Barriere stradali

La Provincia Autonoma di Bolzano ha deciso di certificare una serie di barriere stradali, al fine di:
• uniformare il magazzino;
• risparmiare eseguendo acquisti centralizzati;
• semplificare e standardizzare l’installazione;
• personalizzare l’estetica sul territorio;

I guard rail, per venire certificati, devono superare con successo 2 prove di urto dal vero (crash test). La loro successiva installazione lungo le strade deve rispettare le regole riportate nei manuali di installazione. Più ci si allontana da tali regole e maggiore è il rischio che la barriera non funzioni come dovrebbe.

Al fine di aiutare i progettisti non specialisti nella scelta e nella modalità di utilizzo delle barriere stradali tipo PAB, visto che vengono spesso imposte dall’Amministrazione, è stato redatto un documento tecnico denominato: le barriere stradali "tipo PAB" - approfondimenti e riflessioni.

 

  1. Le barriere stradali “tipo PAB”: approfondimenti e riflessioni  [PDF 8.731 kb]
  2. Disegni singoli componenti [PDF 2.285 kb]
  3. Banchettoni standard autoequilibranti [ZIP 6.55 Mb]
      1

      PAB N2T2 - T4

      Infissa in terreno classe N2 senza corrimano – 2m 

      1. CE 236/2131/CPR/2014 [PDF 1.564 kb]
      2. Report N2T2 TB11 [PDF 55.599 kb]
      3. Report N2T2 TB32 [PDF 57.242 kb]
      4. Manuale installazione PAB N2T2 [PDF 870 kb]
      5. Disegno di montaggio [PDF 725 kb]
      6. Disegno di montaggio Autocad [DWG 615 kb]

       

      Infissa in terreno classe N2 senza corrimano – 4m 

      1. CE 237/2131/CPR/2014 [PDF 1.512 kb]
      2. Report N2T4 TB11 [PDF 51.550 kb]
      3. Report N2T4 TB32 [PDF 51.558 kb]
      4. Manuale installazione PAB N2T4 [PDF 870 kb]
      5. Disegno di montaggio [PDF 725 kb]
      6. Disegno di montaggio Autocad [DWG 512 kb]
      1

      PAB H1CE

      Inghisata nel calcestruzzo classe H1 senza corrimano 

      1. CE 506/2131/CPR/2016 [PDF 1.512 kb]
      2. Report H1CE TB11 [PDF 21.587 kb]
      3. Report H1CE TB42 [PDF 21.141 kb]
      4. Manuale installazione PAB H1CE [PDF 870 kb]
      5. Disegno di montaggio [PDF 578 kb]
      6. Disegno di montaggio Autocad [DWG 973 kb]
      3

      PAB H2TE

      Infissa in terreno classe H2 senza corrimano 

      1. CE 200/2131/CPR/2013 [PDF 1.512 kb]
      2. Report H2TE TB11 [PDF 65.079 kb]
      3. Report H2TE TB51 [PDF 59.433 kb]
      4. Manuale installazione PAB H2TE [PDF 870 kb]
      5. Disegno di montaggio [PDF 584 kb]
      6. Disegno di montaggio Autocad [DWG 342 kb]
      4

      PAB H2CE

      Inghisata nel calcestruzzo classe H2 senza corrimano 

      1. CE 202/2131/CPR/2013 [PDF 1.512 kb]
      2. Report H2CE TB11 [PDF 23.423 kb]
      3. Report H2CE TB51 [PDF 62.755 kb]
      4. Manuale installazione PAB H2CE [PDF 870 kb]
      5. Disegno di montaggio [PDF 583 kb]
      6. Disegno di montaggio Autocad [DWG 208 kb]
      5

      PAB H2CEP - H2BPCP

      Con piastra su calcestruzzo classe H2 senza corrimano 

      1. CE 377/2131/CPR/2013 [PDF 2.274 kb]
      2. Report H2CE P_HAMMER CE [PDF 1.946 kb]
      3. Report H2CE P_HAMMER P [PDF 2.186 kb]
      4. Manuale installazione PAB H2CEP [PDF 870 kb]
      5. Disegno di montaggio [PDF 605 kb]
      6. Disegno di montaggio Autocad [DWG 242 kb]

       

      Bordo ponte con piastra su calcestruzzo classe H2 con corrimano 

      1. CE 376/2131/CPR/2013 [PDF 2.252 kb]
      2. Report H2BPC P_HAMMER CE [PDF 1.946 kb]
      3. Report H2BPC P_HAMMER P [PDF 2.186 kb]
      4. Manuale installazione PAB H2BPCP [PDF 870 kb]
      5. Disegno di montaggio [PDF 591 kb]
      6. Disegno di montaggio Autocad [DWG 216 kb]
      6

      PAB H2BPC

      Bordo ponte inghisata nel calcestruzzo classe H2 con corrimano 

      1. CE 201/2131/CPR/2013 [PDF 1.512 kb]
      2. Report H2BPC TB11 [PDF 28.005 kb]
      3. Report H2BPC TB51 [PDF 27.118 kb]
      4. Manuale installazione PAB H2BPC [PDF 1.018 kb]
      5. Disegno di montaggio [PDF 615 kb]
      6. Disegno di montaggio Autocad [DWG 223 kb]

      Le barriere stradali possono rappresentare l’ultima risorsa per salvare la vita ad un utente stradale che per qualche motivo esce di strada.
      Le barriere stradali riescono a contenere un veicolo in svio solo se l’impianto barrieristico è mantenuto in condizione di perfetta efficienza e se l’energia d’impatto rimane bassa e quindi solo se l’impatto sulla barriera avviene in modo molto tangente e se la massa del veicolo e la velocità d’impatto sono basse.

      Mezzo da 7.5 ton che impatta con velocità crescenti, ma con angolo costante pari a 20°
      Mezzo da 7.5 ton che impatta con inclinazione crescente, ma con velocità costante
      Svariate condizioni d’impatto di un’automobile
      Svariate condizioni d’impatto di un camion leggero
      Svariate condizioni d’impatto di un pullman
      - Svariate condizioni d’impatto di mezzo d’opera

      Come richiesto dall’art.14 del C.d.s. la verifica dell’efficienza degli impianti barrieristici esistenti viene ottemperata dal Servizio strade mediante la redazione di un catasto.
      Parte del budget disponibile per aumentare la sicurezza stradale viene investito secondo le indicazioni di una lista di priorità.

       

      Censimento manuale di tutti gli impianti esistenti e suddivisione delle barriere in 4 classi (eseguito negli anni 2010-2011)

      - Barriere 1a = barriere molto ammalorate che richiedono urgenti interventi di sostituzione
      - Barriere 1b = barriere anche non ammalorate ma che risultano molto inefficienti (interassi eccessivi, molto basse,..) e che richiedono sostituzioni a breve termine
      - Barriere 2 = barriere in buono stato
      - Barriere 3 = barriere in ottimo stato

      Aggiornamento annuale con censimento nuovi impianti/sostituzioni
      Grazie al catasto l’ente gestore è a conoscenza del numero e delle condizioni delle barriere in gestione (risultati catasto)
      Grazie al continuo aggiornamento del catasto è possibile affermare che l’ente gestore sostituisce mediamente ca. 5km di barriere all’anno.

       

      A seguito del catasto è emerso che le sole barriere 1a nel 2011 ammontavano a oltre 33km, mentre le barriere 1b superavano i 152km. Di conseguenza almeno per le barriere 1a stata redatta una lista di priorità basata sui principali fattori menzionati dalle normative:

      Nel giro di 5 anni il numero di barriere 1a presenti lungo la rete è stato dimezzato.