Centrale provinciale d’emergenza

Indipendentemente quale dei numeri di chiamata d’emergenza si chiami, che si faccia il 115 (in caso d’incendio o emergenze di tipo tecnico) o il 118 (pronto intervento/ambulanza), in Alto Adige la telefonata finisce sempre nella centrale provinciale d’emergenza. Questa è stata attivata nel 1993 dall’Agenzia per la Protezione civile e dall’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige e da allora riceve ogni anno più di 60.000 chiamate d’emergenza.

La rete dei soccorsi della centrale provinciale d’emergenza

Per intervenire in maniera veloce ed efficace, la centrale provinciale d’emergenza in Alto Adige ha a sua disposizione una vasta rete di servizi:

Per ogni possibile situazione d’emergenza nel giro di poco tempo interviene personale qualificato e con l’attrezzatura ottimale.

Gli strumenti della centrale provinciale d’emergenza

Intervenire velocemente ed efficacemente è l’obiettivo principale della centrale provinciale d’emergenza. Per poterlo fare, ci sono piani dettagliati per l’allerta e protocolli per l’allarme. La centrale provinciale d’emergenza è inoltre attrezzata con un modernissimo sistema informativo di gestione degli interventi. Con questo riceve (e registra) le telefonate in entrata, elabora dati, localizza i luoghi dell’intervento, tutto in contemporanea. Così non si perde tempo nella catena d’allarme e i soccorsi arrivano sul posto nel minor tempo possibile.

Le comunicazioni avvengono tramite la rete radio digitale provinciale e tramite le reti radio delle organizzazioni partner. Ovviamente tutto il sistema è progettato per funzionare perfettamente anche in caso di emergenze tecniche o eventi calamitosi.