Contenuto principale

Problemi di amianto?

In alcuni casi può essere molto difficile distinguere un materiale contenente amianto da uno senza, dato che visivamente possono essere molto simili tra loro. La vetustà dell’edificio costituisce un buon indizio dato che dal 1994 in Italia è vietato l'utilizzo dell'amianto. Per questo motivo si può dedurre che un edificio, costruito o risanato completamente dopo il 1994, non contenga più materiali in amianto.

Valutazione, bonifica e smaltimento

Valutazione: l'ufficio aria e rumore ha standardizzato la procedura di valutazione dei tetti e degli altri materiali contenenti amianto ed ha elaborato un protocollo di valutazione.

Tipi ed uso dell'amianto, bonifica, patologie e normativa: queste ed altre tematiche legate all'amianto sono approfondite nel sito di "Assoamianto".

Di seguito sono disponibili informazioni dettagliate relative alle procedure vigenti in Provincia di Bolzano per segnalare e valutare prodotti che potrebbero contenere amianto e per bonificare e smaltire l'amianto.


Scegli uno dei seguenti link e ti collegherai con la pagina corrispondente della Rete Civica, il portale della Pubblica Amministrazione.


Dove può essere presente l'amianto in casa

Di seguito una galleria fotografica con immagini di materiali e manufatti edili contenenti amianto, cui la popolazione può venire più frequentemente a contatto in ambito domestico.

Foto 1: Pannello termoisolante in cartone-amianto friabile. Può essere posto in prossimità di termosifoni, stufe o forni. Talvolta è rivestito con un foglio di alluminio o materiale simile. Proprio perchè friabile, può rilasciare fibre pericolose nell'ambiente. Dovrebbe essere rimosso al più presto da una ditta autorizzata.

Foto 2: Pavimentazione in vinilamianto. Si riconosce facilmente dal fatto che si tratta sempre di piastrelle quadrate rigide non flessibili, di vario colore e della dimensione massima di 30x30 cm. Pur contenendo una piccola quantità di amianto, nell'uso normale questo materiale non è mai pericoloso, a meno che non lo si frantumi o lo si trapani (il calore libera infatti le fibre di amianto dalla matrica plastica, cui normalmente sono fortemente legate). Tale pavimentazione non è da confondere con il linoleum che si presenta in rotoli flessibili e non contiene amianto.

Foto 3: Pannelli decorativi in cemento-amianto su balconi. Possono essere colorati in tutte le tonalità. Se in buone condizioni non sono pericolosi fino a quando non si rompano o si frantumino. 

Foto 4: Tetto in cemento-amianto degradato. Si nota la tipica presenza di muschio nelle crepe. Per la valutazione della necessità di risanamento di un tetto d’amianto deve essere utilizzato il protocollo di valutazione.

Foto 5: Copertura di una vecchia legnaia. Tipiche piastrelle piane in cemento-amianto, disposte a forma di rombo. Per la valutazione della necessità di risanamento di un tetto d’amianto deve essere utilizzato il protocollo di valutazione.

Di seguito sono raccolte le immagini appartenenti alla galleria. Per ingrandire una singola immagine cliccare sul dettaglio dell'immagine prescelta.

  • Pannello termoisolante // (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)

    Pannello termoisolante

  • Pavimentazione in vinilamianto // (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)

    Pavimentazione in vinilamianto

  • Pannelli decorativi in cemento-amianto // (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)

    Pannelli decorativi in cemento-amianto

  • Copertura in cemento-amianto  // (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)

    Copertura in cemento-amianto

  • Tipica copertura di un maso // (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)

    Tipica copertura di un maso


Per aprire i documenti PDF contenuti in questa pagina occorre installare un lettore PDF.
Se non ne hai già installato uno nel tuo sistema, puoi scaricare:
Lettori PDF liberi
un lettore PDF libero
Adobe© Reader©
il programma Adobe© Reader©