Mobilità ciclistica

Andare in bicicletta è salutare, economico e positivo per l’ambiente. In situazioni di traffico intenso e per le distanze più brevi la bicicletta è spesso anche il mezzo di trasporto più veloce. L’importanza della mobilità ciclistica è attualmente in forte crescita a livello internazionale. A livello politico è stato riconosciuto il potenziale della mobilità attiva come risoluzione di problemi. L'Alto Adige si è posto l'obiettivo di raddoppiare la presenza di biciclette entro il 2030, e numerosi Comuni e Comunità comprensoriali si impegnano costantemente per il miglioramento della mobilità ciclistica. Inoltre, la Provincia autonoma di Bolzano ha approvato il primo piano di mobilità ciclistica a livello provinciale. Il Piano è stato elaborato in collaborazione con Green Mobility/STA(Link esterno). Il focus è stato principalmente sulla mobilità quotidiana con l'obiettivo di aumentare l'utilizzo della bicicletta per gli spostamenti quotidiani.

Il piano della mobilità ciclistica

della Provincia autonoma di Bolzano è un documento di pianificazione e strategia che costituisce la base per l'ulteriore sviluppo della mobilità ciclistica in Alto Adige.

Cicliste sul ponte ciclabile presso il Museion - Foto STA/Tessaro

Il piano prevede sei campi d’intervento intesi a portare, entro il 2030, la quota di ripartizione modale (modal split) degli spostamenti in bicicletta fino al 20%:

  1. Rafforzare una comunicazione efficiente sotto forma di trasferimento di informazioni e conoscenze;
  2. Incentivare la  motivazione a spostarsi in bicicletta;
  3. Sfruttare le sinergie attraverso la cooperazione (“Alliance of the willing”);
  4. Trasformare in consuetudine la partecipazione e il coinvolgimento, permettere la codecisione, coinvolgere le scuole;
  5. Rendere l’infrastruttura invitante e accessibile alle bici;
  6. Garantire le risorse finanziarie e umane;

I campi d'azione descritti possono essere suddivisi in misure concrete. È stato altresì sviluppato un catalogo separato di misure, il quale consiste in misure che devono essere attuate e controllate dall'amministrazione provinciale, nonché di raccomandazioni ai vari attori nel campo della mobilità ciclistica. L'allegato 1 del piano di mobilità ciclabile contiene il catalogo delle misure e raccomandazioni.

Una delle principali novità descritte nel piano di mobilità ciclistica è rappresentata dall'istituzione di un centro di competenza per la bicicletta, assegnata all'Ufficio Infrastrutture e mobilità sostenibile della Ripartizione Mobilità. Il centro di competenza, in cui almeno 5 dipendenti si occuperanno esclusivamente della promozione della mobilità ciclistica a livello provinciale, si trova sia presso l'Ufficio infrastrutture e mobilità sostenibile che presso la società in-house STA – settore Greenmobility.

Nel 2030 la bicicletta diventerà il mezzo di trasporto più apprezzato per percorrere distanze fino a 5 km. Ciò contribuirà a ridurre l’inquinamento acustico nei centri abitati e migliorerà notevolmente la qualità della vita anche sulle strade più trafficate, dove si registrerà la diminuzione del traffico automobilistico.

immagine simbolica alto adige pedala

Nel 2021 il cicloconcorso “Alto Adige pedala” si è tenuto per l' ottava volta dal 18 marzo al 30 settembre. Poteva partecipare chiunque e chi supera i 100 km percorsi in bici può anche vincere un premio. Non importa se si va in bici in ufficio o nel tempo libero – ogni chilometro conta.

L'app del cicloconcorso(Link esterno) e il sito possono essere usati anche nel periodo tra le diverse edizioni dei concorsi per inserire i chilometri percorsi.

Sotto il seguente link trovate tutte le informazioni sul concorso: www.altoadigepedala.bz.it(Link esterno).

  • All'edizione 2014 hanno partecipato 1.399 persone che hanno percorso complessivamente 859.958 km.
  • L'edizione 2015 si è svolta dal 23 marzo all'8 settembre 2015 e vi hanno partecipato 2.246 partecipanti che hanno percorso 1.626.523 km.
  • L'edizione 2016 si è svolta dal 18 marzo al 18 settembre 2016 e vi hanno partecipato 2.913 persone che hanno raggiunto 2,3 milioni di km.
  • L'edizione 2017 si è svolta dal 22 marzo all'8 ottobre 2017 e vi hanno partecipato 3.326 persone che hanno raggiunto 3,1 milioni di km
  • L'edizione 2018 si è svolta dal 18 marzo al 30 settembre 2018 e vi hanno partecipato 3.919 persone che hanno raggiunto 3,2 milioni di km.
  • L'edizione 2019 si è svolta dal 20 marzo al 30 settembre 2019 e vi hanno partecipato 1.859 persone che hanno raggiunto 1,8 milioni di km.
  • L'edizione 2020 si è svolta in parte nel lockdown dal 19 marzo al 30 settembre 2020 e comunque vi hanno partecipato 2.059 che hanno raggiunto 1,5 milioni di km.
  • La prima edizione dell’Alto Adige pedala coi guanti, dal 30 novembre 2020 al 31 gennaio 2021 hanno partecipato 1.081 persone che hanno raggiunto 156.563 km.
  • L'edizione 2021 si è svolta dal 18 marzo al 30 settembre 2021 e vi hanno partecipato 3.798 persone che hanno raggiunto 2,7 milioni di km (raggiungendo così il secondo posto per partecipanti e il terzo posto per km)

Le piste ciclabili dell’Alto Adige e i percorsi mtb si trovano nel geocatalogo (Link esterno) e in Civis Maps (Link esterno). Anche il progetto greenmobility ha raccolto informazioni sulle piste ciclabili: le piste ciclabili dell'alto Adige (Link esterno).

Ciclabile sull'adige nei pressi di Salorno autore qwesy qwesy su Panoramio

Notizie sulla bicicletta

Ufficio infrastrutture e mobilità sostenibile
Palazzo 3B, piazza Silvius Magnago 3
39100 Bolzano
Tel. +39 0471 414640/41/42
E-mail: inframob@provincia.bz.it
PEC: transport.trasporti@pec.prov.bz.it

      Orari d'apertura

      Palazzo 3B, piazza Silvius Magnago 3
      39100 Bolzano

      lu, ma, me, ve: ore 9.00 - 12.00
      gi: ore 8.30 - 13.00, ore 14.00 - 17.30