FAQ - Domande e risposte

« Home "Coronavirus"

Ricerca

Domande e risposte

[Vaccinazione Covid-19 - Dose di richiamo]
A chi è destinata la dose di richiamo, ovvero booster?

La dose di richiamo è raccomandata per tutte le persone la cui ultima vaccinazione risale ad almeno 5 mesi prima. Alle pazienti ed ai pazienti con immunodeficienze deve essere somministrato un richiamo già 28 giorni dopo l'ultima vaccinazione.

Fonte: Ministero della Salute, Azienda Sanitaria dell'Alto Adige, Data: 23/11/2021  

[Vaccinazione Covid-19 - Dose di richiamo]
Posso ricevere una dose di richiamo se sono già stato vaccinato all'estero con un vaccino COVID-19 non approvato nell'UE (es. Sinovac, Sputnik, ecc.)?

I soggetti vaccinati all’estero con un vaccino non autorizzato dalla UE possono ricevere una dose di richiamo con vaccino a m-RNA nei dosaggi autorizzati per il booster a partire da 28 giorni e fino a un massimo di 6 mesi (180 gg) dal completamento del ciclo primario. Il completamento di tale ciclo vaccinale integrato è riconosciuto come equivalente e conferisce il diritto al green pass.
Superato il termine massimo di 6 mesi dal completamento del ciclo primario con vaccino non autorizzato dalla UE, così come in caso di mancato completamento dello stesso, è possibile procedere con un ciclo vaccinale primario completo con vaccino a m-RNA.

Fonte: Azienda Sanitaria dell'Alto Adige, Data: 18/11/2021  

[Vaccinazione Covid-19 - Dose di richiamo]
Quanto dura il green pass dopo la terza dose?

La nuova certificazione verde per la terza dose viene emessa il giorno successivo alla vaccinazione e ha validità per 12 mesi dalla data della somministrazione della dose ulteriore rispetto al completamento del ciclo. L’aggiornamento della certificazione è automatico.

Fonte: Azienda Sanitaria dell'Alto Adige, Data: 18/11/2021  

[Vaccinazione Covid-19 - Dose di richiamo]
La dose di richiamo può proteggermi contro la pericolosa variante delta?

I risultati degli studi clinici forniscono chiare indicazioni sull'efficacia di una dose di richiamo anche contro la variante delta attualmente dominante. Più precisamente, la dose di richiamo, ovvero booster, aumenta di undici volte l'effetto protettivo contro la variante delta.

Fonte: Azienda Sanitaria dell'Alto Adige, Data: 18/11/2021