FAQ

Lista delle domande e risposte frequenti

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
PatINAIL – Nel caso in cui venga effettuata una comunicazione con PatINAIL 00000000 (in attesa di codice PAT), va poi inviata una rettifica quando si riceve la PatINAIL definitiva?
No, non va effettuata una rettifica. La nuova PatINAIL verrà indicata in occasione della prossima comunicazione da effettuare.
  • Numero:  2040
  • Autore: ms
  • Ultima modifica: 3.3.2010

Questa risposta è stata utile? 720 693 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
PatINAIL – Se nel corso del rapporto di lavoro dovesse variare la posizione assicurativa territoriale del datore di lavoro assegnata dall’INAIL (PatINAIL), devo darne comunicazione?
La variazione di PatINAIL non va comunicata. La nuova PatINAIL verrà indicata in occasione della prossima comunicazione da effettuare.
  • Numero:  2050
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 12.5.2009

Questa risposta è stata utile? 693 627 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
PatINAIL – In caso di comunicazione di lavoratori autonomi dello spettacolo il campo PatINAIL come va compilato?
In caso di comunicazione di lavoratori autonomi dello spettacolo nel campo PatINAIL va inserito il codice 99990001.
  • Numero:  2060
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 14.7.2009

Questa risposta è stata utile? 627 600 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Part time – Come si comunicano le ore settimanali non intere?
Le ore settimanali non intere sono da arrotondare per eccesso. Esempio: 19,2 diventa 20.
  • Numero:  2110
  • Autore: sl
  • Ultima modifica: 24.9.2009

Questa risposta è stata utile? 693 612 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Aspettativa part-time – Nel caso un dipendente usufruisca dell’aspettativa part-time devo fare la comunicazione di trasformazione?
No, in questo caso non è previsto l’obbligo di comunicazione. L’aspettativa part-time comprende i casi in cui il dipendente lavora con orario parziale per un determinato periodo mantenendo i contributi come se lavorasse a tempo pieno; al termine del periodo di aspettativa ritorna automaticamente a tempo pieno. L'aspettativa part-time, infatti, è da considerarsi una forma di sospensione che come tale non è soggetta a comunicazione.
  • Numero:  2190
  • Autore: ms
  • Ultima modifica: 31.5.2010

Questa risposta è stata utile? 699 598 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Rientro da congedo – Come va comunicato il rientro da maternità o da altri congedi?

La comunicazione di una sospensione di un rapporto di lavoro non è più soggetta a notifica dal 7 dicembre 2005. Va, però, comunicata la fine delle sospensioni in precedenza comunicate, indicando la data di riattivazione del rapporto di lavoro, la tipologia contrattuale e, in caso di tempo parziale, anche la percentuale. Questa comunicazione di rientro NON va comunicata tramite ProNotel2, ma tramite una semplice email da inviarsi all'indirizzo notel@provincia.bz.it.

  • Numero:  2200
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 11.8.2009

Questa risposta è stata utile? 561 550 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Variazione di residenza – Bisogna comunicare tramite ProNotel2 la variazione di residenza di un collaboratore?
Non occorre inviare alcuna comunicazione per la variazione di residenza di un collaboratore. È sufficiente inserire il nuovo indirizzo nella successiva comunicazione obbligatoria.
  • Numero:  2300
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 16.12.2014

Questa risposta è stata utile? 538 547 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Servizio di volontariato – Le persone, che prestano servizio di volontariato come pena alternativa alla reclusione o all’ammenda per particolari reati, vanno comunicate via ProNotel2?
Il lavoro di pubblica utilità, pena alternativa applicata su richiesta dell’imputato in luogo della reclusione o dell’ammenda per particolari reati, può essere assimilato alle prestazioni gratuite del volontariato ex legge 266/1991. Le convenzioni di prestazione di lavoro di pubblica utilità non ricadono pertanto nell’obbligo di comunicazione.
  • Numero:  2400
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 16.12.2014

Questa risposta è stata utile? 546 541 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Lavoro a domicilio – dove si trova la sede di lavoro del lavoratore a domicilio?

In caso di lavoro a domicilio si riferiscono alla sede di lavoro cui il lavoratore è assegnato. Se non è presente nessuna sede di lavoro in Italia, va indicato il domicilio/residenza del lavoratore.

 

 

  • Numero:  2600
  • Autore: mw
  • Ultima modifica: 23.4.2019

Questa risposta è stata utile? 518 510 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Come va utilizzato il codice trasformazione “Progressione verticale nella PA”?
La tipologia “Progressione verticale nella PA” può essere utilizzata solamente dalla Pubblica Amministrazione e va utilizzata anche in caso di demansionamento.
  • Numero:  2700
  • Autore: tb
  • Ultima modifica: 30.7.2019

Questa risposta è stata utile? 477 456 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Chi va comunicato con i “contratti per Riders” (lavoro con piattaforma)?
I Riders sono fattorini attivi in ambito urbano, che si spostano utilizzando biciclette, motorini o altri veicoli di cui all’art. 47 c. 2, lett. a) del D.Lgs. 285/1992 e che si appoggiano a piattaforme (anche digitali) per l’organizzazione della prestazione.
I Riders soggetti a comunicazione obbligatoria sono solo quelli assunti con contratti di lavoro subordinato.
Rientrano in tale categoria ad esempio i fattorini dipendenti di pizzerie che prendono ordini per telefono.
  • Numero:  2800
  • Autore: tb
  • Ultima modifica: 14.1.2020

Questa risposta è stata utile? 438 423 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]

Lavoro autonomo occasionale: come effettuare le comunicazioni?

Dal 21 dicembre 2021 è diventato obbligatorio comunicare preventivamente all’Ispettorato territoriale del lavoro competente per territorio l’impiego di lavoratori autonomi occasionali, così come previsto dalla Legge 215/2021.

Il Ministero del lavoro ha istituito un apposito servizio online con il quale – analogamente al lavoro intermittente o a chiamata – è possibile effettuare le segnalazioni attraverso una procedura standardizzata. Il nuovo servizio telematico di segnalazione è disponibile sul sito:

https://servizi.lavoro.gov.it/

e permette alle aziende registrate e ai datori di lavoro di inserire direttamente i dati di riferimento dei rapporti di lavoro con i lavoratori autonomi incaricati. Il nuovo servizio prevede tre opzioni per indicare la durata del rapporto di lavoro: fino a sette giorni, fino a 15 giorni e fino a 30 giorni. Se il rapporto di lavoro dura più a lungo, la notifica deve essere rinnovata.

Per quanto riguarda i contenuti e le tempistiche della comunicazione, nonché per i dettagli utili ad identificare sia i soggetti tenuti ad inviare le comunicazioni, sia le tipologie di lavoratori autonomi oggetto di comunicazione, si rimanda alla nota dell’Ispettorato nazionale del lavoro n. 0000029 del 11.01.2022 (reperibile qui).
  • Numero:  2900
  • Ultima modifica: 3.5.2022

Questa risposta è stata utile? 167 159 No