Prenotazione colloquio

Compilando il seguente modulo è possibile prenotare un colloquio individuale gratuito o avere risposta ai propri quesiti.

I campi obbligatori sono indicati in grassetto e dal simbolo: *

Dati personali:
Al momento sono:
Al momento sono *



















Il colloquio:
Con questo colloquio vorrei...
Sono già stato/a in consulenza



Vorrei una consulenza in lingua

Informativa sulla privacy

Informazioni sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016

Titolare del trattamento dei dati personali è la Provincia autonoma di Bolzano, presso piazza Silvius Magnago 1, Palazzo 1, 39100 Bolzano, E-Mail: direzionegenerale@provincia.bz.it
PEC: generaldirektion.direzionegenerale@pec.prov.bz.it.

Responsabile della protezione dei dati (RPD). I dati di contatto del RPD della Provincia autonoma di Bolzano sono i seguenti: e-mail: rpd@provincia.bz.it PEC: rpd_dsb@pec.prov.bz.it

Finalità del trattamento. I dati forniti saranno trattati da personale autorizzato dell’Amministrazione provinciale anche in forma elettronica, per le finalità istituzionali perseguite in base alla Legge Provinciale 4 maggio 1988, n. 15 recante la “Disciplina dell’orientamento scolastico e professionale”, che ha istituito un servizio pubblico rivolto ad alunni delle scuole dell’obbligo, a studenti delle scuole secondarie di secondo grado ed universitari, nonché a tutti coloro che devono effettuare scelte scolastiche, formative e/o professionali, volto a promuovere l’orientamento scolastico e professionale per rendere effettivo il diritto allo studio e al lavoro, mediante informazioni e consulenze specialistiche. I dati potranno essere trattati in forma anonima per finalità statistiche e di analisi del servizio offerto.

Base giuridica del trattamento. Base giuridica del trattamento è l’esecuzione di un compito di interesse pubblico o connesso a pubblici poteri ai sensi dell’art. 6, paragrafo 1, lett. e) del Regolamento (UE) 2016/679, nonché dell’art. 2-sexies, lett. bb) del Codice Privacy “istruzione e formazione in ambito scolastico, professionale, superiore ed universitario”, in attuazione di quanto disposto dall’art. 9, par. 2, lett. g) del Regolamento (UE) 2016/679 per quanto riguarda le categorie particolari di dati personali, vale a dire i dati “personali che rivelino l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinione politiche, l’adesione a partiti, sindacati, associazioni o organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale.”

Si specifica inoltre che il consenso per i minori viene richiesto ai sensi dell’art. 31 del Codice deontologico degli psicologi.

Il conferimento dei dati è obbligatorio per lo svolgimento dei servizi richiesti. In caso di rifiuto di conferimento dei dati richiesti non si potrà dare seguito alle richieste avanzate e alle istanze inoltrate.

Comunicazione e destinatari dei dati. Nell’interesse esclusivo dell’interessato e per una migliore erogazione dei servizi offerti, previa informazione e accordo con la persona stessa (nel caso di minori, con la persona esercente responsabilità genitoriale) a cui viene sottoposta l’informativa privacy, ai sensi dell’art. 5 della Legge Provinciale n. 15/1988, l’Ufficio orientamento scolastico e professionale collabora con soggetti pubblici e privati, fra i quali rientrano le scuole di istruzione secondaria di primo e secondo grado, le scuole di formazione professionale e le istituzioni pubbliche o private anche estere altri consulenti, utili per lo svolgimento dell'attività di orientamento. L'Ufficio Orientamento scolastico e professionale collabora inoltre con l’Ufficio Servizio lavoro, i Centri per l'inserimento lavorativo, l'Ufficio Osservazione mercato del lavoro e mantiene i contatti con i rappresentanti dei dipendenti e dei datori di lavoro.

I dati potranno essere inoltre comunicati ai soggetti che forniscono servizi per la manutenzione e gestione del sistema informatico dell’Amministrazione provinciale e/o del sito Internet istituzionale dell’Ente anche in modalità cloud computing. Il cloud provider Microsoft Italia Srl, fornitore alla Provincia del servizio Office365, si è impegnato in base al contratto in essere a non trasferire dati personali al di fuori dell’Unione Europea e i Paesi dell’Area Economica Europea (Norvegia, Islanda e Liechtenstein), senza le garanzie previste al capo V del Regolamento.

I destinatari dei dati di cui sopra svolgono la funzione di responsabile esterno del trattamento dei dati, oppure operano in totale autonomia come distinti Titolari del trattamento.

Diffusione. Laddove la diffusione dei dati sia obbligatoria per adempiere a specifici obblighi di pubblicità previsti dall’ordinamento vigente, rimangono salve le garanzie previste da disposizioni di legge a protezione dei dati personali che riguardano l’interessato/l’interessata.

Durata. I dati verranno conservati per il periodo necessario ad assolvere agli obblighi di legge vigenti in materia fiscale, contabile, amministrativa e cioè fino a 10 anni.

Processo decisionale automatizzato. Il trattamento dei dati non è fondato su un processo decisionale automatizzato.

Diritti dell’interessato. In base alla normativa vigente l’interessato/l’interessata ottiene in ogni momento, con richiesta, l’accesso ai propri dati; qualora li ritenga inesatti o incompleti, può richiederne rispettivamente la rettifica e l’integrazione; ricorrendone i presupposti di legge opporsi al loro trattamento, richiederne la cancellazione ovvero la limitazione del trattamento. In tale ultimo caso, esclusa la conservazione, i dati personali, oggetto di limitazione del trattamento, potranno essere trattati solo con il consenso del/della richiedente, per l’esercizio giudiziale di un diritto del Titolare, per la tutela dei diritti di un terzo ovvero per motivi di rilevante interesse pubblico. La richiesta è disponibile alla seguente pagina web: http://www.provincia.bz.it/it/amministrazione-trasparente/dati-ulteriori.asp.

Rimedi. In caso di mancata risposta entro il termine di 30 giorni dalla presentazione della richiesta, salvo proroga motivata fino a 60 giorni per ragioni dovute alla complessità o all’elevato numero di richieste, l’interessato/l’interessata può proporre reclamo all’Autorità Garante per la protezione dei dati o inoltrare ricorso all’autorità giurisdizionale