Contenuto principale

Piano d´azione e criteri per il risanamento acustico

La direttiva comunitaria 2002/49/CE (recepita a livello nazionale con il decreto legislativo 19.8.2005, n. 194) contiene le norme relative alla determinazione del rumore ambientale e la strategia comunitaria per evitare, prevenire e ridurre gli effetti nocivi dell’esposizione al rumore ambientale. Questa direttiva fornirà negli anni futuri la base per lo sviluppo di misure comunitarie di pianificazione e riduzione del rumore. La Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige, ai sensi del D.Lgs. 194/2005, ha elaborato un Piano d’azione per il contenimento e abbattimento del rumore prodotto dal traffico veicolare per gli assi stradali di competenza provinciale.
Obiettivo del Piano é pertanto pianificare la realizzazione degli interventi secondo una scansione temporale che tenga conto dell’indice di priorità, privilegiando le aree dove i superamenti sono maggiori e che interessano un numero elevato di persone.

Gli strumenti cardine per la riduzione del rumore ambientale, previsti dalla normativa, sono:

Realizzazione della mappatura acustica
La mappatura acustica serve a controllare il grado di rumore al quale la popolazione è esposta.
La mappatura acustica è stata elaborata nel 2007 dai tecnici dell’Ufficio Aria e rumore 29.2 ed è stata aggiornata nel 2012. (Vedasi ortofoto sotto)
Elenco strade di competenza provinciale

Piano d’azione per il risanamento acustico
Il Piano d’azione contiene i criteri generali adottati dall’amministrazione provinciale per la predisposizione dei progetti di risanamento acustico, le modalità tecniche d’intervento con i relativi effetti e costi.

Le misure antirumore  che l’amministrazione potrà adottare sono:

- interventi direttamente sulla sorgente rumorosa (asfalto fonoassorbente, riduzione della velocità, circonvallazione, blocco o restrizioni alla circolazione dei mezzi pesanti)
- interventi lungo la via di propagazione del rumore dalla sorgente al ricettore (barriere antirumore, rivestimento fonoassorbente degli imbocchi delle gallerie, terrapieni)
- interventi direttamente sul ricettore (finestre fonoisolanti)

 ll Piano d’azione sviluppato contiene gli elementi minimi richiesti dall’allegato 5) della succitata normativa nazionale.

Lista delle priorità degli interventi di risanamento acustico
Dai risultati della mappatura acustica sono state evidenziate le aree di criticità e gli indici delle priorità di intervento, che sono confluiti in una graduatoria, la quale diventerà la base per la definizione della lista degli interventi di risanamento acustico provinciale nei prossimi anni.
In base ai valori di superamento ed all’intervento previsto, è possibile prevedere la riduzione dell’inquinamento acustico (in termini di decibel) al quale i cittadini sono esposti, calcolando i costi/ benefici.
La Provincia Autonoma di Bolzano è da sempre molto attenta alle problematiche derivanti dal rumore causato dal traffico stradale. Non solo si è attivata nella realizzazione di numerose “circonvallazioni”, per far fluire il traffico al di fuori dei centri abitati, ma sono stati effettuati ulteriori interventi (passivi) come ad esempio l’installazione delle barriere antirumore che ostacolano la propagazione del rumore e interventi (attivi) che agiscono direttamente sulla sorgente del rumore stesso riducendone il livello di emissione (asfalto fonoassorbente)
L’Amministrazione provinciale sta attualmente testando un nuovo tipo di asfalto fonoassorbente non drenante a pori chiusi, denominato “rubber” che utilizza scarti di pneumatici.
La programmazione degli interventi di risanamento e i relativi fondi dipendono dai rispettivi programmi pluriennali delle Ripartizioni 12. e 10.

