose di richiamo potrà utilizzare il Green Pass da ciclo vaccinale primario completato o da guarigione, ma dovrà presentare contestualmente un documento, cartaceo o digitale, di un test antigenico rapido o molecolare, eseguito nelle 48 ore precendenti, che attesti l'esito negativo al SARS-CoV-2.
Non è richiesto il Green Pass Rafforzato per i minori di 12 anni e per coloro che hanno un’idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con Circolare del Ministero della Salute del 4 agosto 2021

Fonte: FAQ Governo Italiano, Data: 15.01.2022