Ristorazione e gastronomia

Secondo le normative vigenti (consultabili integralmente nella sezione Downloads - Documenti da scaricare) dal 15 gennaio si applicano le seguenti regole.

Attività della ristorazione

  • Tutte le attività della ristorazione (di cui al capo II.D dell’allegato A della legge provinciale 8 maggio 2020, n. 4) sono consentite dalle ore 5.00 alle ore 18.00.
  • Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di 4 persone per tavolo - salvo che siano tutti conviventi.
  • La consumazione di cibo e bevande deve essere effettuata su posto a sedere.
  • I ristoranti possono servire la cena fino alle ore 22.00, con obbligo di prenotazione.
  • Non è ammesso servire pasti e bevande al banco.
  • Le attività di ristorazione situate negli esercizi ricettivi non sono sottoposte al limite di orario, limitatamente al servizio dei propri ospiti.
  • E' vietata la consumazione di pasti e bevande su strade, piazze e altri luoghi accessibili al pubblico, con l’eccezione della somministrazione di pasti e bevande direttamente al chiosco fino alle 18.00.

Rifugi alpini e ristorazione in aree sciistiche

  • Le attività dei rifugi alpini ai sensi della legge provinciale n. 22/1982 e quelle della ristorazione che si trovano nelle aree sciistiche, presso le piste da slittino e nelle zone delle stazioni a valle degli impianti sciistici sono consentite dalle ore 8.00 alle ore 16.00.
  • La consumazione di pasti e bevande è consentita, sia all’interno che all’esterno dell’esercizio, solo dietro prenotazione e solo al tavolo per un massimo di 4 persone per tavolo, salvo che si tratti di tutte persone conviventi.
  • Al banco è proibita la sosta, nonché lasomministrazione e la consumazione dipasti e bevande.
  • È vietata la vendita d’asporto di pasti e bevande.
  • Sono vietate la somministrazione e consumazione di bevande superalcoliche anche in aggiunta ad altre bevande.
  • È vietata inoltre ogni forma di intrattenimento musicale e multimediale, sia all’interno che all’esterno.

Asporto e consegna a domicilio

  • Rimane possibile, dalle ore 5.00 alle ore 22.00, la vendita da asporto, a condizione che l’accesso dei clienti nel locale per ritirare l’ordine avvenga nel rispetto della regola di cui al punto 6) e che non si creino assembramenti all’esterno dei locali.
  • Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dai codici ateco 56.3 (bar e altri servizi simili) e 47.25 (commercio al dettaglio di bevande), l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18.00.
  • È possibile, dalle ore 5.00 alle ore 22.00, la vendita con consegna a domicilio, a condizione che siano rispettate le norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che per quella di trasporto.

Aree di sosta e servizio

Le aree di sosta e servizio su autostrade e superstrade rimangono aperte.

Attività di ristorazione in strutture ricettive

Le attività delle strutture ricettive sono esercitate a condizione che sia assicurato il mantenimento del distanziamento sociale, garantendo comunque la distanza interpersonale di sicurezza di almeno un metro negli spazi comuni, e nel rispetto dei protocolli vigenti e di tutte le misure fissate (si veda l'allegato A della legge provinciale dell’08.05.2020, n. 4).

Mense e catering

Possono proseguire le attività delle mense e del catering continuativo su base contrattuale che garantiscano il rispetto delle misure di sicurezza in essere. Anche gli esercizi di ristorazione che abbiano in essere contratti di servizio di fornitura pasti alle maestranze/operai /lavoratori, a cui non sono in alcun modo equiparati i buoni pasto, garantiscono il servizio contrattualmente pattuito con imprese o enti nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e del distanziamento interpersonale.

Per saperne di più

Consulta le normative vigenti nella sezione Downloads - Documenti da scaricare.

Per ulteriori informazioni, puoi rivolgerti all'Area funzionale Turismo.