Assi stradali con traffico sopra i 6.000.000 veicoli/anno (prima fase 2008)
Il Piano d’azione, insieme alla mappatura acustica (2007) ed alla lista delle priorità degli interventi di risanamento è stato inviato, il 14.10.2008, al competente Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.
In materia di informazione e consultazione al pubblico sono stati pubblicati gli avvisi pubblici sui quotidiani locali “Alto Adige” e “Dolomiten” e pubblicato il Piano d’azione sul sito Internet.
L’unico asse stradale con traffico sopra i  6 milioni veicoli/anno è risultato la MEBO (SS38) ed i risultati della mappatura hanno evidenziato solo 3 zone in cui i valori riportavano un superamento dei limiti. Nelle 3 zone sono stati attuati degli interventi di risanamento.

Assi stradali con traffico sopra i 3.000.000 veicoli/anno (seconda fase 2013)
La mappatura acustica è stata aggiornata con i dati del traffico del 2011 entro la scadenza ministeriale prevista. Conseguentemente sono emersi nuovi valori e sono stati individuati nuovi assi stradali con traffico superiore ai 3 Mio. veicoli/anno.
Entro il 2013 è previsto l’invio al competente Ministero, del Piano d’azione comprendente la lista delle priorità degli interventi di risanamento e gli elaborati grafici, aggiornato secondo i nuovi parametri.

Informazione e consultazione
L´Amministrazione provinciale ha ottemperato a quanto richiesto in materia di informazione e consultazione al pubblico, diffondendo attraverso avvisi pubblici sui quotidiani locali Alto Adige e Dolomiten. Ha pubblicato il Piano d´azione sulla pagina web della Ripartizione Infrastrutture, ha attivato una casella postale per le osservazioni da parte della cittadinanza, affinché il pubblico potesse consultarli e presentare osservazioni e pareri in forma scritta entro 45 gg dalla pubblicazione.

L’Ente gestore della rete stradale è la Ripartizione 12. Servizio Strade dell’Assessorato all’Ambiente, energia, lavori pubblici e patrimonio, scuola e cultura ladina (http://www.provincia.bz.it/serviziostrade/default.asp)
La mappatura acustica è stata elaborata dai tecnici dell’Agenzia per l’ambiente, Ufficio aria e rumore dell’Assessorato all’Ambiente, energia, lavori pubblici e patrimonio, scuola e cultura ladina (http://www.provincia.bz.it/agenzia-ambiente/)

Normativa di riferimento
1) Decreto legislativo 19 agosto 2005, n.194
"Attuazione della direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale"

2) Decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 2004, n. 142
"Disposizioni per il contenimento e la prevenzione dell´inquinamento acustico derivante dal traffico veicolare, a norma dell´articolo 11 della legge 26 ottobre 1995, n. 447"

3) Decreto ministeriale 29 novembre 2000
"Criteri per la predisposizione da parte delle societá e degli enti gestori dei servizi di trasporto o delle relative infrastrutture, dei piani degli interventi di contenimento ed abbattimento del rumore"

4) Direttiva 2002-49-EG
"Direttiva del Parlamento Europeo per la valutazione e riduzione del rumore ambientale"

Ortofoto degli assi stradali
Caldaro
Stegona
Algundo
Anello nord Brunico
Lana
Sinigo
Val Isarco
Val Isarco
Val Isarco
Bassa Atesina

Bassa Atesina
Bassa Atesina

Wipptal
Wipptal

Wipptal
Wipptal
Mebo
Mebo
Mebo
Val Venosta di Sotto
Val Venosta di Sotto
Val Venosta di Sotto
Val Venosta di Sotto
Val Venosta di Sotto
Val Venosta di Sopra
Val Venosta di Sopra
Val Venosta di Sopra

Appiano
Val Passiria
Val Passiria
Novacella
Alta Val Pusteria

Alta Val Pusteria
Alta Val Pusteria
Alta Val Pusteria
Alta Val Pusteria
Bassa Val Pusteria
Bassa Val Pusteria
Bassa Val Pusteria
Marling
Val Aurina
Val Aurina